laRegione
la-storiella-la-campana-e-il-coraggio-politico-che-ci-manca
Joe Biden, tutt'altro che 'sleepy' (Keystone)
Commento
04.05.21 - 05:300
Aggiornamento : 12:19

La storiella, la campana e il coraggio politico (che ci manca)

Del presidente americano Biden la rivoluzionaria svolta: 'È tempo di costruire un’economia che cresca dal basso verso l’alto'

Non è che stia formandosi un nuovo partito delle tasse. Quella è tutt’al più una conseguenza. La controtendenza sta altrove. Sta nella dichiarazione di fallimento di una dottrina, diventata illusione o inganno, che anche noi ticinesi, facili all’importazione di idee-forza che dovrebbero trarci dal pelago alla riva o alle promesse dei novelli Tavannaray dei bitcoin, abbiamo esaltato.

Del presidente americano Biden la rivoluzionaria svolta sta nella dichiarazione solenne “it’s time to change the paradigm”, è tempo di cambiare il paradigma, seguita dall’altrettanto importante promessa: “È tempo di costruire un’economia che cresca dal basso verso l’alto”.

Il paradigma sta in una storiella e in una campana. La storiella dice che è giusta e buona cosa favorire la ricchezza e i ricchi, non disturbandoli con regole o con il fisco, perché tutto finirà per sgocciolare da loro (trickle down) su chi ha meno. Per due motivi ovvii: i ricchi consumeranno di più, e aumenteranno quindi domanda e attività produttiva; inoltre godendo essi di maggiori capitali, non sottratti dallo Stato con il fisco, investiranno nella struttura produttiva, rafforzeranno la competitività per i minori costi, la ricerca, creeranno lavoro. La campana (detta curva di Laffer, dal nome di un economista che l’avrebbe disegnata su un tovagliolo a due portaborse di Reagan) voleva significare che esiste un tasso di imposizione sulla ricchezza che diventa dissuasivo; superato quel tasso (quell’apice della curva) succede il finimondo: voglia di evasione fiscale, riduzione dell’attività economica, entrate fiscali che diventano inversamente proporzionali al tasso di imposizione (più sale, più scendono).

Nel nostro piccolo, abbiamo creduto e applicato anche in Ticino da lunghi anni, in maniera monotona e ripetitiva, quel paradigma.

Si sono moltiplicati gli studi negli ultimi tempi per sostenere e dimostrare che storiella e disegno non hanno funzionato come si credeva. Persino papa Francesco ha scritto (Tutti fratelli): finiamola con questa “fiducia grossolana e ingenua”. Basterebbe forse citare il recente studio (dicembre) della prestigiosa London School of Economics su 18 paesi sviluppati (dall’Australia agli Stati Uniti) che hanno adottato quel “paradigma” a partire dal 1982. Le conclusioni sono lapidarie: il maggior mutamento verificatosi consiste sempre nell’accumulo molto più veloce (much faster) di altra ricchezza tra i già ricchi; la classe media non ne ha tratto vantaggio, sono anzi aumentati in misura esacerbante (exacerbate) le ineguaglianze e l’indigenza, anche perché di fronte a un reddito del lavoro stagnante, aumentano sempre i costi per la salute, per l’alloggio e per l’educazione; dopo cinque anni di applicazione della teoria del trickle down, si rileva come il reddito lordo pro capite delle economie domestiche non è variato. “In base alla nostra ricerca possiamo arguire che quel paradigma è assai fragile (weak)”.

“Abbiamo ormai constatato più e più volte che queste ricadute della ricchezza non funzionano”, ha sentenziato Biden. Quel coraggio del politico che ci manca.

TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Riscaldamento globale, il compromesso del doppio binario
Sul clima il tempo stringe e i piccoli passi possono portare avanti: scioperare per il futuro sì, ma anche sostenere la nuova legge sul Co2
Commento
1 gior
Scozia, il tassello più pregiato del Regno disunito
La Brexit ha dato risposte facili a un problema complesso: per questo sarà difficile dire no a un nuovo referendum scozzese e alla riunificazione dell'Irlanda
Commento
2 gior
Il trionfo forzato dell'indebitamento
Storicamente il debito ha sempre avuto una connotazione negativa, perché opposto a una filosofia politica e morale di liberazione dell’individuo
Commento
4 gior
Una superpotenza chiamata Netanyahu
Primo ministro dal 2009, trova sempre un modo per restare in sella. Gli scontri di questi giorni sono l'occasione di evitare processi e declino
Commento
5 gior
Barcolla, non molla, il pugile bianconero
Il Lugano sogna ancora l'Europa ma sembra essere arrivato a questo finale di stagione con le batterie scariche, per buona pace del 'Prés' Angelo Renzetti
Commento
6 gior
Non è una sinistra per poveri (e Piketty spiega il perché)
Le classi più deboli tenderebbero a votare sempre meno una sinistra impegnata in molte battaglie culturali, ma che non riesce a parlare ai lavoratori
Commento
1 sett
Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro
Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
1 sett
Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini
Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 sett
La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti
India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
1 sett
Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra
La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile