laRegione
infermiere-stressate-e-sottopagate
(Ti-Press)
Commento
10.04.21 - 05:250

Infermiere stressate e sottopagate

È passato un anno dagli applausi a favore delle infermiere e degli infermieri. Una solidarietà spontanea e sincera, che il mondo politico non ha raccolto

È passato un anno dall’enfatizzato scroscio di applausi a favore delle infermiere e degli infermieri. Una solidarietà popolare spontanea e sincera, ma che il mondo politico non ha raccolto. La remunerazione delle infermiere, in rapporto al salario medio svizzero, è al terzultimo posto di 32 paesi dell’Ocse. Un risultato vergognoso, non ci sono termini migliori per definirlo. Forse i politici svizzeri erano distratti durante la pandemia, o sono rimasti intontiti dall’eccesso di cifre sciorinate dai giornali e dalle radiotelevisioni. Sicuramente la stampa si è occupata troppo poco dei lavoratori, dei protagonisti delle cure. Lo ha detto bene il professor Martin Ackermann, presidente della task force Covid-19: “La maggior parte delle persone, anche se gli ospedali sono pieni, non si rende molto conto del Coronavirus. Ecco perché è importante che il personale ospedaliero e i pazienti parlino della loro vita quotidiana”.

Non solo il personale di cura è il peggio pagato dell’Occidente, ma è bene ricordare un altro dato. Secondo l’Ufficio federale di statistica, il 36% degli infermieri ospedalieri non è di nazionalità svizzera. E, infine, il punto più triste: la metà delle infermiere abbandona la professione entro dieci anni di lavoro. Di fronte a un quadro del genere cosa fa un paese civile e ricco come la Svizzera? Corre ai ripari, corregge, promuove la formazione dei giovani, migliora le condizioni di lavoro e gli stipendi degli addetti alle cure. No, niente di tutto questo, pia illusione!

Le pesanti condizioni di lavoro nel settore sanitario non si sono rivelate con la pandemia, hanno radici lontane. Come pure il deleterio numero chiuso delle facoltà di medicina, che fa sì che il 37,4% dei medici che operano da noi siano stranieri. L’Associazione svizzera delle infermiere e degli infermieri (Asi) ha lanciato nel 2017 un’iniziativa popolare, “Per cure infermieristiche forti”, per ancorare nella Costituzione elvetica alcuni principi: le cure infermieristiche sono una componente importante dell’assistenza sanitaria, va formato un numero sufficiente di infermieri diplomati per coprire il crescente fabbisogno, la remunerazione deve essere adeguata, come pure le condizioni di lavoro e le possibilità di sviluppo professionale. L’iniziativa ha raccolto più di 114mila firme, ma il Consiglio federale si è affrettato a respingerla senza proporre controprogetti. Il Parlamento dovrà decidere in modo definitivo in giugno. Le due Camere hanno elaborato un controprogetto che non risponde alle richieste dell’iniziativa. Concede agli infermieri di ampliare le loro competenze e prevede che Cantoni e Confederazione promuovano la formazione, ma nessun miglioramento delle condizioni di lavoro. Un paio di contentini che non potranno soddisfare le rivendicazioni dell’Asi e non permetteranno alla Svizzera di colmare la prevista carenza di 65mila operatori sanitari entro il 2030.

Bisogna aumentare personale e stipendi e garantire turni di lavoro meno pesanti, sostiene Verena Katz, del sindacato Vpod: “Il personale sanitario stanco e demotivato rischia di commettere errori e di entrare nella routine, che è il vero veleno per la qualità delle cure”. Il mondo della cura sarà un pilastro cruciale del futuro: deve essere per tutti un servizio pubblico di qualità e assolutamente no profit, anche se privato. I politici non l’hanno capito: saprà far meglio il voto popolare?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Riscaldamento globale, il compromesso del doppio binario
Sul clima il tempo stringe e i piccoli passi possono portare avanti: scioperare per il futuro sì, ma anche sostenere la nuova legge sul Co2
Commento
1 gior
Scozia, il tassello più pregiato del Regno disunito
La Brexit ha dato risposte facili a un problema complesso: per questo sarà difficile dire no a un nuovo referendum scozzese e alla riunificazione dell'Irlanda
Commento
2 gior
Il trionfo forzato dell'indebitamento
Storicamente il debito ha sempre avuto una connotazione negativa, perché opposto a una filosofia politica e morale di liberazione dell’individuo
Commento
4 gior
Una superpotenza chiamata Netanyahu
Primo ministro dal 2009, trova sempre un modo per restare in sella. Gli scontri di questi giorni sono l'occasione di evitare processi e declino
Commento
5 gior
Barcolla, non molla, il pugile bianconero
Il Lugano sogna ancora l'Europa ma sembra essere arrivato a questo finale di stagione con le batterie scariche, per buona pace del 'Prés' Angelo Renzetti
Commento
6 gior
Non è una sinistra per poveri (e Piketty spiega il perché)
Le classi più deboli tenderebbero a votare sempre meno una sinistra impegnata in molte battaglie culturali, ma che non riesce a parlare ai lavoratori
Commento
1 sett
Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro
Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
1 sett
Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini
Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 sett
La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti
India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
1 sett
Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra
La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile