laRegione
il-pass-e-quella-infantile-concezione-della-liberta
Un'iconografia nefasta (Keystone)
laR
 
06.08.21 - 05:30
Aggiornamento : 15:04

Il pass e quella 'infantile concezione della libertà'

Francia, Italia, Germania: la quarta ondata non lascia alcuna scelta, la corsa contro il tempo dei governi incalzati dalla variante Delta è già scattata

di Roberto Antonini, giornalista Rsi
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

In Italia si comincia proprio oggi. In Francia, dopo il disco verde dato ieri dal Consiglio costituzionale, l’obbligo scatterà lunedì prossimo. In Germania il decreto è previsto per settembre. Da noi in Svizzera si tergiversa ancora: a Locarno Alain Berset esterna una calcolata accortezza e parla di “un’opportunità offerta alla popolazione”, posizione ancor più prudente di quella dell’ex presidente della Commissione nazionale di Etica Christoph Rehmann-Sutter per il quale il certificato Covid costituisce un’opzione “assolutamente ragionevole”. È comunque già in vigore per alcune manifestazioni oltre che per i viaggi all’estero. Il “green pass” in versione italiana o “pass sanitaire” in quella francese è ormai una realtà dalla quale nessun Paese sarà prima o poi in grado di prescindere.

La quarta ondata non lascia alcuna scelta, la corsa contro il tempo dei governi incalzati dalla variante Delta è già scattata. La piazza tuttavia non demorde: in Francia in particolare il veleno dei no vax si riversa nelle strade, dove folle sempre più numerose in cui convergono frange dai colori politici che ricordano quelli dei “gilets jaunes” (dalla destra estrema dei “Patriotes” di Florian Philippot alla sinistra radicale dell’arruffapopolo Jean-Luc Mélenchon, tutto fa brodo in chiave anti-Macron) e sindacati moribondi in chiara difficoltà di prevendita inscenano un’escalation che si traduce in inquietanti derive verbali. La banalizzazione della violenza nelle parole (“collabos, assassins”) ha ormai tracimato ogni argine del buon senso. Il “famigerato” documento sanitario assume i contorni dell’imposizione nazista: il pass diventa il paSS, baldanzosi ci si appiccica addosso sulla t-shirt la stella gialla con la dicitura “non vaccinato”.

In aggiunta alle teste calde, anche qualche testa pensante, a riprova di quanto il narcisismo da social prevalga alla fine sempre sul senso del ridicolo, si butta a capofitto nella mischia. Diego Fusaro, filosofo marxista di formazione, passato al sovranismo più urlato e sconclusionato – ma proprio per questo popolare su Facebook – taglia corto: la tessera “è di natura politica e non medica, mira a discriminare chi non giura fedeltà all’infame regime tecnosanitario”. Ci mettono del loro, seppur in forma meno rustica, Massimo Cacciari e Giorgio Agamben che in una controversa presa di posizione denunciano come “gravissimo” il fatto di discriminare, considerandola di serie B, un’intera categoria di cittadini (non vaccinati). Luc Ferry, ex ministro francese, filosofo di pensosa discrezione, e che contrariamente ai sopraccitati non disdegna il buon senso, conclude la sua riflessione stigmatizzando quella “infantile concezione della libertà” che allontana dalla scienza e riporta all’oscurantismo e alla negazione del valore della vita, la propria e quella degli altri che merita protezione.

Il pass assomiglia di fatto a un obbligo di vaccinarsi, è indubbio. E pone certamente questioni etiche importanti. Ma la storia della medicina e della scienza ci insegna che i successi delle campagne vaccinali (poliomielite o vaiolo) sono immensamente superiori agli errori e agli effetti indesiderati. La controversa tesserina ci accompagnerà vieppiù nella nostra vita, nei ristoranti, bar, teatri, manifestazioni sportive, scuole o trasporti. Non una limitazione alle libertà dunque. Ma la condizione necessaria per continuare a beneficiarne.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alain berset emmanuel macron francia germania green pass italia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
13 ore
Corsia per i Tir nel Mendrisiotto, quando la misura è colma
Nel Distretto spiazzano l’agire dell’autorità federale e il silenzio del Cantone. E monta la voglia di un’azione di protesta
L’analisi
15 ore
Il pacifismo, i valori assoluti e il ‘dilemma del carrello’
Risolvere l’esperimento noto come ‘trolley problem’ mette in crisi certe pretese di superiorità morale
Commento
2 gior
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
3 gior
I bastian contrari
Commento
3 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
4 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
6 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
6 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
1 sett
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
1 sett
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
© Regiopress, All rights reserved