laRegione
laR
 
17.04.21 - 05:30

Il Brasile e l’eterno ritorno di Lula

L'ex presidente è di nuovo eleggibile e potrà sfidare Bolsonaro alle presidenziali. Restano i dubbi su quell'inchiesta a orologeria che lo travolse nel 2018

il-brasile-e-l-eterno-ritorno-di-lula
Lula attorniato dai suoi supporter (Keystone)

Che la legge fosse “un modo astuto per aggirare la giustizia”, in Brasile lo sapevano già tutti. Anche perché – per lasciarla scolpita nell’anima del Paese – la dea degli aforismi questa frase non l’ha fatta uscire dalla bocca di un accigliato generale, ma da quella di un amatissimo autore satirico, Millôr Fernandes: uno che si faceva volere bene a suon di battute e – tra una vignetta e l’altra – trovava anche il tempo di tradurre Shakespeare. Perché la verità spetta ai giullari dirla, ma se hanno studiato commedia e tragedia dai migliori, la dicono meglio.

Se mai ce ne fosse stato bisogno, in questi giorni abbiamo avuto la riprova che l’etichetta di Fernandes è ancora valida e si può appiccicare al dossier che ha coinvolto, anzi travolto, l’ex – e a questo punto forse anche futuro – presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva. Per tutti, e per brevità, Lula.

L’ex sindacalista diventato l’uomo più potente del Paese, intoccabile per quasi vent’anni, a pochi mesi dalle elezioni del 2018 era finito all’improvviso nella polvere, accusato di corruzione e riciclaggio all’interno dell’inchiesta Lava Jato, una Mani Pulite alla brasiliana. Lula si consegnò alla polizia convinto di risolvere tutto in poco tempo. Restò in carcere per 580 giorni. E a nulla valse il soccorso di Dilma Rousseff, sua erede politica, che cercò di salvarlo – forzando le regole – nominandolo ministro. I giudici glielo impedirono.

Lula perse così in un solo colpo credibilità, potere e ogni diritto politico, tra cui quello di candidarsi. Di lì a poco, il suo partito perderà anche le elezioni presidenziali, lasciando spazio a Jair Bolsonaro. Semplice? No. Qualcosa non quadrava, e a molti sembrava il classico caso di giustizia a orologeria. Nei sondaggi, infatti, Lula era dato in netto vantaggio su Bolsonaro fino allo stop imposto dai giudici che – si scoprirà – usavano le leggi per aggirare la giustizia.

La gran parte dell’impianto accusatorio si basava su articoli di giornali compiacenti che non riportavano fonti né prove. Il titolare dell’inchiesta era il procuratore Sergio Moro: vicino agli ambienti della destra brasiliana che voleva il ribaltone, vicino al Dipartimento di Stato Usa (che, storicamente, in Sudamerica mal sopporta i governi di sinistra) e vicinissimo a Bolsonaro, che, diventato presidente, lo nomina subito ministro della Giustizia. Una mossa, quella di promuovere al massimo livello chi ha appena cancellato il tuo avversario, che fece storcere il naso anche agli osservatori più neutrali.

Mentre Bolsonaro, invaghito di Trump, continuava a inciampare su tutto – in particolare sul Covid, che prima negava e oggi sminuisce – il giudice supremo del Tribunale federale, Edson Fachin, riesce ad annullare la condanna a Lula, ridandogli la libertà e la possibilità di candidarsi. Chi aveva messo lì Fachin? Dilma Rousseff. E si può pensar male. Ma anche i giudici della Corte suprema hanno dato il loro via libera al ritorno in pista di Lula, che ha già detto che si candiderà, se necessario: definendo Bolsonaro un “genocida, uno che non sa nemmeno che la Terra è rotonda”. Prima ancora, dal carro di Bolsonaro, erano scesi i militari. Non sono i soli, a quanto pare. Insomma, l’establishment sembra avere già scelto. Ma l’inchiesta su Lula dovrà ripartire da zero altrove e non è detto che non ci siano altri colpi di scena da qui al voto, fissato per l’autunno 2022. Come in una telenovela infinita. Rigorosamente brasiliana.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
11 ore
Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida
Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
1 gior
Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto
Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
1 gior
L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi
Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
2 gior
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
4 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
4 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
5 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
6 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 sett
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
© Regiopress, All rights reserved