laRegione
olimpia-e-il-prezzo-della-felicita
(Keystone)
laR
 
24.07.21 - 05:25

Olimpia e il prezzo della felicità

Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Montréal 1976, Atene 2004, Rio 2016. Tre edizioni delle Olimpiadi, tre disastri economici. I Giochi del ’76 contribuirono tanto a mettere la città canadese sulla mappa del mondo quanto a devastarne i conti. I costi di quell’Olimpiade lievitarono fino a lasciare un buco da 1 miliardo e mezzo di dollari che, a distanza di 40 anni, non era ancora stato coperto.

Gli economisti tendono a far coincidere l’inizio della fine della Grecia con il 2004, anno del costoso ritorno della fiamma a Olimpia. Rio dopo la doppietta Mondiale-Olimpiade del 2014-2016 si lecca ancora le ferite. E dire che lì le polemiche erano già calde ancora prima che il braciere si accendesse. Il mondo festeggiava lo sport e sé stesso in un Paese che da festeggiare non aveva nulla.

Ora le Olimpiadi non le vuole più nessuno. Dopo decenni, nel secolo scorso, in cui ci si doveva fare largo a gomitate, le candidate per i Giochi del 2024 erano solo due: Parigi e Los Angeles. Alla fine, il Cio ha deciso di dare quelle del 2024 ai francesi e quelle del 2028 agli americani, così per un po’ non se ne parla più. Il 2032? Pare ancora lontano eppure tre giorni fa il Cio le ha assegnate a Brisbane, in Australia, unica in lizza.

Nel ’900 ospitare un’Olimpiade era un modo per esibire i muscoli e avere i riflettori puntati su di sé. I Giochi sono sempre andati a braccetto con gli interessi economici e geopolitici del momento. Berlino ’36 in pieno delirio nazista, Londra ’48 a celebrare i vincitori del conflitto mondiale, Roma ’60 nell’Italia del boom, Mosca 1980 seguita e Los Angeles 1984 con tanto di boicottaggi incrociati, per scontentare tutti e nessuno; la rampante Corea di Seul ’88 e la grandeur cinese di Pechino 2008. “Follow the Olympics” è persino più infallibile di “follow the money”. Trovavi le Olimpiadi e trovavi da che parte andava il mondo.

In parte svuotate della loro mistica geopolitica del mondo diviso in blocchi, nelle ultime edizioni erano diventate solo un salasso, un modo festoso e rapidissimo per entrare in una crisi economica senza fondo. Entrò così in gioco la variante felicità con studi socioeconomici che sostenevano come i soldi spesi non potevano mai essere recuperati, ma l’impatto sugli abitanti del Paese ospitante sarebbe stato così forte da creare comunque un circolo virtuoso. Un popolo più felice spende di più, commette meno crimini, è più gentile con gli altri. L’equazione si è rivelata tale solo per Barcellona (1992) e Londra (2012). Ma la felicità, si sa, è effimera, mentre un conto in rosso, talvolta, è per sempre. Per informazioni chiedere a Montréal.

Il Giappone ha provato a regalarsi un po’ di gioia nel momento sbagliato: quando sei una potenza mondiale ma sei 56esimo nella classifica della felicità globale dietro a Paesi come Kazakistan, Nicaragua e Guatemala è giusto provarle tutte, comprese strade rivelatesi fallimentari altrove. Atene, Rio, Montréal e le altre città strizzate dall’Olimpiade hanno avuto almeno il loro mese di gloria, i loro applausi scroscianti, gli spalti pieni.

Tokyo, invece, è già quel che di solito accadeva dopo, quando la festa era finita, ma almeno c’era stata: il vuoto, il silenzio, i conti che non tornano. E del mito greco restano solo i nomi delle varianti che preoccupano atleti e organizzatori: Beta, Delta, Omega.

La scommessa sulla felicità oggi non ha pagato. “Domani soffierà il vento di domani”, dice un vecchio proverbio giapponese.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
economia giochi olimpiadi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
1 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
2 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
2 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
3 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
3 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
4 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
5 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
6 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
1 sett
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
© Regiopress, All rights reserved