laRegione
laR
 
09.09.21 - 05:30
Aggiornamento: 14:13

Eppure il vaccino non fa l'unanimità

Forse un primo passo per vincere qualche resistenza del fronte no-vax sarebbe quello di ripristinare la gratuità dei test diagnostici

eppure-il-vaccino-non-fa-l-unanimita
(Ti-Press)

L’unica alternativa a nuovi lockdown si chiama Covid pass. Sembra essere questa, in estrema sintesi, la conclusione alla quale è giunto ieri il Consiglio federale. In effetti il governo ha deciso di non attendere oltre e di estendere a partire da lunedì prossimo l’uso obbligatorio del certificato Covid praticamente a tutte le attività al chiuso: bar, ristoranti, musei, teatri, palestre, piscine. Questo per evitare, appunto, di dover attuare misure più restrittive, come successo lo scorso autunno.

Nel frattempo in Ticino anche il Consiglio di Stato si è mosso, decidendo l’obbligatorietà di eseguire test regolari al personale sanitario non vaccinato e adottando l’uso del certificato per i visitatori di cliniche e ospedali. Nelle scuole, poi, il governo cantonale ha mantenuto l’obbligo delle mascherine in aula per i docenti e per gli allievi delle Medie non vaccinati almeno fino alle vacanze autunnali.

Alla base delle decisioni governative, sia a livello federale che a livello cantonale, vi è la volontà di evitare il sovraccarico delle strutture sanitarie, alle prese con una situazione particolarmente tesa nei reparti di cure intense: ad oggi circa l’85% dei letti in terapia intensiva è occupato. Tra le persone ricoverate “che lottano per la propria sopravvivenza”, ha ribadito ieri il consigliere federale Alain Berset, nove su dieci non sono vaccinate. Ed è per questo che le autorità hanno rinnovato con determinazione l’appello affinché più persone si vaccinino il più rapidamente possibile.

Ma lo sappiamo: il vaccino non fa l’unanimità. È un dato di fatto che sarebbe imprudente ignorare di fronte a circa metà della popolazione non ancora vaccinata, tra cui diversi apertamente contrari all’inoculazione del siero. A livello sociale poi si accentua sempre di più la spaccatura tra pro-vax e no-vax.

Lontani restano i primi tempi della pandemia, quelli degli applausi al personale sanitario dai balconi e delle catene di solidarietà spontanea per assistere le persone anziane. Oggi invece lo scenario è tutt’altro, quasi di scontro aperto tra due fazioni.

Questo “dialogo tra sordi”, come scriveva ieri su queste colonne la consigliera nazionale Greta Gysin, non è di certo la via che ci permetterà di proteggerci in modo efficace dal virus, e tanto meno di lasciarci alle spalle la pandemia. Il Covid pass è un valido strumento di prevenzione, ma probabilmente è poco adatto a convincere le persone più scettiche a vaccinarsi. Ed è pure vero ciò che afferma il presidente della Confederazione, Guy Parmelin: “I titolari del pass avranno vantaggi notevoli rispetto alle persone che ne sono sprovviste”.

Forse un primo passo per vincere qualche resistenza del fronte anti-vaccino sarebbe quello di ripristinare la gratuità dei test diagnostici. E così garantire la parità di trattamento a tutte le persone di fronte all’estensione dell’uso del certificato. Ricchi e poveri, vaccinati e non.

In fondo è una regola d’oro per qualsiasi processo di mediazione tra due posizioni in netto contrasto: l’altra parte deve sentirsi ascoltata e rispettata nella sua scelta, pure quando non la si condivide, nonostante la sua irragionevolezza e pericolosità. Soltanto da lì in poi ci potrà essere la possibilità di costruire un vero dialogo, che metta al centro la necessità di agire insieme come collettività per porre fine a questo flagello.

 

Leggi anche:

Certificato Covid per i luoghi al chiuso dal 13 settembre

Obbligo di test per sanitari non vaccinati, pass Covid per i visitatori

Una ferita profonda tra pro-vax e no-vax

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
6 ore
Un film brutto e già visto
Una Svizzera priva di carattere viene umiliata (6-1) ed eliminata agli ottavi di finale dal Portogallo
IL COMMENTO
1 gior
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
2 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
4 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
5 gior
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
5 gior
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
6 gior
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
1 sett
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
1 sett
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
© Regiopress, All rights reserved