laRegione
laR
 
14.04.21 - 05:30

No, la scienza non ne uscirà migliore

La pandemia poteva essere un’opportunità per sviluppare un dialogo autentico e costruttivo tra scienza e società. Ma non è andata così

di Ivo Silvestro
no-la-scienza-non-ne-uscira-migliore

Ammettiamolo: un po’ ci avevamo creduto, alla storia che ne saremmo usciti migliori. O quantomeno ci abbiamo un po’ sperato, guardando a quel rinnovato senso di comunità e di responsabilità delle prime settimane di pandemia. Adesso gli interrogativi sensati su cosa resterà riguardano giusto qualche giorno a settimana di telelavoro e gli aperitivi da asporto.

Finché si tratta della scomparsa dai balconi degli striscioni arcobalenati, poco male: la delusione più grande, in questo anno e passa di pandemia, riguarda il rapporto tra scienza e società. Di motivi per sperare in un dialogo autentico tutto sommato ce ne erano: la diffusione globale di una nuova malattia contagiosa come monito ad ascoltare chi da tempo sottolineava il rischio rappresentato dalle epidemie; un nuovo virus di cui si sapeva poco, dalle origini alle modalità di contagio all’efficacia di trattamenti e interventi non farmacologici, un’occasione per ragionare su come prendere decisioni in situazioni di incertezza e adattarle al progredire delle conoscenze; un’emergenza sanitaria che riguarda non solo la salute del corpo, ma anche la mente, i rapporti sociali e l’economia è un invito a mettere in relazione varie discipline e approcci per dare più elementi possibili alla popolazione e ai decisori politici; una pandemia che colpisce tutta la popolazione mondiale, un’opportunità per superare certi pregiudizi prendendo in considerazione le esigenze di minoranze e discutere a livello globale le misure necessarie. C’era, insieme alla paura e alla diffidenza, un grande potenziale di fiducia nei confronti del sapere scientifico che lentamente si è esaurito, travolto da paternalistici inviti, per non dire ordini, a “seguire la scienza”, dagli sfottò per chi anche comprensibilmente cadeva in qualche fake news o poneva legittimamente qualche domanda, dai calcoli geopolitici che hanno dominato lo sviluppo e la distribuzione dei vaccini, dall’incapacità, anche di buona parte della comunità scientifica, di gestire l’enorme flusso di informazione e disinformazione. Certo, uno zoccolo duro di complottisti e negazionisti lo si avrà sempre, ma è una minoranza chiassosa che bisogna ignorare guardando alla maggioranza silenziosa degli indecisi e dei perplessi. Che è rimasta lì: indecisa, perplessa e soprattutto disorientata da una comunicazione scientifica tutt’altro che esemplare.

È a questa occasione perduta che si pensa, leggendo le parole di Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’istituto clinico Humanitas, intervistato in occasione della consegna della borse di ricerca della Fondazione Ibsa che avrà luogo oggi. Parlando di responsabilità sociale della ricerca scientifica, di come la scienza non sia o non possa essere eticamente neutra e indifferente, Mantovani ha indicato certamente l’integrità, ovvero il dovere di non falsificare i risultati, il tipo di ricerca alla quale ci si dedica, ma anche la comunicazione. È un dovere, per la persona di scienza, comunicare con la società in modo semplice, chiaro e umile, riconoscendo i propri limiti, pensando alle conseguenze di quel che si dice. Durante l’intervista si è preferito non fare nomi, ma gli esempi negativi, durante questo ultimo anno, non sono mancati e alla fine, da questa pandemia, non ne usciremo migliori, per quanto riguarda il dialogo tra scienza e società.

Accontentiamoci del telelavoro e degli aperitivi da asporto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
8 min
Tornato Netanyahu, tornate le stragi
Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
2 gior
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
2 gior
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
3 gior
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
4 gior
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
4 gior
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
5 gior
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
6 gior
Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico
Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
6 gior
Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata
Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
1 sett
Neutralità tra coerenza e opportunismo
Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
© Regiopress, All rights reserved