laRegione
laR
 
05.06.21 - 05:30

Il catastrofismo sul futuro dell’Avs è fuori luogo

Avs 21 propone cerotti. I cerotti non sono riforme. I soldi invece ci sono: alla Banca nazionale o adottando la micro imposta sui pagamenti digitali

di Fabio Dozio
il-catastrofismo-sul-futuro-dell-avs-e-fuori-luogo
Avs21 propone sostanzialmente l’aumento dell’età di pensionamento delle donne (Ti-Press)

Chissà, forse nel 1972 avevano ragione i comunisti. Stiamo parlando di pensioni, di previdenza per la vecchiaia. Quasi cinquant’anni fa il popolo svizzero bocciava, con il 75% dei voti, l’iniziativa del Partito del lavoro “Per vere pensioni popolari”, che prevedeva un deciso rafforzamento dell’assicurazione vecchiaia e superstiti (Avs), garantendo almeno il 60% del reddito annuo. Si scelse invece il sistema pensionistico basato sui tre pilastri, che rendeva obbligatoria la previdenza professionale. E il risparmio privato, per chi può…

L’Avs è un gioiello elvetico, pilastro dello stato sociale, si paga in proporzione al reddito, quindi i ricchi di più, ma si riceve la stessa rendita. governo, parlamento e popolo decisero diversamente, con l’appoggio di socialisti e sindacati. Si preferì garantire lauti guadagni a chi gestiva assicurazioni private. Invece della previdenza sociale, il mercato della previdenza.

La prossima settimana il Consiglio nazionale affronta il progetto di stabilizzazione dell’Avs (Avs 21), che si prefigge di garantire l’equilibrio finanziario dell’assicurazione fino al 2030, mantenendo le prestazioni. È da decenni che i ragionieri del meno stato, che non hanno mai digerito il modello Avs, ne prefigurano il fallimento. La popolazione invecchia e dal 2014 i versamenti di chi lavora sono inferiori alle rendite erogate. Però, va ricordato, gli interessi sul capitale complessivo dell’assicurazione non sono conteggiati perché “possono subire forti variazioni da un anno all’altro”, dice il governo. Inoltre, finiscono nelle casse dell’Avs due miliardi di franchi l’anno previsti dalla riforma fiscale Rffa.

Il catastrofismo sul presente e futuro dell’Avs è fuori luogo. Nel 1997 i rapporti federali prevedevano 15 miliardi di deficit nel 2010. I conti hanno chiuso con 2 miliardi di utili!

Cosa propone Avs 21? Sostanzialmente l’aumento dell’età di pensionamento delle donne, da 64 a 65 anni, che dovrebbe permettere di risparmiare circa 1,42 miliardi di franchi l’anno. Per addolcire la misura si offrono alcune compensazioni, aliquote più favorevoli se si anticipa la rendita e pensioni leggermente migliori per i bassi redditi. Inoltre, si punta su un aumento dell’imposta sul valore aggiunto.

Le donne sarebbero così doppiamente maltrattate. Infatti, già oggi percepiscono rendite di previdenza professionale ridotte, perché lavorano meno nel corso degli anni: o meglio, sono attive a casa invece che in ambito professionale. Le pensioni femminili sono del 37% inferiori a quelle degli uomini! Non è possibile peggiorare la condizione femminile indebolendo i due pilastri. Sono vasi comunicanti, come indicano Costituzione e legge: “La previdenza professionale comprende l’insieme delle misure su base collettiva che, assieme alle prestazioni Avs, consentono alle persone anziane di mantenere in modo adeguato il tenore di vita usuale”. (Mandato rispettato?)

Avs 21 propone cerotti. I cerotti non sono riforme. La vera riforma rimane un sogno, con il palazzo borghese che ci ritroviamo. Andrebbe rafforzata sostanzialmente l’Avs, eccezionale modello di servizio pubblico sociale e solidale. Più Avs, meno assicurazioni private, che generano speculazioni immobiliari e finanziarie. I soldi ci sono: per esempio, alla Banca nazionale o adottando la micro imposta sui pagamenti digitali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
1 gior
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
2 gior
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
3 gior
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
5 gior
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
6 gior
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
1 sett
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
1 sett
La realtà artefatta del Qatar
Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
1 sett
I guai di Letta (e del Pd)
La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett
Non perdere una guerra senza vincere la pace
In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett
Il partito delle donne e quello degli uomini
Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
© Regiopress, All rights reserved