laRegione
laR
 
04.05.21 - 05:30
Aggiornamento: 12:19

La storiella, la campana e il coraggio politico (che ci manca)

Del presidente americano Biden la rivoluzionaria svolta: 'È tempo di costruire un’economia che cresca dal basso verso l’alto'

di Silvano Toppi
la-storiella-la-campana-e-il-coraggio-politico-che-ci-manca
Joe Biden, tutt'altro che 'sleepy' (Keystone)

Non è che stia formandosi un nuovo partito delle tasse. Quella è tutt’al più una conseguenza. La controtendenza sta altrove. Sta nella dichiarazione di fallimento di una dottrina, diventata illusione o inganno, che anche noi ticinesi, facili all’importazione di idee-forza che dovrebbero trarci dal pelago alla riva o alle promesse dei novelli Tavannaray dei bitcoin, abbiamo esaltato.

Del presidente americano Biden la rivoluzionaria svolta sta nella dichiarazione solenne “it’s time to change the paradigm”, è tempo di cambiare il paradigma, seguita dall’altrettanto importante promessa: “È tempo di costruire un’economia che cresca dal basso verso l’alto”.

Il paradigma sta in una storiella e in una campana. La storiella dice che è giusta e buona cosa favorire la ricchezza e i ricchi, non disturbandoli con regole o con il fisco, perché tutto finirà per sgocciolare da loro (trickle down) su chi ha meno. Per due motivi ovvii: i ricchi consumeranno di più, e aumenteranno quindi domanda e attività produttiva; inoltre godendo essi di maggiori capitali, non sottratti dallo Stato con il fisco, investiranno nella struttura produttiva, rafforzeranno la competitività per i minori costi, la ricerca, creeranno lavoro. La campana (detta curva di Laffer, dal nome di un economista che l’avrebbe disegnata su un tovagliolo a due portaborse di Reagan) voleva significare che esiste un tasso di imposizione sulla ricchezza che diventa dissuasivo; superato quel tasso (quell’apice della curva) succede il finimondo: voglia di evasione fiscale, riduzione dell’attività economica, entrate fiscali che diventano inversamente proporzionali al tasso di imposizione (più sale, più scendono).

Nel nostro piccolo, abbiamo creduto e applicato anche in Ticino da lunghi anni, in maniera monotona e ripetitiva, quel paradigma.

Si sono moltiplicati gli studi negli ultimi tempi per sostenere e dimostrare che storiella e disegno non hanno funzionato come si credeva. Persino papa Francesco ha scritto (Tutti fratelli): finiamola con questa “fiducia grossolana e ingenua”. Basterebbe forse citare il recente studio (dicembre) della prestigiosa London School of Economics su 18 paesi sviluppati (dall’Australia agli Stati Uniti) che hanno adottato quel “paradigma” a partire dal 1982. Le conclusioni sono lapidarie: il maggior mutamento verificatosi consiste sempre nell’accumulo molto più veloce (much faster) di altra ricchezza tra i già ricchi; la classe media non ne ha tratto vantaggio, sono anzi aumentati in misura esacerbante (exacerbate) le ineguaglianze e l’indigenza, anche perché di fronte a un reddito del lavoro stagnante, aumentano sempre i costi per la salute, per l’alloggio e per l’educazione; dopo cinque anni di applicazione della teoria del trickle down, si rileva come il reddito lordo pro capite delle economie domestiche non è variato. “In base alla nostra ricerca possiamo arguire che quel paradigma è assai fragile (weak)”.

“Abbiamo ormai constatato più e più volte che queste ricadute della ricchezza non funzionano”, ha sentenziato Biden. Quel coraggio del politico che ci manca.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
23 ore
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
23 ore
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
1 gior
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
1 gior
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
3 gior
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
4 gior
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
4 gior
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
5 gior
Il grande ricatto di Putin
Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
6 gior
Valera è la cosa giusta
Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
1 sett
Rito dunque sono
Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
© Regiopress, All rights reserved