laRegione
giochiamo-pur-sempre-nel-campionato-svizzero
Ti-Press
laR
 
04.09.21 - 05:30

Giochiamo pur sempre nel campionato svizzero

Competitività, quello che dicono le classifiche di confronto intercantonale

La realtà istituzionale svizzera è così da sempre: si presta, più di quella di altri paesi europei, a stilare classifiche di ogni genere che possono andare dai cantoni più piovosi, a quelli con i prezzi degli alloggi più alti o alle rette degli asili nido più convenienti, passando per l’immancabile graduatoria fiscale. E ogni volta che si compila una classifica, qualunque sia il campionato in cui si gioca, c’è un primo posto e un ultimo. Il campionato del federalismo svizzero, per fortuna senza retrocessione, è composto da 26 squadre.

Il Ticino, stando agli ultimi due studi, uno sulla competitività dei Cantoni (Ubs) e l’altro sulla qualità della localizzazione (Credit Suisse), non primeggia. Non è ultimo, ma rimane nella zona bassa della classifica generale: 21° in un caso e 23° nell’altro. Questo non vuol dire che il potenziale di crescita economica a lungo termine sia nullo o limitato. Semplicemente, rispetto agli altri concorrenti nazionali, le opportunità ticinesi e dei cantoni con i risultati più bassi sono inferiori alla media. Se si allarga il confronto al contesto internazionale, tali realtà sono e restano di gran lunga più competitive di altre regioni del mondo.

Ma cosa ci dicono in realtà queste classifiche? L’indice dell’Ubs è costruito prendendo in esame una serie di parametri, ben 56, riassunti in otto ambiti tematici: struttura economica; innovazione; capitale umano; mercato del lavoro; accessibilità; bacino di competenza; livello dei costi e finanze pubbliche. Per sei di questi il Ticino ha ricevuto un voto non distante dalla media svizzera: sufficiente, diciamo così. In due materie – capitale umano e mercato del lavoro – la valutazione è invece negativa. Gli economisti di Ubs ci stanno dicendo che su questi due punti non siamo messi, obiettivamente, così bene rispetto ad altri cantoni. Non è colpa del termometro se fa freddo o caldo. È così e basta. Questo per dire che la pretesa maggiore competitività ticinese che deriverebbe dalla vicinanza con la Lombardia, ampio bacino di reclutamento di manodopera specializzata, non è veramente tale perché come tutte le medaglie ha due facce: se da un lato non si hanno troppe difficoltà a trovare alti profili professionali oltre confine, la pressione sul mercato del lavoro locale è però tale da spingere molti giovani qualificati a cercare opportunità altrove. Il saldo migratorio interno mostra anche per il 2020 un deflusso dal Ticino verso il resto della Svizzera. Una tendenza in atto da anni, ormai. E questo è un dato, non una congettura.

Anche l’invecchiamento della popolazione, più alto in Ticino, incide sulla scarsa dinamicità del mercato del lavoro locale che presenta sì un tasso di disoccupazione in linea con quello nazionale, ma ha molti più disoccupati di lunga durata. Insomma, se si perde il lavoro, ci vuole più tempo a trovarne un altro. Pure questo è un dato oggettivo. La demografia, infine, incide sulla spesa sociale e sanitaria. E qui entra in gioco lo studio del Credit Suisse sull’indice della qualità della localizzazione (in pratica dove conviene di più, ad aziende e persone, stabilirsi) che dà più peso alla fiscalità. Con una popolazione che invecchia, la spesa pubblica è destinata a crescere e il gettito a calare. I vigorosi tagli fiscali auspicati da qualcuno rischiano solo di appesantire la competitività invece di liberarla. Sarebbe molto meglio concentrarsi su politiche che cerchino di invertire la tendenza demografica, aumentino la partecipazione delle donne al mercato del lavoro e formino adeguatamente il futuro capitale umano. E questo per continuare a giocare nel campionato svizzero.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
competitività confronto mercato lavoro
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
2 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
3 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
4 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
5 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
Commento
1 sett
Chi parla in corsivo, chi offende in grassetto
Elisa Esposito, la ‘professoressa di cörsivœ’, è il personaggio rivelazione dell’estate. I leoni da tastiera la massacrano, ma ha già vinto lei
© Regiopress, All rights reserved