laRegione
Svizzera
1
Turchia
0
1. tempo
(1-0)
Italia
0
Galles
0
1. tempo
(0-0)
BRENGLE M. (USA)
0
GOLUBIC V. (SUI)
0
1 set
(4-2)
la-corona-diktatur-degli-uomini-forti
(Keystone)
Commento
 
07.05.21 - 05:300
Aggiornamento : 12:26

La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti

India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia

Dell’affanno delle democrazie (nel tentativo di conciliare restrizioni alle libertà individuali e salvaguardia sanitaria collettiva) abbiamo già detto. Equilibrio precario, decisioni non sempre lineari, aspetti contraddittori, concessioni o cedimenti a richieste (politiche), desideri (sociali), pressioni (economiche) per riaperture ‘a rischio calcolato’. Si può allora affermare che stanno meglio, nella strategia e nei risultati anti-virus, le autocrazie che, per parafrasare il dittatore cinese Xi Jinping, non devono tener conto di lacci e lacciuoli che invece frenano le decisioni dei regimi parlamentari. In realtà abbiamo sotto gli occhi situazioni che ci dicono che nemmeno questo é così scontato, né così vero. Non si tratta solo dei già citati casi della Cina (col suo un vaccino ‘home made’ definito poco efficace dalla stessa autorità sanitaria nazionale); o della Russia (solo 5% di immunizzati nonostante il patriottico Sputnik).    

Rifacciamoci invece agli esempi oggi più inquietanti, pericolosi per tutti, e fallimentari. In modi e misure diverse, altri due ‘giganti’ nei rispettivi subcontinenti. L’India, per cominciare, vista la sua dolorosa ed esplosiva attualità. Una nazione devastata (per vertiginoso numero di contagi, agonizzanti senza speranza, e morti) sia dalla progressione del Coronavirus sia dai plateali arroganti errori del suo primo ministro Narendra Modì. Suprematista indù, risoluto manovratore della religione nettamente maggioritaria (l’80% cento su un totale di un miliardo e oltre trecento milioni di abitanti), spregiudicato nell’eludere le regole democratiche, nemico della minoranza musulmana (quasi il 20 per cento dei “suoi” concittadini, esclusi dall’ultimo censimento, trattati dunque come apolidi). Insomma, quel che si dice ‘l’uomo forte’, termine spesso associabile alla definizione di ‘leader illiberale’. Che come tale si é comportato anche nell’emergenza pandemica: dichiarato negazionista, ne ha decretato alcune settimane fa la fulminea sconfitta, ha ‘sbugiardato’ i suoi scienziati, incoraggiato un gigantesco ‘libera tutti’, organizzato pellegrinaggi di massa (e cortei elettorali affollatissimi) per tenere acceso il radicalismo religioso. Risultato: oggi l’India é una sorta di “bomba atomico-sanitaria”, con la comunità internazionale forzatamente generosa nel volare in suo soccorso (dovrebbe essere sottoposta a “totale e rigido lockdown per diverse settimane”, ammonisce l’ americano Anthony Fauci). 

Quindi, sul versante opposto del pianeta, l’altro "uomo forte”, il negazionista brasiliano Jair Bolsonaro, che giustificò la passata dittatura militare come ‘atto patriottico’, incoraggiato la criminale deforestazione dell’Amazzonia, minacciato ancor più la sopravvivenza delle minoranze indigene diventate anche le principali vittime del virus, il più fervente ammiratore di Trump. Un altro bilancio disastroso, il suo, della gestione pandemica. Che gli ha addirittura alienato una parte consistente delle forze armate. E che lo ha schiantato nei sondaggi.

Conclusione. Conosciamo la fragilità delle democrazie (in realtà precedente lo tsunami Covid 19), la fatica della sua gestione, i suoi vari deficit partecipativi, le faglie sociali che la sviliscono e la possono minacciare. Ma la “Corona Diktatur”, quella, sta decisamente altrove.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
L’importanza di chiamarsi Orbán
Il premier ungherese apparecchia la giornata perfetta, per lui, tra leggi omofobe e sfida calcistica al Portogallo. A tradirlo sarà sempre Orbán
Gallery
Commento
2 gior
Cercasi maturità, prima che talento e qualità
In seno alla Nazionale spuntano accenni di leggerezza e superficialità. La fragilità tecnica era ipotizzabile, tuttavia manca qualcosa a livello di atteggiamento
Commento
3 gior
Due passi a Lugano, dal Macello a Cornaredo
Il Macello trasmette la grande tristezza di un'esperienza soffocata. Cornaredo, con i campi deserti, è un limbo di città, con tanto verde transennato
La formica rossa
3 gior
Biden, Putin e un giro a bordo della DeLorean
Viaggio nel passato: se avessimo fatto vedere a Reagan e a Gorbaciov la foto dell’incontro di ieri forse il mondo di oggi sarebbe tutt’altro luogo
Commento
4 gior
La piccola Guerra Fredda di Biden e Putin
Biden e Putin a Ginevra, uno davanti all'altro eppure lontanissimi, tra interessi internazionali e insulti personali
Commento
4 gior
L'‘offensiva liberale’ abbia al centro anche la persona
Domani in comitato cantonale il Plr parlerà del progetto di rilancio, in cui Speziali si gioca molto tra tante aspettative e bisogni della popolazione
Commento
5 gior
Realpolitik alla ginevrina
Biden e Putin verso un summit che non fa presagire nulla di buono. Ma il precedente Reagan-Gorbaciov, in piena Guerra fredda, può farci sperare.
Commento
5 gior
Eriksen e le gazzette del voyeur
La tragedia sfiorata in campo del giocatore danese ha fatto dare il peggio a pagine social e media internazionali, che hanno preferito la morbosità alla cronaca
Commento
5 gior
L’arduo compito del successore di Petra Gössi
La presidente del Plr rassegna le dimissioni. La svittese lascia con un bilancio in chiaroscuro un partito che si trova di nuovo in una spirale discendente.
Commento
6 gior
Il clima, i pesticidi e una domenica ironicamente tragica
La fossa alla legge sul CO2 è stata scavata nelle zone rurali, da chi in nome della sopravvivenza dell’agricoltura si è battuto contro le due iniziative
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile