laRegione
cuba-e-il-fantasma-della-liberta
'Patria y vida' o 'Patria o muerte' (Keystone)
laR
 
19.07.21 - 05:30
Aggiornamento : 10:43

Cuba e il fantasma della libertà

Il fronte filo cubano preferisce lo stereotipo rassicurante, perché non accetta la constatazione che da decenni in quell’isola la popolazione aspira ad altro

di Roberto Antonini, giornalista Rsi
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Emanuele Fiano, che ha sempre anteposto il rispetto della verità ai prêt-à-porter ideologici, non usa mezzi termini: “Il regime cubano va fermato, dobbiamo protestare nello stesso modo verso ogni insulto alla libertà ad ogni latitudine”. Il deputato del Partito Democratico sposa di fatto le posizioni scomode (a sinistra) di Pietro Ingrao, figura storia del Partito Comunista (Pci) che denunciò i processi farsa e la “dittatura castrista”. Il fronte filocubano insorge (giustamente) contro l’asfissiante embargo americano che per 60 anni e più duramente da un quarto di secolo, penalizza lo sviluppo dell’isola caraibica. Non v’è dubbio che il “bloqueo” sia una micidiale pietra al collo per l’Avana e che spieghi in parte il collasso del Paese. Ma la stessa tifoseria, abbagliata da un Paese che sarebbe rimasto puro, intonso, guardiano di una rivoluzione congelata nella storia, con l’occhio che ricorda quello del turista con tanto di collanina di conchiglie, camicia hawaiana, davanti alla tribù primitiva, preferisce lo stereotipo rassicurante, perché proprio da tifoseria non accetta la sconfessione e cioè la constatazione che da decenni in quell’isola la popolazione aspira ad altro: al benessere certo, ma anche alla libertà di pensiero, alla democrazia, al multipartitismo, retaggio a cui nessuno di noi sarebbe disposto a rinunciare.

L’epidemia di Covid (con i tassi di contagio più alti dell’America Latina secondo la Bbc) è giunta come una doccia ghiacciata, sovrapponendosi a una politica economica, sociale e sanitaria da anni calamitosa come evidenzia un’analisi tra le più articolate a firma della cubana Jessica Dominguez Delgado (la si trova nel sito del Movimento per il Socialismo, Mps).

C’è naturalmente chi pensa che la libertà, così come i diritti umani, sia un lusso del “capitalismo ultraliberista”. Lenin aveva battezzato “utili idioti” quanti in Occidente sostenevano acriticamente l’Urss; oggi l’epiteto si adatterebbe perfettamente agli orfani dello stalinismo pronti ad accendere un cero anche sotto la gigantografia di Kim Jong Un. L’insospettabile Thomas Piketty, altermondialista tra i più autorevoli, scrive che è ora di finirla di essere solo “contro” il capitalismo o il neoliberismo: il socialismo – scrive – “morirà se non sarà partecipativo, democratico, ecologico, decentralizzato e femminista”. Il fantasma della libertà, l’anelito di democrazia, la voglia di emancipazione sociale e individuale hanno contrassegnato la nostra storia sin dalla Rivoluzione Francese. Un processo lungo, complesso, irto di ostacoli e retromarce, a cui non aspirano solo i cubani; lo chiedono gli arabi con le loro primavere, i curdi sotto la scure islamista di Erdogan o molti afghani e soprattutto afghane con la loro commovente e disperata resistenza.

Il politologo Françis Fukuyama aveva erroneamente previsto in un celebre testo risalente al 1992 l’imminente convergenza della storia umana nel modello di democrazia liberale (nelle sue forme più o meno marcatamente socialdemocratiche). Si era sbagliato. Ma forse non totalmente. Perché – come ci aveva lui stesso spiegato – il flusso delle migrazioni potrebbe riflettere quello della storia: si dirige sì verso gli Stati più ricchi e sociali, ma significativamente evita i regimi, privilegia le democrazie.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cuba emanuele fiano françis fukuyama thomas piketty
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
1 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
2 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
2 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
3 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
3 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
4 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
5 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
6 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
1 sett
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
© Regiopress, All rights reserved