laRegione
laR
 
11.09.21 - 05:00

Fiscalità, socialità e il rischio del 'dare per avere'

Autunno politico: sulle spalle del Ppd (e non solo) grava ora un’enorme responsabilità, quella della coerenza.

fiscalita-socialita-e-il-rischio-del-dare-per-avere
È giunta l'ora di intrecciare le 'giuste alleanze' (Ti-Press)

Il vero rischio della valida iniziativa fiscale del Ppd è che finisca per diventare moneta di scambio in Gran Consiglio, ovvero un dare per avere tra i partiti di centro. Se da un lato appare sensata l’idea di introdurre una deduzione a livello di imposte per il canone d’affitto pagato dai contribuenti del ceto medio (il 30% del costo della locazione, massimo 8mila franchi, per le persone con figli a carico e un reddito netto inferiore a 100mila franchi; fino a 6mila franchi per le persone sole con un reddito massimo di 75mila); dall’altro il “costo” per il fisco dell’eventuale approvazione di questa iniziativa in parlamento potrebbe essere molto più alto dei 40 milioni ipotizzati: in sostanza il doppio, se pur di ottenerla i popolari democratici dovessero dare il proprio nullaosta agli sgravi voluti dal partito liberale – al momento è quasi inutile continuare ad aggiungere ‘radicale’ alla fine – per i grandi contribuenti. Tutto questo in un contesto di conti pubblici in profondo rosso: l’ultimo aggiornamento del preventivo 2021 parla di 156 milioni di deficit.

In pratica il timore è che i pipidini, pur di fare passare la loro proposta, si vedano tentati a scendere a compromessi con il Plr: ‘Votateci la nostra, noi vi votiamo la vostra’, potrebbe essere il ‘gentlemen’s agreement’ tra i due presidentissimi, fino a poco fa acerrimi nemici. “Speziali mente sapendo di mentire”, tuonava Dadò subito dopo l’affaire Ghisolfi. “Accuse irriflessive e impetuose”, la replica di Speziali. Ma il tempo passa e la politica è brava a dimenticare, soprattutto quando cominciano a scaldarsi i motori della campagna elettorale…

Sta di fatto che sulle spalle del Ppd (e non solo) grava ora un’enorme responsabilità: quella della coerenza. Di per sé l’idea di lasciare circa 500 franchi in più all’anno nelle tasche di liberi professionisti, piccoli e medi imprenditori e quadri aziendali – i principali beneficiari dell’iniziativa ‘Anche la casa pesa’–, lo ribadiamo, è buona: sono soldi che sicuramente confluiranno nell’economia reale. Diventeranno facilmente consumo, quindi gettito, quindi posti di lavoro. È questo il distinguo fondamentale rispetto all’iniziativa dei liberali per sgravare i ricchi e ricchissimi. Difficilmente la riduzione dell’aliquota delle persone facoltose voluta dal Plr avrebbe delle ripercussioni concrete sull’occupazione e sul Pil. È invece altamente probabile che la liquidità in più, frutto degli sgravi, una volta lasciata in mano ai grandi contribuenti finisca investita sui mercati finanziari o in qualche modo tesaurizzata. Motivo per cui il riscontro per l’economia ticinese risulterebbe praticamente nullo.

D’altro canto non ha tutti i torti Ivo Durisch, capogruppo del Ps, quando dice che la fiscalità non è lo strumento adeguato per fare socialità. In effetti la misura promossa dal Ppd non va ad aiutare le fasce più vulnerabili della popolazione: disoccupati, precari, famiglie monoparentali. Loro sono esenti dalle imposte. Ai socialisti però non dovrebbe sfuggire l’idoneità della misura proposta dai popolari democratici da un punto di vista macroeconomico, e cioè in termini keynesiani, quale forma di sostegno alla domanda aggregata.

A Ppd e Ps quindi il compito di intrecciare le “giuste alleanze” per favorire una politica sociale degna del suo nome, sorretta da una fiscalità al servizio della cittadinanza e non viceversa.

Leggi anche:

'Anche la casa pesa', il Ppd per la deduzione dell'affitto

Dadò affonda su Speziali: ‘Non dica bugie quando sa la verità’

Caso Ghisolfi, Speziali replica a Dadò: 'Accuse infondate'

Altri sgravi? L'offensiva liberale va controcorrente

Durisch (Ps): 'Deduzioni e affitti? Sbagliato usare la fiscalità'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
2 ore
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
1 gior
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
3 gior
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
4 gior
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
6 gior
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
1 sett
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
1 sett
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
1 sett
La realtà artefatta del Qatar
Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
1 sett
I guai di Letta (e del Pd)
La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett
Non perdere una guerra senza vincere la pace
In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
© Regiopress, All rights reserved