laRegione
20.04.21 - 08:00

Super League: si chiama avidità e fa parte del calcio

La superlega che dodici club ribelli hanno fondato nasconde (nemmeno tanto) finalità riconducibili al mero business. In barba allo sport, verrebbe da dire

super-league-si-chiama-avidita-e-fa-parte-del-calcio

È tutta una questione di soldi, una banalissima questione di soldi. Ovviamente tanti, si parla di miliardi. Nella questione della Super League fondata da dodici tra le società più ricche e blasonate del mondo del pallone, il calcio c’entra solo perché di società di calcio si tratta. Altrimenti, il discorso è puramente economico, legato al business.

Un affare per squali sempre più avidi che, a furia di gonfiare il pallone, lo hanno fatto scoppiare, travolti dai debiti. Per metterci una pezza, affinché possa riprendere a rimbalzare in campo, fondano una Lega chiusa, per pochi intimi, ovviamente ricchi e potenti, meglio se legati a non mai meglio precisati “fondi”, così da alimentare una macchina moderna che viaggia a dollari. Però, con emissioni zero, anche se l'ecologia non c'entra. Emissioni zero di quei valori storici e ormai desueti legati al pallone, traducibili con concetti quali cuore, passione, partecipazione emotiva. Sport, per dirla con una sola parola. Anche quella, svuotata del suo significato dal tentativo sfacciato e smargiasso delle grandi d’Europa di fondare un circolo esclusivo, fastidiosamente snob, che mette in pericolo il sistema calcio così come lo concepiamo da sempre, relegandolo a un torneo di supercafoni fortissimi e bellissimi che hanno pure la faccia tosta di professarsi solidali con le “piccole”. Alle quali - non serve essere premi Nobel dell’intuizione per immaginarlo - non lasceranno che le briciole del raccolto che intendono realizzare attingendo a piene mani ai diritti televisivi che saliranno alle stelle, ai già citati e sempre un po’ misteriosi fondi di investimento che hanno fatto esplodere i bilanci e che da tempo hanno fiutato l’affare.

Il tutto, si premurano di farci credere, lo vogliono mettere in piedi d’accordo con Uefa e Fifa, ovvero le strutture alle quali hanno dichiarato guerra, con una ribellione senza precedenti in 70 anni di competizioni internazionali. Già, peccato che abbiano già imboccato la strada dei tribunali, giusto per portarsi avanti di fronte a cause e azioni legali, del resto già annunciate.

Potente e ricca, la fronda, e pure arrogante. Traccia una via parallela, che per ovvie questioni anche geometriche non può avere punti di contatto con quella percorsa da sempre dal calcio, sventola la bandiera dell’autonomia e brandisce il vessillo di una collaborazione con le attuali istituzioni del calcio - non ammesse, nemmeno loro, al processo di beatificazione, sia ben chiaro - che non ha ragion d’essere, se non per riempirsi la bocca, prima di fare lo stesso con il portafoglio. Non alternativa, bensì concorrenza: così si professano Agnelli e sodali. Intanto però scatenano gli avvocati. Previdenti, non c’è che dire.

Non basta che l’Uefa abbia allargato e ritoccato la Champions, regalando ai principali campionati quattro posti fissi, assegnati d’ufficio. Una concessione che ha fatto storcere il naso alle realtà minori, il cui campione nazionale deve sorbirsi preliminari estivi di complicata gestione e di scarso interesse. Non basta, no. Gli spaventosi debiti accumulati impongono entrate ancor più cospicue. Del resto, facile professarsi ricchi con un debito di un miliardo che mette alle strette, per dirna una, il Barcellona che intanto, però, paga Messi con cifre fuori mercato prima ancora che immorali. Li avessero, tutti quei soldi, potrebbero anche giustificarne la spesa, ma così...

Vero è che attorno ai dissidenti che hanno dato vita alla Super Lega gira gran parte dell’interesse del calcio, in termini sia di soldi sia di tifosi. Gran parte, ma non tutto. E il resto? Sacrificato, accantonato. Contorno trascurabile, parte di un tutto che viaggia a due velocità. Chi ha i soldi per innestare la sesta, può accomodarsi al tavolo della godenda e cercare di accaparrarsi una fetta della torta. Chi ha una società importante e una storia di un certo prestigio, può sempre chiedere aiuto a un fondo, il mondo della finanza ne è zeppo. E magari un posto a tavola lo aggiungono, se ti presenti con le palanche. Le altre? Che continuino pure a regalare gioie e dolori ai propri tifosi sparsi nel mondo, a prendere parte ai campionati, alle coppe, a Mondiali ed Europei. Quello è solo calcio, che volete che sia?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
19 ore
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
2 gior
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
3 gior
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
4 gior
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
5 gior
La realtà artefatta del Qatar
Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
6 gior
I guai di Letta (e del Pd)
La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett
Non perdere una guerra senza vincere la pace
In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett
Il partito delle donne e quello degli uomini
Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett
Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti
La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett
Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre
A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
© Regiopress, All rights reserved