laRegione
laR
 
28.07.21 - 05:30
Aggiornamento: 18:02

Altri sgravi? L'offensiva liberale va controcorrente

La concorrenza fiscale intercantonale è un dato di fatto. Ciò che pare sfuggire al Plrt è che nel mondo post Covid il vento sta girando da un'altra parte

altri-sgravi-l-offensiva-liberale-va-controcorrente
La proposta del Plrt comporterebbe una diminuzione del gettito di almeno 30 milioni

Le riforme che riducono le imposte ai più ricchi non hanno nessun effetto significativo sulla crescita economica di un Paese. È questa la tesi principale dello studio ‘The economic consequences of major Tax Cuts for the rich’, condotto dalla London School of Economics.

È molto probabile che i granconsiglieri del Partito liberale radicale ticinese (Plrt) non abbiano ancora letto lo studio britannico pubblicato nel dicembre 2020. Oppure se l’hanno fatto, hanno deciso di ignorarlo. Poco importa. Sta di fatto che la squadra guidata da Alessandro Speziali è giunta alla conclusione che era questo il momento opportuno per presentare una proposta di riduzione dell’aliquota massima dell’imposta sul reddito delle persone fisiche. Un’iniziativa che mira a sgravare in due tappe i redditi più alti, portando l’aliquota dal 15 al 13 per cento nel 2024, per poi attestarsi all’11,5 a partire dal 2026. Lo scopo, stando ai liberali, è mantenere l’attrattività del Ticino agli occhi dei grandi contribuenti.

Da un lato hanno ragione, la concorrenza fiscale intercantonale è un dato di fatto. Ma quello che pare essere sfuggito al Plrt è che nel mondo post-Covid il vento sta girando da un’altra parte (Biden e la global tax del 15% insegnano). Non sarebbe affatto strano che più presto che tardi anche in Svizzera si riapra il dibattito sulla corsa al ribasso attuata dai Cantoni in materia di tassazione.

Nel frattempo gli specialisti del Centro di competenze tributarie della Supsi hanno stimato in circa 30 milioni di franchi il costo del pacchetto presentato ieri. Una possibile compensazione per il fisco potrebbe arrivare dall’aumento del moltiplicatore cantonale d’imposta, tramite una decisione del Gran Consiglio di abrogare la riduzione di quattro punti decisa in precedenza. Una mossa che il popolare democratico Maurizio Agustoni non ha esitato a definire “paradossale”, in quanto implicherebbe “che il ceto medio debba pagare più imposte per finanziare il sostanzioso sgravio al 2,7% più ricco della popolazione”. A sinistra invece il no alla proposta di sgravi è netto: si tratta, secondo Ivo Durisch, capogruppo socialista, di “un’iniziativa ingiusta, ingiustificata e inopportuna”.

Che poi sia il partito del consigliere di Stato Christian Vitta a farsi avanti con un atto parlamentare di questo tipo non può che farci riflettere. Quanto è coinvolto il direttore del Dfe nell’allestimento di questo progetto? E poi: come mai si è tutt’a un tratto disposti a rinunciare a una trentina di milioni di gettito quando, è noto, la casse dello Stato sono ancora sofferenti a causa della pandemia? Non eravamo tutti preoccupati per il deficit pubblico (intorno ai 160 milioni)? Che cosa è cambiato?

‘L’umanità è più importante dei nostri soldi. Per favore, tassateci, tassateci, tassateci”. Era l’appello dei ‘Millionaires for the Humanity’. Miliardari di tutto il mondo che chiedono alle autorità di aumentare le loro imposte per “riequilibrare il mondo prima che sia troppo tardi”. Si riferivano tra l’altro alla pandemia come un’opportunità, una circostanza che ha messo in evidenza come certi problemi non possano essere risolti né con la beneficenza, né tantomeno con l’obsoleta teoria del ‘trickle down’ (sgocciolamento).

Certo che oggi la cosiddetta ‘offensiva liberale’ sembra andare controcorrente.

Leggi anche:

'Rendere il Ticino fiscalmente attrattivo per i redditi alti'

Tassiamoli, tassiamoli, tassiamoli

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
23 ore
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
1 gior
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
1 gior
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
2 gior
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
3 gior
Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico
Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
3 gior
Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata
Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
4 gior
Neutralità tra coerenza e opportunismo
Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
IL COMMENTO
6 gior
Interpellanze in zucche: l’immorale ‘magia’ di Unitas
La richiesta di risposte chiare in merito all’audit sull’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana potrebbe trasformarsi in interrogazione
Il commento
1 sett
Razzismo e negazionismo: ho sognato che era tutto vero
Qualche considerazione – onirica e no – partendo dal documentario ‘Je suis noires’, della regista svizzera Rachel M’Bon
IL COMMENTO
1 sett
Sentenze, audit (Unitas)... opacità di Stato
Nonostante sia ancorata a una legge cantonale, la trasparenza resta in diversi casi l’eccezione
© Regiopress, All rights reserved