laRegione
laR
 
02.09.21 - 05:30
Aggiornamento: 11:36

Abel Braga non era un uomo del presidente

L'esonero dell'allenatore brasiliano del Lugano risponde a una logica precisa: chi comanda è solito affidarsi ai propri uomini di fiducia

abel-braga-non-era-un-uomo-del-presidente

Due vittorie e due sconfitte sono un valido motivo per un esonero? Nel calcio in cui tutto o quasi è concesso, in cui tutto è già stato detto o visto, nulla deve sorprendere più. Tuttavia, riferendoci all’esonero di Abel Braga, sollevato dall’incarico di allenatore del Lugano dalla nuova proprietà facente riferimento a Joe Mansueto, le ragioni della defenestrazione del tecnico brasiliano, uomo di sani principi e di titoli messi in bacheca, non sono da ricondurre ai risultati.

Restando in tema di sorprese, stupisce semmai che sia stato inizialmente scelto lui per avviare il nuovo corso bianconero. Nulla da dire sul suo profilo, sul curriculum e sulle capacità professionali, assolutamente comprovate e a prova di contestazione. Fosse solo una questione di bravura, alla guida del Lugano ci sarebbe ancora lui. Il problema che rende un po’ enigmatica la sua permanenza a Cornaredo, è semmai il fatto che a Lugano era arrivato in quanto introdottovi da Thyago De Souza, il suo connazionale che si professava proprietario del club senza averne il men che minimo diritto.

Per una struttura che si appoggia ai Chicago Fire e che opera nel calcio ai più alti livelli, sia come disponibilità sia come “know-how”, è impensabile lanciare il proprio progetto senza che al timone vi sia un uomo di fiducia. Al netto del profilo del tecnico del brasiliano sul quale non si può nemmeno abbozzare un accenno di critica, Braga era l’uomo dell’altra proprietà, non di quella attuale, regnante a giusto titolo dopo aver ricevuto l’investitura da parte di chi - Angelo Renzetti - la barca l’ha condotta sempre in porto per undici anni, in mari a volte anche in tempesta.

Per bocca del suo Ceo, Martin Blaser, il Lugano ha giustificato il provvedimento con la volontà di agire per il bene del club e per il buon funzionamento, a medio e lungo termine, di un progetto che con una guida diversa da Braga porterà a un salto di qualità della squadra. Legittimo, agire per il bene della società della quale si è assunto la proprietà e, quindi, il controllo. Le ragioni di ordine tecnico contano poco, Sono di natura strategica i motivi che hanno portato all’avvicendamento. Come del resto è giusto, o logico, che sia. Chi opera con una struttura solida e forte economicamente nel mondo del calcio professionistico, è abituato a muovere le proprie pedine e a mettere i propri sodali nelle posizioni di comando. È accaduto a livello dirigenziale, era sorprendente che non avvenisse in squadra.

Non che non potessero agire prima, trovando la classica buonuscita con un tecnico che si erano ritrovati in casa senza invitarlo, ma va dato atto alla nuova proprietà di essersi mossa con una certa signorilità, attendendo di essere “autorizzata” a farlo, nel rispetto dei ruoli. Ciò non toglie che un esonero a stagione in corso non è un bel segnale. È una decisione ponderata e frutto di attente valutazioni, non ci permettiamo di dubitarne, ma priva la squadra di una guida alla quale si era affidata, destabilizza un po’ i giocatori che la subiscono, per quanto possano essere professionisti, nonché lo stesso ambiente bianconero, che di tutto avrebbe bisogno, fuorché di decisioni che alimentano discussioni, sollevano perplessità e accendono il dibattito. Inevitabilmente, anche quello politico.

Leggi anche:

L'Fc Lugano esonera Abel Braga

Martin Blaser: ‘Giusto così, nell'interesse del Lugano’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
21 ore
Un film brutto e già visto
Una Svizzera priva di carattere viene umiliata (6-1) ed eliminata agli ottavi di finale dal Portogallo
IL COMMENTO
2 gior
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
3 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
5 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
5 gior
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
6 gior
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
1 sett
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
1 sett
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
1 sett
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
© Regiopress, All rights reserved