laRegione
piu-o-meno-tasse-per-i-super-ricchi
Dal 2012 al 2017 i patrimoni dei più abbienti sono cresciuti del 48% (Ti-Press)
Commento
 
17.09.21 - 20:330

Più o meno tasse per i super ricchi 

I grandi contribuenti devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica

C’è un interrogativo che aleggia sul Ticino: i grandi ricchi devono essere tassati maggiormente o sgravati? Ci sono due possibili risposte suggerite dalla politica. La prima, l’iniziativa popolare federale “Sgravare i salari, tassare equamente il capitale”, detta anche iniziativa 99%, proposta dai Giovani socialisti: chiede che il reddito da capitale (superiore a 100mila franchi) sia tassato in ragione del 150%. La seconda, proposta a livello cantonale dal Partito liberale, invita a ridurre l’imposizione degli alti redditi. L’aliquota massima per le persone fisiche, con redditi più alti, andrebbe ridotta dal 15 al 13% e poi fino all’11,6%.

Il Plr va controcorrente. Nel mondo intero la tendenza degli Stati – anche a causa della pandemia – è di aumentare la tassazione dei super ricchi. Il Fondo monetario internazionale ricorda che il Covid ha “esacerbato le preesistenti disuguaglianze di reddito” e avanza l’ipotesi di introdurre una tassa sulle grandi ricchezze. Il Plr contrasta anche la possibile tassa minima globale del 15% che l’Ocse intende imporre alle grandi imprese: “Visto che la Svizzera diventerà meno attrattiva per queste grandi imprese, il nostro obiettivo è di giocare nuove carte sul piano dell’imposizione sulle persone fisiche”. La litania liberale (poco radicale) è che la concorrenza intercantonale penalizza il Ticino, da dove i grandi ricchi scapperebbero. Ci si basa sul ferrovecchio della concorrenza fiscale intercantonale (il federalismo non ha solo virtù) per proporre uno sgravio fiscale ai grossi contribuenti, che poi potrebbe determinare una correzione del moltiplicatore cantonale, svuotando le tasche alla classe media. Dati certi su quanti super ricchi sarebbero emigrati non se ne vedono: c’è chi va e chi viene, poche decine.

In compenso, il mercato immobiliare rivela che le abitazioni che costano più di dieci milioni vanno a ruba in Ticino e il fisco incassa. Il numero dei grossi contribuenti è in continua ascesa. Le persone con un patrimonio netto di oltre 10 milioni di franchi erano 283 nel 2008 e 746 nel 2017. Con un patrimonio tra 5 e 10 milioni erano 1’225, più che raddoppiati in nove anni. Inoltre, nel cantone, a fine 2020 c’erano 62 paperoni extraeuropei (globalisti) che beneficiavano dell’imposizione forfettaria. I ricchi sono sempre più ricchi! Dal 2012 al 2017 i patrimoni dei più abbienti sono cresciuti del 48%.

Il 26 settembre d’altronde si voterà in tutta la Svizzera sull’iniziativa 99%. Ciò che lo Stato incasserebbe, si stima fino a una decina di miliardi di franchi, dovrebbe essere redistribuito a chi ha più bisogno o investito in opere di pubblica utilità. Governo e parlamento sono contrari e ritengono che “i redditi siano distribuiti equamente e il capitale già tassato in modo piuttosto elevato” e che “l’iniziativa indebolisca la piazza finanziaria”. Gli oppositori affermano che l’iniziativa non è chiara e potrebbe penalizzare piccoli e medi imprenditori. In effetti, la norma costituzionale afferma il principio, poi sarà il parlamento a definire i dettagli, quindi c’è margine di manovra (e di annacquamento). Esperti economisti, Saez e Zucman, stimano che i ricchi possano essere tassati con aliquote del 73%. Secondo il Nobel Paul Krugman nessuno studio serio conferma che i tagli fiscali ai più ricchi abbiano effetti benefici sull’economia.

Morale: l’iniziativa 99% è in linea con l’Fmi, con l’Ocse, ecc. Il Plr ha solo scopiazzato dall’armamentario Udc.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
4 ore
Spesa e tagli, perché il no del Ps al referendum non convince
Il non contrastare l’iniziativa Morisoli raccogliendo le firme è un’occasione persa. Se la situazione è davvero così grave meglio l’attacco della difesa
Commento
1 gior
Sostiene Barbero (sfidando l’uragano)
Da qualche giorno il famoso medievista è bersaglio di uno ‘shitstorm’ per una sua opinione sulle disparità sociali di genere
LA TRAVE NELL’OCCHIO
2 gior
Ora sono pronto a vedere in manette Papa Francesco
La condanna di Mimmo Lucano è solo l’ultimo esempio di una giustizia sorda alla necessità di disubbidire, quando le leggi violano i diritti naturali
Commento
2 gior
Il San Gottardo senza i social
Vent’anni dopo la tragedia del 24 ottobre, che causò undici morti, una riflessione sui tempi della cronaca
Commento
4 gior
Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse
Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera
Commento
5 gior
È giunta l’ora delle aggregazioni
Nel Basso Mendrisiotto sei Comuni si sono seduti allo stesso tavolo per parlarne. L’ultima volta, nel 2007, non era andata bene
Commento
6 gior
Quelli col poster di Ronald Reagan
L’iniziativa per contenere la spesa pubblica è l’ennesimo proclama di chi ancora crede a ricette obsolete, screditate quasi ovunque
L’OSPITE
6 gior
Per un salario certificato
Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici
Commento
1 sett
Si fa le valigie per lavorare pagati dignitosamente
Ad andarsene sono i giovani, quelli che fonderanno altrove start-up. È tempo d’investire per tenerli in Ticino
Commento
1 sett
Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine
Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile