laRegione
VAN Canucks
1
PIT Penguins
4
3. tempo
(0-0 : 1-3 : 0-1)
il-tempo-sospeso-dei-reduci-del-g8
Un manifestante davanti alla polizia il 20 luglio 2001 (Keystone)
Commento
21.07.21 - 05:300
Aggiornamento : 17:30

Il tempo sospeso dei reduci del G8

Vent'anni dopo la polizia continua imperterrita a menare le mani giustificata da una parte politica. Dall'altra parte le certezze intoccabili di chi manifestò

Tutto quel che di orribile accadde vent’anni fa alla scuola Diaz, ormai associata per sempre alla parola macelleria, è – secondo Amnesty International – la più grande sospensione dei diritti civili in un Paese democratico.

Tutto quel che stiamo vedendo oggi è una sospensione del tempo. A parte una sparuta minoranza che ha provato a fare i conti con gli anni che passano, con quella follia chiamata G8 di Genova e con se stessa, il resto continua a replicare pensieri, parole, abiti e abitudini. Sembra ieri, il 2001, e per qualcuno lo è ancora. Come in quelle faide familiari infinite in cui un torto subito dal trisavolo è un buon motivo per giustificare ogni torto fatto, ogni pensiero sbilenco. Autocritica: nessuna. E quella certezza dell’essere nel giusto, al cento per cento, sempre e comunque, accentuata da appartenenze a bolle social che sostengono e coccolano ogni tesi.

Senza mai chiedersi se un’altra strada fosse possibile. Questa abbiamo percorso e questa ci dobbiamo tenere, ok. Ma fare avanti e indietro col paraocchi non solo non porta lontano, non porta da nessuna parte. E quindi ecco poliziotti e amici di poliziotti, politici conniventi o semplicemente abituati a strizzare l’occhio a quella destra che in Italia ama il manganello (sugli altri), ma poi va a farsi togliere la multa dall’amico vigile, che rimpiange il Duce, ma poi frigna e parla di regime se gli impedisci di andare al bar in piena pandemia: insultano, dileggiano, non hanno pietà per i morti e per i vivi, per i vessati, per chi porta, fuori e dentro, le ferite di quel G8 in assetto da guerra. Esibiscono tatuaggi in numeri romani, ma non sanno leggerli. Usano ancora quel vocabolario là: “zecche”, “comunisti”. Hanno aggiunto tra gli insulti e gli insultati “Greta Thunberg”, come se essere giovani e preoccuparsi di dove va il mondo fosse una colpa e non un diritto, un dovere.


Un momento degli scontri del G8 del 2001 (Keystone)

Mandano messaggi, subliminali o espliciti, coloro che hanno picchiato o goduto nel veder calpestare mani, teste, diritti e dignità. Fanno letteralmente schifo, non c’è altra parola per descriverli. Perché dopo un giorno, una settimana, un anno – stordito da certi convincimenti – puoi anche far finta di non capire che una parte dello Stato aveva deciso di giocare alla guerra come i bulli di Arancia Meccanica. Dopo vent’anni non sei tonto, sei fascista.

Ma che dire di chi inneggia oggi a Carlo Giuliani come se fosse Gandhi o Mandela? Di chi assiste a commemorazioni e celebrazioni con qualche capello bianco in più e la stessa identica mise, comprata nei mercatini di strada nel 2001, nelle botteghe solidali oggi. E dell’immancabile concerto di Manu Chao, tornato a Genova in questi giorni: voce e chitarra dei buoni.

Quando Michele Vaccari, scrittore genovese – e molto di sinistra –, si è permesso di dire che cantanti come Manu Chao hanno fatto fortuna dentro al sistema che criticavano, e che non sono degni di rappresentare certi ideali, gli si sono rivoltati tutti contro. Manu Chao non si tocca, perché in quel domino costruito per vent’anni, se butti giù un pezzo butti giù tutto. A chi stava dal lato giusto della barricata mai niente si può rimproverare. Allora come oggi. Nemmeno se la voce critica arriva dalla tua stessa parte. O Giuliani e Manu Chao sono eroi anche per te o tu sei un nemico. Proprio come il 20 luglio 2001.

Intanto la polizia picchia nel carcere di Santa Maria Capua Vetere come picchiava nelle aule della Diaz, lasciando qua e là cadaveri innocenti come Federico Aldrovandi e Stefano Cucchi, troppe volte impunita.

La sospensione del tempo. Sembra ieri, anzi lo è.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Qatar 2022, lo spettacolo deve continuare
La Giso ha detto qualcosa di sinistra: ha invitato la federazione di calcio a disertare i Mondiali, in protesta contro le condizioni di lavoro inumane
Commento
1 gior
Angela Merkel, il punk e i fantasmi del Terzo Reich
La cancelliera uscente sceglie Nina Hagen per l’addio, ma si ritrova dentro una parata militare dal sapore troppo retrò. Forse sarebbe meglio smetterla
Commento
2 gior
Annusare invece di sprecare
Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica
Commento
3 gior
Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale
No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa
Commento
4 gior
Il brusco risveglio nella storia infinita
Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
4 gior
Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens
Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
5 gior
La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista
Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
5 gior
Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù
Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
6 gior
Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere
Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
6 gior
Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini
Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile