laRegione
laR
 
26.04.21 - 05:30
Aggiornamento: 15:39

Il genocidio armeno tra storia e strategia

Il suo riconoscimento da parte di Joe Biden può destare qualche dubbio sulla tempistica, ma non fa una piega dal profilo dei fatti

di Roberto Antonini, giornalista Rsi
il-genocidio-armeno-tra-storia-e-strategia
(Keystone)

Chi scrive la storia? I vincitori, risponde un celebre adagio. Gli storici, dovrebbe essere la risposta suggerita dal buon senso. Ma la memoria storica è anche terreno di scontro politico. Il riconoscimento del genocidio armeno da parte di Joe Biden può destare qualche sospetto sulla tempistica, ma non fa una piega dal profilo dei fatti riconosciuti dagli studiosi. Gli Usa si aggiungono a una trentina di Stati, tra cui la Svizzera, nel riconoscere che la carneficina iniziata nel 1915 contro la popolazione cristiana armena da parte del califfo-sultano Mehmet V e del movimento dei “Giovani turchi” fu un vero e proprio genocidio.

Nella giornata del 24 aprile in cui si commemora l’uccisione di oltre 1.2 milioni di armeni, l’America lancia il suo monito: “Onoriamo le vittime del Medz Yeghern (grande crimine) in modo che gli orrori di ciò che è accaduto non vadano persi nella storia”. Il primo genocidio del XX secolo si vede così finalmente riconosciuto dalla superpotenza.

Scatenato in piena prima guerra mondiale, il massacro, immortalato pure da numerose fotografie, si protrasse per diversi anni. Centinaia di migliaia di persone morirono uccise o di stenti nelle deportazioni in massa verso l’entroterra anatolico e soprattutto il deserto siriano. La battaglia a livello semantico (genocidio per la maggioranza degli storici, massacro di massa per alcuni altri) vede confrontati quanti sostengono che non vi fu un progetto di sterminio vero e proprio a chi considera che vi fu un disegno preciso di annientamento da parte dei turchi ottomani. Gli armeni, cristiani, simpatizzavano con il nemico russo: questa in sostanza l’origine della violentissima repressione. 

Non sorprende il diniego da parte del regime liberticida di Erdogan. Un negazionismo ostinato, malgrado le innumerevoli testimonianze dell’epoca, tra cui quelle di ufficiali tedeschi che assistevano i carnefici lungo la “strada degli orrori” dove i cadaveri erano disseminati per centinaia di chilometri. Le parole vergate sul suo diario dal rappresentante consolare tedesco Wilhelm Litten fanno accapponare la pelle: corpi putrefatti, fantasmi scheletriti che cadevano a terra stremati, volti stravolti dalla sofferenza alla ricerca disperata di acqua in pieno deserto. Una tragedia immensa. Che ci sia stata una carneficina programmata è una realtà incontrovertibile. Eppure ad Ankara chi osa accennarne rischia tre anni di carcere.

L’interrogativo riguarda dunque il momento scelto da Joe Biden, presidente certamente molto attento ai diritti umani, ma pure alle questioni strategiche. Con lui alla Casa Bianca, Erdogan ha perso un amico (Donald Trump). Gli Usa tentennano da anni nel riconoscere il primo genocidio della storia, George W. Bush era contrario, Barack Obama favorevole, ma indeciso. La Turchia in chiave islamista ha rispolverato le velleità imperiali, attaccando la Siria e sostenendo i jihadisti, massacrando i curdi, intervenendo in Libia, abbracciando l’orso russo. Erdogan alleato Nato lo è de jure, ma sempre meno de facto. Il riconoscimento del genocidio non è solo una questione di giustizia storica, imprime al confronto strategico una nuova fortissima dimensione simbolica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
18 ore
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
1 gior
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
1 gior
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
2 gior
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
3 gior
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
4 gior
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
5 gior
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
1 sett
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
1 sett
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
1 sett
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
© Regiopress, All rights reserved