laRegione
due-passi-a-lugano-dal-macello-a-cornaredo
Un problema culturale, prima che politico (Ti-Press)
 
17.06.21 - 05:300
Aggiornamento : 11:05

Due passi a Lugano, dal Macello a Cornaredo

Il Macello trasmette la grande tristezza di un'esperienza soffocata. Cornaredo, con i campi deserti, è un limbo di città, con tanto verde transennato

Due passi a Lugano, dal Macello a Cornaredo, due simboli che si affacciano sul fiume Cassarate. Il vecchio Macello, che per vent'anni è stato il Centro autogestito del Molino e poi su, costeggiando il fiume, fino a Cornaredo, dove si prevede di rivoltare il quartiere per costruire la nuova Arena sportiva, il palazzetto dello sport, due torri e quattro palazzine di abitazioni e uffici: sport e speculazione.

Il Macello trasmette la grande tristezza di un'esperienza soffocata. Cornaredo, con i campi deserti, è un limbo di città, con tanto verde transennato. Come mai c'è così tanta distanza tra queste due realtà?

Come si fa a prevedere un investimento di 300 milioni di franchi per aggiornare le strutture sportive ormai fatiscenti (e non solo), e non dimostrare attenzione nei confronti del mondo giovanile alternativo? Avete visto le docce di Cornaredo? Sono quelle di 70 anni fa: manutenzione inesistente. Dormiva il Municipio in questi anni? Milioni per lo sport d’élite e ruspe contro gli autogestiti. Comunque, per tutti i giovani, Lugano è un deserto.

Siamo di fronte a un problema culturale, prima che politico. Il sindaco Borradori non nasconde che fatica a connettersi con il mondo dell’autogestione. Lui da giovane giocava a ping pong, altro pianeta. E ora, si scandalizza quando vede un muro imbrattato. Certo, non si deve fare, ma succede. Non ha mai visitato qualche città fuori porta?

Come succede che a creare disordini nelle città e attorno agli stadi siano i fanatici tifosi di calcio. In quel caso la polizia non butta giù lo stadio della squadra del cuore. Se un manifestante compie un atto illegale che venga punito, perché radere al suolo il luogo in cui vive? Come mai c’è un atteggiamento così contrastante nell’affrontare i giovani tifosi e i giovani alternativi?

Dopo lo scarto culturale, la questione politica. La destra, che ha la maggioranza nel Municipio di Lugano, sembra avere affinità con sportivi generici piuttosto che con dinamiche sociali non convenzionali. Lo stadio è necessario, ci ripetono, perché Cornaredo è obsoleto. Non si progettano solo le strutture sportive, arena calcio e palazzetto dello sport, ma anche inutili torri di uffici e speculative palazzine residenziali. Questo per permettere ai promotori immobiliari di fare i loro affari, mettendo tra l’altro in difficoltà la Cassa pensione della città, che perderebbe gli affitti della Polizia, e indebolendo il centro cittadino. A Cornaredo mega investimenti e per il Molino tabula rasa.

Come mai l'Fcl non paga un centesimo per il nuovo stadio? A Lucerna, per esempio, il club ha sborsato quasi dieci milioni di franchi. Il mondo dello sport è inquinato dai soldi, ma lo stadio lo pagano anche i contribuenti che non ci metteranno mai piede. I cittadini luganesi saranno chiamati alla cassa, con un aumento del 4/5% del moltiplicatore d’imposta. Potrebbero pagare per lo stadio i giovani del Molino (oltre il danno anche la beffa), le famiglie monoparentali che non trovano un asilo nido, i disoccupati, i precari, i giovani in difficoltà e gli anziani che faticano a sostenere le spese di malattia. La lista è lunga.

Il 5% dei nuclei famigliari di Lugano non raggiunge il fabbisogno minimo vitale. E senza gli aiuti statali questa percentuale salirebbe al 18,6%! E aumenta chi è a rischio povertà. Macello e Cornaredo, due pesi e due misure, indegna politica per la nona città svizzera.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
10 ore
Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri
Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
1 gior
Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione
Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
2 gior
E vuoi negargli il Quirinale?
Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
3 gior
Covid-19, lettera a una cugina No Vax
Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
3 gior
Il gennaio maledetto dei maschi alfa
Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
4 gior
Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport
In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
6 gior
Una Regione lunga 30 anni
Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
6 gior
Per causa di forza maggiore
Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
1 sett
È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!
La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
1 sett
I Blues Brothers e il capitalismo accidentale
I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile