laRegione
laR
 
24.06.21 - 05:30
Aggiornamento: 11:47

Città ‘moribonde’ e città moderne, che attirano i giovani

Mentre la turistica Lugano vede calare abitanti e attrattività, altre città svizzere raccolgono i frutti culturali di autogestioni giovanili riuscite

citta-moribonde-e-citta-moderne-che-attirano-i-giovani
A volte è una questione di porte aperte o chiuse

Ogni città si nutre di diversità, l’humus ideale per innovazioni ma anche per accesi conflitti, perché quello che sta bene ad uno può disturbare l’altro. Convivono differenti modi di pensare, diverse religioni ed etnie, ogni generazione ha le sue esigenze. La forza di una città è saper integrare le diversità, senza puntare su un asfittico modello unico, traendo il meglio per l’intera comunità con uno sguardo lungimirante. Mentre la turistica Lugano vede calare gli abitanti, aumentare lo sfitto e non ha certo la nomea di città tollerante (dopo che le ruspe hanno demolito l’ex Macello), altre città come Zurigo o Berna hanno saputo, con molta pazienza e tanta mediazione, lasciar fiorire queste realtà giovanili autonome. Oggi raccolgono i frutti, come raccontiamo in due reportage dal cuore di due esperienze riuscite di autogestione a Berna e Zurigo (vedi laRegione del 16.6.2021).

La Rote Fabrik ha fatto le sue violente battaglie, ma sostenuta dalla città ha poi saputo trasformare la furia della contestazione in innovazione, diventando uno dei più grandi centri culturali multidisciplinari d’Europa. Oggi è un fiore all’occhiello dell’offerta culturale di una città moderna. Rimanere attrattivi significa anche lasciar scorrere la linfa giovanile nel tessuto urbano. «Sono i giovani e non certo il banchiere 50enne, il motore per una città che vuole essere innovativa. Lugano assomiglia sempre più a una Disney morente», commentava su questo giornale settimana scorsa il sociologo Sandro Cattacin. Non lo auguriamo certo a Lugano, ma si può fare meglio per integrare realtà giovanili, che i sociologi definiscono importanti laboratori sociali di vita urbana. Ci appare quantomeno anacronistica, in un periodo storico che valorizza le diversità, la politica luganese che non solo non riesce a dialogare con un interlocutore non facile, ma addirittura ne reprime brutalmente la forma d’espressione.

L’esercizio è fattibile anche se non semplice, come mostra l’esperienza di Berna, che ha saputo gestire, con alti e bassi, il delicato equilibrio tra vincolare contrattualmente il centro autogestito Reitschule senza spegnerne la vivacità, l’esuberanza di chi non accetta nulla tanto facilmente, ma produce modi diversi di fare cultura e nuove formule di vita urbana. «Qui si deve poter vivere in modo diverso dal resto della società», spiega l’attivista Reto. Più volte la destra ha cercato di demolire la Reitschule ma i bernesi si sono sempre opposti in votazione (ci chiediamo: i luganesi farebbero altrettanto?). Di generazione in generazione, nonni e nipoti ne frequentano ristorante, cinema, teatro, bar. Nonostante reiterati episodi di violenza, i bernesi hanno sempre difeso questa oasi anarchica di sperimentazione, amministrata autonomamente. La città ha scelto un rispettoso dialogo costruttivo, arrivando a negoziare un contratto che definisce limiti e responsabilità. Una politica più repressiva avrebbe spostato (ma non risolto) la scena alternativa; sovvenzioni troppo alte ne avrebbero stravolto l’identità, originando contromovimenti di squatter. I conflitti a Berna sono piuttosto con la polizia. Davanti alla Reitschule c’è un parcheggio, una sorta di ‘drive-in’ degli stupefacenti, che è ben frequentato. Ma la droga è un problema dei centri autogestiti o della nostra società?

 

Leggi anche:

L’anarchica Reitschule e la sua belligerante autogestione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morta di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
2 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
2 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
3 gior
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
3 gior
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
5 gior
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
6 gior
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
6 gior
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
1 sett
Il grande ricatto di Putin
Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
© Regiopress, All rights reserved