laRegione
laR
 
02.06.21 - 05:30

Un’incauta uscita dall’aula, la Lega che attacca sappia incassare

Quanto successo ieri in Gran Consiglio non va giustificato con il refrain dei leghisti diversi dagli altri partiti. Soprattutto dopo certi 'trattamenti domenicali'

un-incauta-uscita-dall-aula-la-lega-che-attacca-sappia-incassare

La Lega non è mai stata, non è, non sarà mai un partito come gli altri. Questa è la forza nella quale affonda la sua storia, questo è il suo distintivo sfoggiato molte volte con orgoglio. Aspettarsi quindi dal movimento leghista prassi, comportamenti, regole che sono norma in altri partiti sarebbe sia un errore, sia non riconoscere appieno peculiarità che sebbene da alcuni non condivisibili sono date. L’onda lunga della manifestazione sotto casa di Borradori, all’insegna di insulti e minacce, era prevedibile. Quanto successo ieri in Gran Consiglio, con l’uscita dall’aula e la non partecipazione ai lavori per una solidarietà del presidente Pini ritenuta insufficiente, non è però da prendere alla leggera e da giustificare con la diversità della Lega rispetto agli altri partiti. Semplicemente perché nel suo discorso, non dovuto, Pini la solidarietà e la condanna le ha espresse. Invocando il rispetto per le istituzioni, il presidente del Gran Consiglio ha abbracciato simbolicamente qualsiasi istituzione sia stata coinvolta nel caos di questi giorni: il sindaco di Lugano Borradori, la municipale Valenzano Rossi, la Polizia cantonale. Con la volontà di pensare al futuro e non solo al passato. Scelta saggia, considerato quanto ci sia da ricostruire soprattutto in termini di fiducia reciproca e di dialogo.

Quanto successo vicino all’abitazione del sindaco di Lugano Marco Borradori è da condannare. Risulta quantomeno grottesco, però, che chi deve buona parte delle sue fortune anche a certi ‘trattamenti domenicali’ riservati a una lunga fila di avversari politici, categorie di persone, varie etnie arrivi a non partecipare più ai lavori del Gran Consiglio – dove non si rappresentano solo i propri elettori ma tutta la popolazione – in segno di protesta per aggressioni verbali e comportamenti certo fuori dalle righe, ma che hanno comunque un’origine sulla quale il Ministero pubblico ha aperto un incarto.

La vicecapogruppo Sabrina Aldi può avere ragione nel lamentare il fatto che non è stato sostenuto a dovere l’uomo Marco Borradori, non solo il sindaco Marco Borradori. Ma quante domeniche sono stati sbeffeggiati consiglieri federali dipinti come clown, sono stati dileggiati consiglieri di Stato, offesi presidenti di partito, vilipese molte persone usando la logica del forte contro il debole. Questo, quando “la spada uccide tante persone, ma ne uccide più la lingua che la spada” (Siracide, 28,18). Questo, quando di fatto così è stato sdoganato un modo di fare che non è compatibile con le sensibilità, il rispetto e il buon senso. Quando si impronta la propria attività al puro attacco, poi i colpi bisogna essere anche disposti a riceverli e incassarli.

La speranza è quella di rivedere le deputate e i deputati della Lega seduti ai loro banchi subito. Il 21 giugno sarà in discussione il Consuntivo 2020 del Cantone, e il secondo partito più rappresentato in Gran Consiglio ha il dovere civico di partecipare alla discussione portando tutto il proprio contributo e tutte le proprie opinioni. Non solo per innalzare una bandiera, ma per favorire quel confronto auspicato da un inascoltato Pini, confronto che deve e dovrà essere sempre il nutrimento delle istituzioni, radici che devono sostenere il vivere civile e la sintesi della società che in questi tempi, non solo a Lugano, sembrano latitare sempre più.

 

Leggi anche:

'Niente solidarietà a Borradori?'. La Lega abbandona l'aula

Molino, autogestiti sotto casa del sindaco. Bloccato il lungolago

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
10 min
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
1 gior
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
1 gior
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
2 gior
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
3 gior
Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico
Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
3 gior
Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata
Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
4 gior
Neutralità tra coerenza e opportunismo
Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
IL COMMENTO
6 gior
Interpellanze in zucche: l’immorale ‘magia’ di Unitas
La richiesta di risposte chiare in merito all’audit sull’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana potrebbe trasformarsi in interrogazione
Il commento
1 sett
Razzismo e negazionismo: ho sognato che era tutto vero
Qualche considerazione – onirica e no – partendo dal documentario ‘Je suis noires’, della regista svizzera Rachel M’Bon
IL COMMENTO
1 sett
Sentenze, audit (Unitas)... opacità di Stato
Nonostante sia ancorata a una legge cantonale, la trasparenza resta in diversi casi l’eccezione
© Regiopress, All rights reserved