laRegione
a-lezione-da-joe-in-cerca-dell-america-che-serve
(Keystone)
laR
 
12.04.21 - 11:32
Aggiornamento: 12:23
di Roberto Antonini, giornalista Rsi

A lezione da Joe, in cerca dell’America che serve

Biden è salito sul proscenio con un team capace e agguerrito, una sorta di oggetto misterioso dopo quattro anni di totale insanità politica

Ha spiazzato tutti o quasi. In meno di tre mesi, ha esternato una profonda ambizione di cambiare la società addomesticando anche la sinistra più radicale. Chi lo descriveva come il perenne vicepresidente di se stesso, l’attempato gaffeur con lo sguardo da sogliola alla mugnaia, deve ricredersi. L’altro, “Captain Chaos”, “Agent Orange” o “Adolf Twitler” a seconda del grado di ostilità che suscita, ha visto le sue fandonie silenziate dalla censura e deve ingoiare la rancorosa rabbia del cattivo perdente nel pacchiano resort di Mar-a-Lago.

Biden è salito sul proscenio con un team capace e agguerrito, una sorta di oggetto misterioso, dopo quattro anni di totale insanità politica, nel quale è felicemente incespicata la nazione americana. Dopo decenni di quella colossale tosatura alla socialità a cui ha dato la stura il reaganiano “il governo è il problema e non la soluzione”, l’orientamento di Biden si iscrive in una logica che ricorda illustri predecessori: “Make government great again”. I primi passi costituiscono uno spettacolare cambiamento di rotta che rispolvera negli obiettivi il New Deal rooseveltiano e soprattutto la Great society di Lyndon B. Johnson, il presidente in carica dal 1963 al 1969 che più di tutti agì per lottare contro la povertà (suo è il regime di assicurazione malattia universale per i più poveri, Medicaid, e per gli anziani, Medicare), a favore dell’educazione e per i diritti civili. Come il successore di John Kennedy, Joe Biden è stato eletto al Congresso all’età di 29 anni ed era inizialmente mal visto dalla sinistra del partito. Come Franklin Delano Roosevelt, il 46esimo presidente considera che la crisi sociale rischia di minare le istituzioni e di sfociare in una delle diverse articolazioni del fascismo.

Si fa quasi fatica a stare al passo con le misure inanellate in così poco tempo: quasi 2mila miliardi per il “Pandemic Relief Act” al quale dovrebbe aggiungersi, se votato dal Congresso, un gigantesco pacchetto per le infrastrutture. In tutto la spesa pubblica per i settori “non-defense” dovrebbe aumentare del 16% con il picco dell’incremento a favore del malandato settore dell’educazione (+41%), che non ha precedenti nella storia. Il rilancio delle energie rinnovabili si avvicina molto al “Green New Deal” auspicato dai “liberal” ai quali sono state servite su piatto d’argento anche le norme pro-Lgbt, il rilancio dei negoziati con l’Iran, il ritorno nell’Accordo di Parigi e il sostegno alla popolazione palestinese. Senza dimenticare che si è passati dai singolari consigli di iniettarsi la candeggina da parte di un improvvisato virologo a un approccio scientifico e di riflesso vincente nella battaglia contro il Covid.

Biden non vuole solo correggere le storture, mira a “trasformare il sistema” secondo il politologo Eric Rauchway. Per farlo necessita di quei fondi che la globalizzazione finanziaria ha fatto evadere dagli Stati. Il progetto di una tassazione universale delle multinazionali, che porta la firma della Segretaria al Tesoro Janet Yellen, è di quelli di portata epocale perché dovrebbe finalmente permettere di porre fine alla corsa al ribasso delle tasse, corsa che si conclude più o meno regolarmente nei paradisi fiscali. Le difficoltà non mancano, gli interessi in gioco sono enormi, il Congresso è diviso, ma quella di Joe è probabilmente l’America di cui il mondo oggi ha più bisogno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
america biden
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
16 ore
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
2 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
3 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
4 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
5 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
6 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
© Regiopress, All rights reserved