laRegione
Svizzera
Turchia
18:00
 
Italia
Galles
18:00
 
BRENGLE M. (USA)
GOLUBIC V. (SUI)
18:00
 
SAMSONOVA L. (RUS)
2
BENCIC B. (SUI)
1
fine
(1-6 : 6-1 : 6-3)
trump-quella-di-facebook-e-una-censura-lecita-ma-maldestra
Poteva andare peggio (Keystone)
Commento
 
06.05.21 - 05:300
Aggiornamento : 15:30

Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra

La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano

È una decisione apparentemente salomonica, quella della “corte suprema di Facebook” sulla messa al bando di Donald Trump. L’Oversight Board, organo indipendente voluto da Mark Zuckerberg per giudicare le contestazioni sugli interventi di moderazione sui suoi social network, ha da una parte confermato la sospensione decisa nei momenti dell’assalto al Campidoglio, dall’altra ha giudicato arbitraria la durata indefinita di questa sospensione, imponendo quindi una rivalutazione del caso.

Manifestando solidarietà e vicinanza agli assalitori e continuando a sostenere senza prove che dei brogli avessero ribaltato il legittimo risultato delle elezioni, l’allora presidente Trump non si è limitato a esprimere un’opinione, ma ha creato una situazione di pericolo: la rimozione di quei contenuti e la sospensione temporanea dell’account di Trump sono state scelte opportune e legittime; tuttavia nei regolamenti del social network non si trova da nessuna parte la possibilità di una sospensione a tempo indeterminato e questa appare quindi illegittima oltre che sproporzionata. L’ex presidente degli Stati Uniti potrebbe quindi tornare su Facebook e Instagram, ma tutto sommato non cambierebbe molto: anche in questi mesi Trump ha avuto modo di rendere pubbliche le proprie esternazioni – tra cui l’ultima, successiva alla decisione dell’Oversight Board: “I social media corrotti devono pagare un prezzo politico” – e se hanno trovato meno diffusione, beh probabilmente non è perché Trump non ha più un profilo ufficiale ma perché, non essendo più presidente, le sue affermazioni interessano meno.

Tuttavia basta spostare l’attenzione da Donald Trump a Facebook per trovare il verdetto dell’Oversight Board meno salomonico e cerchiobottista. “Applicando una sanzione vaga e priva di base normativa e poi rimettendo il caso al Board per risolverlo, Facebook cerca di sfuggire alle proprie responsabilità” si legge nelle prime pagine del lungo testo redatto dai consiglieri. Perché, bene ricordarlo, non è stato Trump a ricorrere contro la sospensione, ma l’azienda stessa a sottoporre il caso all’Oversight Board. Che evidentemente non ha gradito molto l’idea di essere chiamato a fornire all’azienda le regole che questa non è stata in grado di darsi da sola. E infatti rispedisce l’incarto al mittente, chiedendo a Facebook di stabilire norme chiare su una lunga serie di punti. Non solo quali sono le possibili sanzioni, ma anche quali informazioni vengono condivise con le forze dell’ordine o come intende evitare influenze politiche ed economiche nella gestione di situazioni simili. Il Board trova inoltre problematica la distinzione, su cui Facebook sembra insistere molto, tra leader politici e altri utenti: le regole devono essere uguali per tutti e se una distinzione va fatta, non è tra politici e non politici, ma tra chi ha grande seguito, e rischia quindi di fare grossi danni, e chi invece ha contatti più limitati.

Certo, si tratta in buona parte di raccomandazioni che Facebook può di fatto ignorare, dicendo semplicemente di averle prese in considerazione. Resta il fatto che un organismo – indipendente per quanto fondato e finanziato dallo stesso social network – ha ribadito che l’agire di Facebook è sostanzialmente confuso e arbitrario, lontano dagli standard che è lecito aspettarsi da chi ha il potere di limitare la libertà di espressione. E quasi non vale la pena sottolineare l’importanza dei social media nella formazione delle opinioni.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
L’importanza di chiamarsi Orbán
Il premier ungherese apparecchia la giornata perfetta, per lui, tra leggi omofobe e sfida calcistica al Portogallo. A tradirlo sarà sempre Orbán
Gallery
Commento
2 gior
Cercasi maturità, prima che talento e qualità
In seno alla Nazionale spuntano accenni di leggerezza e superficialità. La fragilità tecnica era ipotizzabile, tuttavia manca qualcosa a livello di atteggiamento
Commento
3 gior
Due passi a Lugano, dal Macello a Cornaredo
Il Macello trasmette la grande tristezza di un'esperienza soffocata. Cornaredo, con i campi deserti, è un limbo di città, con tanto verde transennato
La formica rossa
3 gior
Biden, Putin e un giro a bordo della DeLorean
Viaggio nel passato: se avessimo fatto vedere a Reagan e a Gorbaciov la foto dell’incontro di ieri forse il mondo di oggi sarebbe tutt’altro luogo
Commento
4 gior
La piccola Guerra Fredda di Biden e Putin
Biden e Putin a Ginevra, uno davanti all'altro eppure lontanissimi, tra interessi internazionali e insulti personali
Commento
4 gior
L'‘offensiva liberale’ abbia al centro anche la persona
Domani in comitato cantonale il Plr parlerà del progetto di rilancio, in cui Speziali si gioca molto tra tante aspettative e bisogni della popolazione
Commento
5 gior
Realpolitik alla ginevrina
Biden e Putin verso un summit che non fa presagire nulla di buono. Ma il precedente Reagan-Gorbaciov, in piena Guerra fredda, può farci sperare.
Commento
5 gior
Eriksen e le gazzette del voyeur
La tragedia sfiorata in campo del giocatore danese ha fatto dare il peggio a pagine social e media internazionali, che hanno preferito la morbosità alla cronaca
Commento
5 gior
L’arduo compito del successore di Petra Gössi
La presidente del Plr rassegna le dimissioni. La svittese lascia con un bilancio in chiaroscuro un partito che si trova di nuovo in una spirale discendente.
Commento
6 gior
Il clima, i pesticidi e una domenica ironicamente tragica
La fossa alla legge sul CO2 è stata scavata nelle zone rurali, da chi in nome della sopravvivenza dell’agricoltura si è battuto contro le due iniziative
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile