laRegione
riscaldamento-globale-il-compromesso-del-doppio-binario
Altro che mascherina (Ti-Press)
Commento
 
15.05.21 - 05:300

Riscaldamento globale, il compromesso del doppio binario

Sul clima il tempo stringe e i piccoli passi possono portare avanti: scioperare per il futuro sì, ma anche sostenere la nuova legge sul Co2

C’è una cosa che il capitalismo non è ancora riuscito a far pagare, pur essendo utilizzata da tutta l’umanità. Un miscuglio gassoso di azoto, ossigeno e altri gas. Si tratta dell’aria che respiriamo, l’atmosfera terrestre, necessaria alla sopravvivenza di tutti gli abitanti del pianeta. Chissà, forse è maltrattata dall’uomo proprio perché non è mercificabile.

La qualità dell’aria si ripercuote, come ormai la maggioranza degli scienziati ammette, sul riscaldamento climatico, che rischia di mettere in pericolo il pianeta.

Che fare? In Svizzera ci sono due date che offrono possibili risposte politiche al tema del cambiamento climatico.

Il 21 maggio è la giornata dello Sciopero per il Futuro, con le manifestazioni organizzate da Sciopero per il clima, il movimento che da anni mobilita i giovani. Il manifesto della giornata è molto radicale e chiede, sostanzialmente, un cambiamento di sistema, non solo per quanto riguarda la svolta ambientale ed ecologica, ma anche sociale ed economica. I promotori affermano: “Prendiamo il futuro nelle nostre mani e portiamo le nostre richieste nelle strade. Ci rifiutiamo di aspettare ancora le risposte del governo: la crisi climatica è globale e non conosce confini... Nemmeno noi! Ecco perché solidarizziamo con i movimenti ecosocialisti di tutto il pianeta e lottiamo insieme per un futuro per tutt* degno di essere vissuto!”

Il 13 giugno i cittadini svizzeri sono chiamati alle urne per decidere se approvare la nuova legge sul CO2. Obiettivo della norma è la riduzione del 50% delle emissioni di gas a effetto serra entro il 2030, rispetto ai valori del 1990. Come? Con un aumento delle tasse sui combustibili fossili e sui voli aerei. Le tasse raccolte verranno redistribuite alla popolazione, con deduzioni sui premi delle casse malati, alle imprese e al Fondo per il clima. La legge è combattutta dai settori del petrolio e dell’auto e dall’Unione democratica di centro, da alcune sezioni – soprattutto romande – di Sciopero per il clima e dall’estrema sinistra.

La legge sul CO2 non è priva di lacune. Per esempio, non contempla interventi sul settore finanziario, responsabile di inquinamenti significativi. Chiede di dimezzare l’inquinamento entro il 2030, quando ormai molti scienziati del mondo intero ritengono che i valori debbano essere azzerati. Anche in ambito climatico, come per la pandemia, gli scienziati parlano al vento e i politici sono condizionati dalle lobby economiche.

La legge è sicuramente carente, ma è il risultato di un compromesso dopo tre anni di dibattiti. La prima versione era stata affossata sia dall’Unione democratica di centro che dal Partito socialista. Ora il Parlamento propone questo progetto che va nella direzione giusta, anche se molto timidamente.

Che fare? La posizione più efficace sembra quella scelta da Sciopero per il clima Ticino, assieme alla maggioranza delle sezioni svizzere. Vale a dire: scioperare per il futuro, come previsto il 21 maggio, mantenendo viva la mobilitazione nel Paese, anche fondando gruppi locali nei quartieri, al lavoro e a scuola. Puntare a un cambiamento di sistema ma, contemporaneamente, sostenere la nuova legge sul CO2 il 13 giugno.

Un compromesso, sì: tra movimento della società civile e politica nelle istituzioni. Un doppio binario perché sul clima il tempo stringe e i piccoli passi possono portare avanti. Un compromesso movimentista, degno di attenzione.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
4 ore
Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine
Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile
il commento
1 gior
Il vistoso fascismo che non esiste
Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”
La formica rossa
1 gior
La differenza tra sindacati forti e quelli supini
La polemica sul patrimonio di Unia nasconde in realtà il desiderio recondito di qualcuno di annichilire le ambizioni dei lavoratori
Commento
3 gior
Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’
Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro
Commento
4 gior
Il ‘Back in the U.S.S.R.’ di Morisoli e Pamini
Il piano quinquennale dell’Udc: ridurre le tasse ai più abbienti e raggiungere l’equilibrio fiscale a suon di tagli. Ipocrisia? No, lotta distributiva
La formica rossa
5 gior
La volpe, il principe e la truffa del falso nipote
Una storia triste che dimostra come in Ticino, quando si affaccia un emulo di Tewanna Ray, c’è sempre qualcuno che ci casca
Commento
6 gior
I luoghi comuni certificati Unesco
La lista dei patrimoni immateriali era nata per salvare culture morenti, ma da qualche tempo entrano pizze, tango, baguette e chiacchiere all’aperto
La formica rossa
6 gior
Calo demografico, parlare di salari è così brutto?
Di soluzioni dalla politica se ne sentono di ogni: fantasiose o più concrete. Basterebbe pagare stipendi dignitosi, al netto di tante chiacchiere
IL RICORDO
1 sett
Il ‘monello’, uno degli ultimi tenori
Alex Pedrazzini ha dato il meglio di sé come consigliere di Stato, alla testa del Dipartimento delle Istituzioni
Commento
1 sett
‘Sciur padrun’ di ieri e di oggi
Dalle mondine in poi i tempi non sono cambiati. Non quando si parla di lavoro e salari degni come capita nel Mendrisiotto
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile