laRegione
cercasi-maturita-prima-che-talento-e-qualita
+1
Commento
 
18.06.21 - 05:300

Cercasi maturità, prima che talento e qualità

In seno alla Nazionale spuntano accenni di leggerezza e superficialità. La fragilità tecnica era ipotizzabile, tuttavia manca qualcosa a livello di atteggiamento

Web e canali social, terreno fertile per sfoghi di dubbio gusto e analisi sommarie in stile “siamo tutti allenatori”, a volte ci azzeccano, soprattutto se il modo scelto per esternare un’opinione è l’ironia, molto apprezzata purché ben gestita. Il cui effetto si dilata se viene accostata a una punta di sano sarcasmo, purché contenuto.

E allora, il premio alla battuta del giorno lo attribuiamo senza riserve a colui che ha postato il seguente annuncio, relativo alla Nazionale rossocrociata: “Cercasi attaccante. E centrocampista. E portiere. E allenatore. Abbiamo solo il parrucchiere”.

Una battuta che coglie nel segno, divertita e divertente, che vale più di mille analisi tecniche. Già, poiché in pochi e stringati concetti riassume bene la brutta figura fatta dalla Nazionale contro l’Italia e, più in generale, riflette bene la situazione di una squadra parsa in difficoltà, priva di argomenti che le consentano di competere come invece dice di saper fare.

La ricerca di “talento” promossa dalla battuta di cui sopra è una provocazione, ci mancherebbe, ma solleva questioni di fondo che cozzano contro l’ottimismo - la crescita e la maturazione del gruppo - sbandierato alle porte di un evento approcciato invece in maniera tutto fuorché convincente. L’attacco non punge, benché Seferovic sia reduce da una delle sue migliori stagioni in assoluto. Forse andrebbe risolto l’equivoco della presenza fissa in campo di Shaqiri. La cifra tecnica superiore che sa esibire, che però non convince mai nessun allenatore di club a dargli fiducia, non può sempre essere una giustificazione al suo impiego, se la resa è quella della maggior parte delle sue presenze in rossocrociato. A centrocampo, tutti innamorati pazzi di Xhaka e della sua maturazione, salvo poi doverne analizzare sovente prestazioni al di sotto del potenziale che gli viene unanimemente riconosciuto, nonché comportamenti sopra le righe fastidiosi, quali la visita al tatuatore nei due giorni di libero concessi da Petkovic dopo il ritiro di Bad Ragaz a condizione che tutti, tutti, restassero nella stretta cerchia dei propri familiari senza sgarrare (per motivi talmente ovvi che fa rabbia solo pensare che siano stati disattesi). «Concedo un po’ di libertà ma in cambio esigo il massimo rispetto», disse il Ct. E il parrucchiere in ritiro per i capelli biondo platino? Superficialità che fa a pugni con la concentrazione e il rigore richiesti da un Europeo. Per non parlare del ruolo - serio, serissimo - di capitano di una Nazionale che gli ha perdonato cadute di stile che evidentemente sono state sottovalutate, o non giudicate tali. Non si tratta di fare la morale o ergersi a bacchettoni, ma è davvero retorico credere che servano maggiore serietà e professionalità, nell’approccio a una manifestazione che attira su di sé gli occhi del mondo? È giusto chiedere, anzi pretendere, rigore e rispetto dei protocolli ai propri giocatori, per poi non sanzionare, o richiamare all’ordine, chi sgarra e manco fa nulla per nascondersi? Il ritiro di una Nazionale non ha nulla di spirituale, né vi regnano silenzio e meditazione, tuttavia vi è l’impressione che alle tante belle parole non seguano i fatti. Spuntano leggerezza, superficialità, altro che maturità. La fragilità tecnica era ipotizzabile, ma è propria anche ad altre squadre. Le quali, però, compensano con l’atteggiamento, in campo.

Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
Eh già... Angelone è ancora qua
Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
Commento
8 ore
Olimpia e il prezzo della felicità
Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi
L'analisi
1 gior
Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso
Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?
Gallery
Commento
2 gior
Tokyo 2020, comunque vada sarà memorabile
Domani la cerimonia d'apertura inaugura la 32esima edizione dei Giochi olimpici estivi: quelli rinviati, senza pubblico e senza leggende. Ma con sei ticinesi
Commento
3 gior
Il tempo sospeso dei reduci del G8
Vent'anni dopo la polizia continua imperterrita a menare le mani giustificata da una parte politica. Dall'altra parte le certezze intoccabili di chi manifestò
Commento
4 gior
La memoria di Vigino non ha prezzo (o forse sì)
La Masseria di Castel San Pietro rischia di scomparire. E stavolta non è colpa delle ruspe dei cementificatori
Commento
5 gior
Cuba e il fantasma della libertà
Il fronte filo cubano preferisce lo stereotipo rassicurante, perché non accetta la constatazione che da decenni in quell’isola la popolazione aspira ad altro
Commento
1 sett
Il nuovo ordine fiscale tra paure e speranze
La riforma del G20 è già stata definita enfaticamente una “rivoluzione”. No, siamo solo nell'ambito della correzione
Commento
1 sett
Gli Europei li ha vinti la radio (ode a Francesco Repice)
Del multimediale Euro 2020 resta la voce di un ‘semplice’ radiocronista in un atto poeticamente rétro: raccontarci una partita di calcio, nulla di più
Commento
1 sett
La radio non l’ha detto, quindi ci credo
Al parco giochi una mamma mi conquista con le sue certezze: si tratta con tutta evidenza di un complotto su scala mondiale
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile