laRegione
laR
 
29.05.21 - 05:30

Crisi demografica, la ricchezza contro la natalità

C'è una constatazione che esce dalle statistiche: più cresce il reddito pro capite, meno si fanno figli. Un problema 'culturale'

di Silvano Toppi
crisi-demografica-la-ricchezza-contro-la-natalita
(Ti-Press)

A chi dice e scrive che non si fanno più figli, che c’è crisi demografica, che se non ci diamo una mossa anche il Ticino si svuoterà, vien voglia di richiamare uno studio recente della Banca d’Inghilterra. Un po’ ironicamente, ma soprattutto per rilevare le stravaganti interconnessioni tra vita, economia e politica. Quella Banca ha avuto la autocelebrativa iniziativa di mettere a confronto tassi di interesse e nascite nel regno di Elisabetta. Ed è approdata a una gioiosa constatazione: dopo i due anni in cui i tassi di interesse britannici sono scesi dal 5 allo 0,5 per cento, il tasso di natalità nei tre anni successivi è aumentato del 7,5 per cento. Quindicimila figli “supplementari”.

Dunque, le politiche monetarie non stimolano solo l’economia. Come lo si spiega? I tassi di interesse bassi o pressoché negativi hanno accresciuto il potere d’acquisto (minor costo dell’alloggio, minor costo del debito ipotecario, ecc.) e si è così innescato il convincimento che l’”onere” di un figlio era abbordabile. Un calcolo non senza rischio, fatto sulla breve-media scadenza. Ma sentenza bancaria precisa: ogni riduzione di un punto del tasso di interesse ufficiale si traduce in un aumento del due per cento del tasso di natalità.

Ecco la soluzione, si potrebbe dire! Smentita subito dalla realtà elvetica: sono più di cinque anni che le famiglie elvetiche vivono con i tassi di interesse negativi, e non è che i tassi di natalità o di fecondità siano aumentati. Anzi, la “secchezza”, come ha scritto Maurizio Agustoni su queste colonne, è rimasta. Si sono invece moltiplicati costruzioni e sfitti, contro ogni legge della domanda (demografica) e dell’offerta (immobiliare). Non sono neppure diminuite le pigioni. È stato contenuto l’apprezzamento del franco rispetto all’euro, è vero. Ma i risparmi, decurtati anche dalle commissioni bancarie, e i fondi delle casse pensioni, sono stati penalizzati. Quanto a dire, insomma, che l’economia ha delle ragioni che alle volte la ragione misconosce o degli effetti che la sinderesi non percepisce.

C’è una constatazione, che esce dalle statistiche. Non si sa per quale motivo si tende a non esplorarla, anche dai nostri demografi. È in contrasto con lo studio britannico. Ed è questa: la natalità è inversamente proporzionale all’aumento del prodotto interno lordo pro capite. Insomma, per farla breve, più cresce la ricchezza o il reddito pro capite, meno si fanno figli. Forse prevale un retaggio storico. Già il primo demografo, Malthus, diceva: “i poveri fanno troppi figli”.  È una convinzione socioeconomica rimasta, soprattutto tra i ricchi. Ed è così che la ricchezza o la condizione di benessere è finita in combutta con la natalità, che disturba o condiziona l’uso della propria ricchezza. Non ci sono politiche particolari e neppure religioni che riescono a mutare un gran che. Tanto da dover sempre trovare altrove i cosiddetti “dividendi demografici” (e finiremo per trovarli in Africa, come un tempo in Sardegna per la Monteforno). Il problema è dunque essenzialmente “culturale”. Non si scappa. Bisognerebbe avere il coraggio di ammetterlo, anche se poi è complicato partire da lì.

 

Leggi anche:

Serve una strategia di rilancio

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
1 gior
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
2 gior
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
3 gior
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
5 gior
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
6 gior
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
1 sett
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
1 sett
La realtà artefatta del Qatar
Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
1 sett
I guai di Letta (e del Pd)
La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett
Non perdere una guerra senza vincere la pace
In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett
Il partito delle donne e quello degli uomini
Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
© Regiopress, All rights reserved