laRegione
l-offensiva-liberale-abbia-al-centro-anche-la-persona
Ti-Press
Commento
 
16.06.21 - 05:300
Aggiornamento : 14:38

L'‘offensiva liberale’ abbia al centro anche la persona

Domani in comitato cantonale il Plr parlerà del progetto di rilancio, in cui Speziali si gioca molto tra tante aspettative e bisogni della popolazione

La crisi pandemica sta diventando sempre meno sanitaria e sempre più sociale. La politica ha cominciato, timida e con i suoi tempi, a proporre interventi puntuali, misure circoscritte, i partiti tendono a guardare più al proprio elettorato di riferimento che a porre lo sguardo al di là della siepe. Tra una sinistra che vorrebbe più sostegno per le persone fragili e una destra che marcia sicura sul sentiero degli sgravi e del primanostrismo, con in più un Ppd che è stato aiutato da questa crisi a spingere con più forza sulla sua ala sociale, il ruolo più scomodo è quello del Partito liberale radicale. Riconosciuto dagli oppositori come riferimento del mondo economico, dei ‘capannoni’ e di un Principe Giovanni in salsa ticinese, ha l’occasione di mostrare come ‘economia’ non sia una parolaccia e come difendere, aiutare le imprese significhi, sommamente, proteggere i posti di lavoro. Aumentare l’attenzione alla persona e ai suoi bisogni non rende e non renderà meno importante il ruolo delle aziende, come non andrà a intaccare l’essere vicini non solo idealmente a quel mondo che ha il compito di creare la ricchezza che poi viene redistribuita. Presentando la propria candidatura al comitato cantonale liberale radicale del 15 ottobre scorso, il poi eletto presidente Alessandro Speziali scandì che «i prossimi vent’anni sono un mondo nuovo rispetto al Novecento che ogni tanto guardiamo con nostalgia. Il mercato del lavoro, la formazione, l’ambiente e la mobilità del Ventunesimo secolo, ammettiamolo, sono acque sconosciute: essere liberali radicali, però, significa avere il coraggio di spiegare le vele per navigarle, lasciandoci alle spalle chi vuole restare ancorato nella palude del mondo che era». Queste sfide vanno affrontate, soprattutto ora che anche a livello nazionale con le dimissioni della presidente Petra Gössi per il Plr si possono aprire nuovi scenari per risalire la china.

C’è stata la seconda ondata pandemica, più forte e con più conseguenze rispetto a quanto tutti ci aspettavamo. C’è stato un modo rinnovato di fare e discutere la politica. Tutto è diventato più fluido. Nell’opera di rilancio del partito, di costruzione di quella ‘offensiva liberale’ fatta di proposte e visioni per uscire dalla «palude del mondo che era» Speziali si gioca tanto. Perché il momento è tra i più propizi per mettere sul tavolo innovativi progetti di riforme e perché le aspettative sono alte. Non solo nei confronti di Speziali e di un Plr che ambisce a tornare ‘partitone’, ma da parte di tutta la popolazione nei confronti della politica.

Per questo motivo è auspicabile che nell’‘offensiva liberale’ al centro ci sia la persona non solo vista in opposizione al collettivismo e allo statalismo eccessivo, ma per i suoi bisogni e le sue sofferenze. I conti pubblici in salute sono una priorità, ma chi a sinistra si chiede quanto costerà in futuro non intervenire oggi a sostenere adeguatamente le fasce più deboli pone un quesito concreto. Creare le condizioni affinché chi non sta bene migliori la propria condizione, non si scappa, è un concetto liberale e progressista. Von Hayek scriveva: “Non c’è niente nei principi fondamentali del liberalismo che lo configuri come un credo stazionario”. La sintesi politica, già arte difficile, in questo tempo è diventata ancora più improba. Ma chi anela se non a un ritorno dei tempi che furono, almeno a un miglioramento tangibile a livello di schede, deve capire che su quelle schede le crocette le metteranno donne e uomini segnati dalla crisi nell’umore, ma anche nella propria situazione economica e sociale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Eh già... Angelone è ancora qua
Dopo la cessione sfumata qualche settimana fa, Renzetti è pronto per la sua dodicesima stagione da numero uno del Lugano, la decima da proprietario del club
Commento
7 ore
Olimpia e il prezzo della felicità
Dopo decenni in cui ci si doveva fare largo a gomitate per aggiudicarsi i Giochi, il ricordo dei deficit finanziari pare raffreddare gli entusiasmi
L'analisi
1 gior
Nord Stream 2, l'equilibrio gassoso
Joe Biden e Angela Merkel si sono accordati: il gasdotto sotto al mar Baltico tra Russia e Germania verrà presto completato. Tutti contenti?
Gallery
Commento
2 gior
Tokyo 2020, comunque vada sarà memorabile
Domani la cerimonia d'apertura inaugura la 32esima edizione dei Giochi olimpici estivi: quelli rinviati, senza pubblico e senza leggende. Ma con sei ticinesi
Commento
3 gior
Il tempo sospeso dei reduci del G8
Vent'anni dopo la polizia continua imperterrita a menare le mani giustificata da una parte politica. Dall'altra parte le certezze intoccabili di chi manifestò
Commento
4 gior
La memoria di Vigino non ha prezzo (o forse sì)
La Masseria di Castel San Pietro rischia di scomparire. E stavolta non è colpa delle ruspe dei cementificatori
Commento
5 gior
Cuba e il fantasma della libertà
Il fronte filo cubano preferisce lo stereotipo rassicurante, perché non accetta la constatazione che da decenni in quell’isola la popolazione aspira ad altro
Commento
1 sett
Il nuovo ordine fiscale tra paure e speranze
La riforma del G20 è già stata definita enfaticamente una “rivoluzione”. No, siamo solo nell'ambito della correzione
Commento
1 sett
Gli Europei li ha vinti la radio (ode a Francesco Repice)
Del multimediale Euro 2020 resta la voce di un ‘semplice’ radiocronista in un atto poeticamente rétro: raccontarci una partita di calcio, nulla di più
Commento
1 sett
La radio non l’ha detto, quindi ci credo
Al parco giochi una mamma mi conquista con le sue certezze: si tratta con tutta evidenza di un complotto su scala mondiale
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile