laRegione
LA TRAVE NELL’OCCHIO
11.09.21 - 16:44

Ma quale libertà?

Insisto sull’argomento, sollecitato da qualche amichevole e palesata discordanza di vedute e pure – presumo – da qualche infastidito e definitivo vaffa

di Andrea Ghiringhelli
ma-quale-liberta
Una recente manifestazione No Vax a Berna (Keystone)

Insisto sull’argomento, sollecitato da qualche amichevole e palesata discordanza di vedute e pure – presumo – da qualche infastidito e definitivo vaffa. Libertà: parola usata, abusata, urlata, gridata, travisata, equivocata, storpiata, strumentalizzata. È in prima fila perfino nelle adunate con il braccio teso e lo sguardo truce, straripa e abbonda sui cartelloni. Noi cittadini nati nel Secondo Dopoguerra ci dovremmo rallegrare per tanta iperbolica profusione. In fondo è in quegli anni che si edificò lo Stato democratico liberale: i tristi precedenti convinsero i nostri padri che non vi è libertà senza democrazia e non vi è democrazia senza libertà.

Ma, a dire il vero, ho qualche forte divergenza interpretativa sulla libertà esibita e gridata dai piazzaioli e pure dai più cauti e discreti rinunciatari del vaccino: non è la libertà che mi è stata insegnata. Perché non è libertà quella che traccia poderosi solchi fra noi e gli altri. E non è libertà quella ostentata come esclusivo affare del singolo, come illimitata possibilità di ogni individuo di disporre e scegliere a prescindere dagli altri: in fondo questo modo di intendere la libertà non prevede nessuna reciprocità e può arrivare a percepire l’interesse collettivo come un ostacolo e un impedimento.

Lo storico americano Eric Foner ce lo dice: i suoi compatrioti giustificano ogni comportamento, anche il più turpe, con una formula famosa, ‘It’s a free country!’. Tradotto: è un paese libero e faccio quello che mi pare! Insomma, quella libertà esibita oggi da troppi è una libertà “solitaria”, egoista, che regge un solo pronome, l’‘io’, è di esclusiva pertinenza del singolo ed è rivendicata a costo di danneggiare gli altri: quindi, per restare sull’attualità, “non mi vaccino perché non lo voglio in nome della mia libertà”!

Non mi pare che così la intendesse quel padre del liberalismo di qualche secolo fa, che ci ricordava che la ragione “insegna a tutto il genere umano che nessuno deve danneggiare la vita, la salute, la libertà e i possessi altrui”: per logica deduzione concludeva che la libertà di ognuno non può essere assoluta perché tutti sono portatori di uguali diritti. La Dichiarazione universale dei diritti umani del 1948 riprende il concetto e associa indissolubilmente la libertà allo spirito di solidarietà collettiva, al diritto alla vita e alla sicurezza.

Quindi la vera libertà contiene due pronomi, l’‘io’ e il ‘noi’, e ripudia il ‘voi’ che separa. Cosa significa tutto ciò? Semplicemente che il confine della libertà è dato dal rispetto del bene comune (l’‘io’ nel ‘noi’). Quindi chi rifiuta il vaccino ha il diritto di farlo per motivi suoi, ma non può farlo in nome della libertà perché il suo atteggiamento non ammette il ‘noi’. E infatti non si preoccupa della sicurezza collettiva e dei costi sociali che genera (sono soprattutto i non vaccinati ad assecondare il contagio: debbono giustamente essere curati in nome della Libertà Eguale, ma intanto gli altri aspettano fuori).

Quindi sfoggiamo pure tutto il nostro eloquio, convochiamo i renitenti per convincerli. Se poi recalcitrano e persistono nel diniego, beh!, allora accettino di restare in disparte, sempre per libera scelta, e non parlino sventatamente di discriminazione. In genere, chi sale sul treno paga il biglietto: c’è però la categoria dei free rider che vogliono salire senza pagarlo, pur beneficiando di un bene pubblico. Come i free rider del vaccino: aspettano l’immunità di gregge, ma non partecipano allo sforzo collettivo e il biglietto proprio non vogliono pagarlo. Quindi, d’accordo, incoraggiamoli con le buone parole perché in democrazia si fa così. Ma non dimentichiamo quanto diceva il primo ministro inglese Clement Attlee: discutere con fervore fa bene alla democrazia, ma poi bisogna trovare il modo di far tacere i chiacchieroni inconcludenti (e non è facile) per poi darsi da fare.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
3 ore
L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi
Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
3 ore
Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto
Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
1 gior
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
3 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
3 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
4 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
5 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
6 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
1 sett
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
© Regiopress, All rights reserved