laRegione
laR
 
04.06.21 - 05:30
Aggiornamento: 14:44

Le ruspe non hanno demolito soltanto l’ex Macello

L'intervento di sabato scorso – avallato dal Municipio e coordinato dalla polizia cantonale – mette in discussione lo Stato diritto e il 'contratto sociale'

le-ruspe-non-hanno-demolito-soltanto-l-ex-macello
Tante domande in attesa di risposte (Ti-Press)

Anche qualora la versione di uno sgombero e successiva demolizione dell’ex Macello organizzati, decisi ed eseguiti soltanto all’ultimo momento fosse veritiera – col Municipio che dà il nullaosta a un piano della polizia di cui non era a conoscenza preventivamente –, la questione resterebbe gravissima dal punto di vista istituzionale. Nella migliore delle ipotesi saremmo di fronte a un esecutivo cittadino che si è fatto letteralmente “prendere per il naso” dalla polizia in un momento di alta tensione, e cioè dopo l’occupazione da parte del corteo dei molinari dello stabile ex Vanoni.

C’è poi l’altra ipotesi, quella peggiore. Quella per cui le autorità non ce la stanno raccontando giusta. Un sospetto rafforzato tra l’altro dalle rivelazioni fornite dal sindacato Unia, corroborate a loro volta da documenti ai quali laRegione ha avuto accesso: almeno una delle tre ditte coinvolte nei lavori di demolizione in riva al Cassarate è stata preavvisata telefonicamente dell’intervento alle 17.50 di sabato scorso dalla Polcom luganese, ovvero quasi un’ora prima che avvenisse l’occupazione in via Simen. Più precisamente attraverso una chiamata effettuata dal vicecomandante del Corpo. La polizia di Lugano ha immediatamente smentito quanto rivelato da Unia, forse ignara del fatto che vi fosse un’e-mail che darebbe conferma del preavviso.

A essere stata chiamata poco prima delle 18.00 di sabato scorso, tra l’altro, sarebbe stata la ditta che si è occupata della messa in sicurezza del sedime a demolizione avvenuta, intervenuta sul posto soltanto domenica. Quindi, l’ultima della catena.

C’è di più: vi sono diversi indizi che permettono di ipotizzare che la polizia e il Municipio fossero già al corrente dell’intenzione dei manifestanti di svolgere un’azione dimostrativa all’ex Vanoni. L’occupazione non è stata un’azione spontanea, decisa e attuata all’improvviso dal corteo: tra i molinari sono circolati dei volantini già da sabato mattina in cui si accennava all’idea di una T.A.Z. (zona temporaneamente autonoma) nello stabile di via Simen. Polizia e Municipio hanno quindi valutato l’opportunità di ‘lasciare fare’ ai manifestanti? Altra domanda legittima per ora senza risposta.

Al di là delle speculazioni, sulle quali saranno le inchieste in corso a fare luce, il problema di fondo rimane: a un certo punto c’è stata la decisione politica di radere al suolo, nottetempo, l’ala dell’ex Macello che ospitava il centro sociale. Un gesto di una violenza istituzionale inaudita alle nostre latitudini, che appare tuttora sproporzionato rispetto ai presunti rischi invocati dalla municipale Karin Valenzano Rossi.

Sia chiaro: la questione va ben oltre il dibattito intorno all’opportunità o meno di avere uno spazio autogestito in città. L’intervento di sgombero e demolizione – avallato dal Municipio e coordinato dalla Polizia cantonale, dal cui responsabile politico, il direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi, si attende ancora una presa di posizione – mette in discussione lo Stato di diritto e il medesimo ‘contratto sociale’, quello attraverso il quale la cittadinanza concede ai governanti la facoltà di fare uso della forza, ma solo ed esclusivamente quale ultima (ultimissima) ratio.

Sabato notte le ruspe non hanno insomma abbattuto soltanto uno stabile: hanno colpito le fondamenta del rapporto di fiducia tra popolazione e istituzioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
14 ore
Tornato Netanyahu, tornate le stragi
Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
2 gior
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
2 gior
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
3 gior
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
4 gior
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
4 gior
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
5 gior
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
6 gior
Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico
Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
6 gior
Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata
Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
1 sett
Neutralità tra coerenza e opportunismo
Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
© Regiopress, All rights reserved