laRegione
laR
 
03.07.21 - 05:30

Un grande capitano e la palla innamorata

A dodici passi dalla gloria, direbbe qualcuno. Peccato, certo. Ma tanto merito alla nazionale di Xhaka e Sommer che lascia l’Euro 2020 a testa più che alta

un-grande-capitano-e-la-palla-innamorata
Una squadra da abbracciare (Keystone)

La palla innamorata non è bastata. Perché non c’è dubbio: come nel racconto di Jorge Amado, dopo le partite del girone la palla si è innamorata di Yann Sommer. In ogni azione il pallone non vedeva l’ora di finire tra le braccia del portiere rossocrociato. Anche ai calci di rigore. Ma non è stato sufficiente, purtroppo.

Non è bastato nemmeno un Granit Xhaka che, pure squalificato, da fuori campo ha saputo indossare i panni di quel gigante di Obdulio Varela, grandissimo regista del calcio uruguaiano fautore del miracolo del Maracanà ai Mondiali del 1950. Xhaka che diventa quel grande capitano di cui la Svizzera può andare davvero fiera.

A dodici passi dalla gloria, potrebbe dire qualcuno. Peccato, certo. Ma tanto merito alla Nazionale elvetica che lascia l’Euro 2020 a testa più che alta.

Un ultimo appunto lo meritano i tifosi di questo Cantone. Ticinesi che hanno fatto capire quanto sangue scorra nelle proprie vene. Maledicendo come si deve dopo la partita con l’Italia, godendo come si deve dopo la partita con la Francia, soffrendo come si deve nella partita con la Spagna. Un bel modo di togliersi di dosso quella fastidiosa etichetta di ‘freddi’ che troppo facilmente viene appiccicata agli svizzeri. Un tifo appassionato in cui si mescolano indistintamente patrizi e immigrati, tutti coloro che in un modo o nell’altro hanno imparato a voler bene a questo Paese.

Durante partite come quella di ieri non sarebbe male poter misurare l’integrazione degli stranieri con uno sfigmomanometro: i risultati potrebbero sorprenderci. Un po’ come quelli ottenuti dalla ‘Nati’ in questo Europeo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
12 ore
A Palazzo federale trionfa la concordanza. E la maggioranza
L’armonia ha regnato nel rinnovo parziale del Consiglio federale. Ma nella ripartizione dei dipartimenti si è imposta (senza voto) la maggioranza Udc/Plr
IL COMMENTO
2 gior
Un film brutto e già visto
Una Svizzera priva di carattere viene umiliata (6-1) ed eliminata agli ottavi di finale dal Portogallo
IL COMMENTO
3 gior
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
4 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
6 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
1 sett
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
1 sett
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
1 sett
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
1 sett
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
© Regiopress, All rights reserved