laRegione
due-passi-a-lugano-dal-macello-a-cornaredo
Un problema culturale, prima che politico (Ti-Press)
Commento
 
17.06.21 - 05:300
Aggiornamento : 11:05

Due passi a Lugano, dal Macello a Cornaredo

Il Macello trasmette la grande tristezza di un'esperienza soffocata. Cornaredo, con i campi deserti, è un limbo di città, con tanto verde transennato

Due passi a Lugano, dal Macello a Cornaredo, due simboli che si affacciano sul fiume Cassarate. Il vecchio Macello, che per vent'anni è stato il Centro autogestito del Molino e poi su, costeggiando il fiume, fino a Cornaredo, dove si prevede di rivoltare il quartiere per costruire la nuova Arena sportiva, il palazzetto dello sport, due torri e quattro palazzine di abitazioni e uffici: sport e speculazione.

Il Macello trasmette la grande tristezza di un'esperienza soffocata. Cornaredo, con i campi deserti, è un limbo di città, con tanto verde transennato. Come mai c'è così tanta distanza tra queste due realtà?

Come si fa a prevedere un investimento di 300 milioni di franchi per aggiornare le strutture sportive ormai fatiscenti (e non solo), e non dimostrare attenzione nei confronti del mondo giovanile alternativo? Avete visto le docce di Cornaredo? Sono quelle di 70 anni fa: manutenzione inesistente. Dormiva il Municipio in questi anni? Milioni per lo sport d’élite e ruspe contro gli autogestiti. Comunque, per tutti i giovani, Lugano è un deserto.

Siamo di fronte a un problema culturale, prima che politico. Il sindaco Borradori non nasconde che fatica a connettersi con il mondo dell’autogestione. Lui da giovane giocava a ping pong, altro pianeta. E ora, si scandalizza quando vede un muro imbrattato. Certo, non si deve fare, ma succede. Non ha mai visitato qualche città fuori porta?

Come succede che a creare disordini nelle città e attorno agli stadi siano i fanatici tifosi di calcio. In quel caso la polizia non butta giù lo stadio della squadra del cuore. Se un manifestante compie un atto illegale che venga punito, perché radere al suolo il luogo in cui vive? Come mai c’è un atteggiamento così contrastante nell’affrontare i giovani tifosi e i giovani alternativi?

Dopo lo scarto culturale, la questione politica. La destra, che ha la maggioranza nel Municipio di Lugano, sembra avere affinità con sportivi generici piuttosto che con dinamiche sociali non convenzionali. Lo stadio è necessario, ci ripetono, perché Cornaredo è obsoleto. Non si progettano solo le strutture sportive, arena calcio e palazzetto dello sport, ma anche inutili torri di uffici e speculative palazzine residenziali. Questo per permettere ai promotori immobiliari di fare i loro affari, mettendo tra l’altro in difficoltà la Cassa pensione della città, che perderebbe gli affitti della Polizia, e indebolendo il centro cittadino. A Cornaredo mega investimenti e per il Molino tabula rasa.

Come mai l'Fcl non paga un centesimo per il nuovo stadio? A Lucerna, per esempio, il club ha sborsato quasi dieci milioni di franchi. Il mondo dello sport è inquinato dai soldi, ma lo stadio lo pagano anche i contribuenti che non ci metteranno mai piede. I cittadini luganesi saranno chiamati alla cassa, con un aumento del 4/5% del moltiplicatore d’imposta. Potrebbero pagare per lo stadio i giovani del Molino (oltre il danno anche la beffa), le famiglie monoparentali che non trovano un asilo nido, i disoccupati, i precari, i giovani in difficoltà e gli anziani che faticano a sostenere le spese di malattia. La lista è lunga.

Il 5% dei nuclei famigliari di Lugano non raggiunge il fabbisogno minimo vitale. E senza gli aiuti statali questa percentuale salirebbe al 18,6%! E aumenta chi è a rischio povertà. Macello e Cornaredo, due pesi e due misure, indegna politica per la nona città svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
Eh già... Angelone è ancora qua
Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
Commento
8 ore
Olimpia e il prezzo della felicità
Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi
L'analisi
1 gior
Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso
Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?
Gallery
Commento
2 gior
Tokyo 2020, comunque vada sarà memorabile
Domani la cerimonia d'apertura inaugura la 32esima edizione dei Giochi olimpici estivi: quelli rinviati, senza pubblico e senza leggende. Ma con sei ticinesi
Commento
3 gior
Il tempo sospeso dei reduci del G8
Vent'anni dopo la polizia continua imperterrita a menare le mani giustificata da una parte politica. Dall'altra parte le certezze intoccabili di chi manifestò
Commento
4 gior
La memoria di Vigino non ha prezzo (o forse sì)
La Masseria di Castel San Pietro rischia di scomparire. E stavolta non è colpa delle ruspe dei cementificatori
Commento
5 gior
Cuba e il fantasma della libertà
Il fronte filo cubano preferisce lo stereotipo rassicurante, perché non accetta la constatazione che da decenni in quell’isola la popolazione aspira ad altro
Commento
1 sett
Il nuovo ordine fiscale tra paure e speranze
La riforma del G20 è già stata definita enfaticamente una “rivoluzione”. No, siamo solo nell'ambito della correzione
Commento
1 sett
Gli Europei li ha vinti la radio (ode a Francesco Repice)
Del multimediale Euro 2020 resta la voce di un ‘semplice’ radiocronista in un atto poeticamente rétro: raccontarci una partita di calcio, nulla di più
Commento
1 sett
La radio non l’ha detto, quindi ci credo
Al parco giochi una mamma mi conquista con le sue certezze: si tratta con tutta evidenza di un complotto su scala mondiale
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile