laRegione
la-lega-i-padronazzi-e-la-gobba-di-igor
‘Gobba? Quale gobba?’
laR
 
10.09.21 - 05:30
Aggiornamento: 13:56

La Lega, i padronazzi e la gobba di Igor

Pseudosindacato leghista aiuta alcune imprese ad aggirare la nuova legge sul salario minimo per pagare poco i frontalieri. Però va tutto bene, eh

Ricapitolando: c’è un buco nella legge sul salario minimo, una scappatoia che consente di continuare a pagare meno i dipendenti, sempre che a stabilirlo sia un contratto collettivo; alcune aziende corsare vogliono a tutti i costi passarci, da quel buco, sicché si inventano un foglio di carta ad hoc e mettono i dipendenti – perlopiù frontalieri – di fronte al bivio: o firmate per il solito piatto di lenticchie o la porta è lì. La storia sarebbe già sordida così, ma qui arriva la pennellata da maestri, il tocco di classe tipicamente nostrano: a fare da sensale per il nuovo contratto è TiSin, pseudosindacato giallo (pardon, “associazione in difesa del lavoro”) vicino alla Lega dei Ticinesi, con un comitato fondatore che include il capogruppo e la vicecapogruppo in Gran Consiglio. Proprio lo stesso movimento del ‘padroni a casa nostra’, quelli che a sentir loro tirerebbero su un muro a Brogeda.

Ora, invece, viene fuori che approfittare dei ‘tagliàn’ è meglio che cacciarli. Ancora una volta – era già successo con le segretarie frontaliere di Battista Ghiggia, all’epoca candidato agli Stati – il primanostrismo leghista si rivela per quello che è: una congerie di specchietti per le allodole e cianfrusaglie ideologiche lasciate a prender polvere tra un’elezione e la successiva, quando le priorità sono altre. Lo dimostra il silenzio dei diretti interessati, come da consumato copione politico: fingiti morto e l’orso se ne andrà. Chissà cosa ne penseranno ‘i noss gent’, che il ‘Mattino’ aizza ogni domenica contro chiunque abbia il passaporto del colore sbagliato.

Attenzione, però, a non superarli a destra: qui il problema non sono i frontalieri in quanto tali, senza i quali l’economia di questo cantone chiuderebbe domani; lo è semmai un sistema di aziende – non tutte, ma sempre troppe – che li spremono per salari inaccettabili in Ticino alimentando un’economia a basso valore aggiunto, un suk popolato da furbetti che tirano a campare sul lavoro a buon mercato. Un sistema che naturalmente genera frizioni con le componenti più fragili della popolazione residente: è qui che s’innesta il cuneo leghista, teso a sfruttare l’ostilità senza risolverne le ragioni profonde, vuoi mai che gli tocchi inventarsi un altro nemico o addirittura fare lotta sociale di quella vera.

Ora si tratterà di capire cosa fare per proteggere un salario minimo già stenterello: le proposte di intervento e modifica al testo di legge sono parecchie, ma ci vorrà tempo e non sarà facile. Però l’affare TiSin solleva dubbi che trascendono il caso specifico e le stesse ipocrisie leghiste. Ci costringe a chiederci se vogliamo sul serio superare un’economia fatta di scorciatoie, sgravi e sussidi a casaccio, controlli distratti e rendite di posizione; un’economia che magari aiuta a far quadrare i bilanci pubblici e a trovare i soldi per un giardinetto o un’asfaltatura, ma si dimostra sempre più iniqua e insostenibile. Le soluzioni dipendono molto da fattori globali, certo. Ma intanto non aiuta la diffusa tendenza a canticchiare che ‘tout va très bien, Madame la Marquise’. Quel fenomeno di rimozione collettiva per cui persino il direttore dell’Istituto di ricerche economiche ha appena ribadito che no, tranquilli, siamo gagliardi e competitivi. Torna in mente l’Igor di ‘Frankenstein Junior’: “Gobba? Quale gobba?”.

Leggi anche:

In tre industrie si vira sul Ccl. 'Aggirato il salario minimo'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lega salario minimo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
10 ore
Conferenza, assenza & resilienza
Una parola magica, tanti (troppi) Paesi che si sono defilati: resta la sensazione di un’incompiuta, anche perché non si capisce cosa accadrà in Ucraina
Commento
1 gior
L’Urc2022, Cassis e la Storia
C’è stato Marignano, certo, ma ora c’è Mariupol: il Consiglio federale ha avviato de facto una revisione della politica di neutralità
Commento
1 gior
Fedez e la Corte Suprema dentro di noi
Gli scempi in nome dei vecchi valori di una volta sono sotto gli occhi di tutti, ma per ergerci a giudici ci basta che un rapper non conosca Strehler
Commento
3 gior
Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità
La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
4 gior
L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’
Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
5 gior
Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij
Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
5 gior
Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese
Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
1 sett
Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona
L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 sett
La Corte suprema Usa e i suoi imam
Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
1 sett
A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)
Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
© Regiopress, All rights reserved