laRegione
laR
 
09.04.21 - 08:54

In memoria di Hans Küng, lucernese universale

Era “scomodo”, forse perché osava far presente un’etica basata su due semplici principi: quello della reciprocità e quello dell’umanità

di Silvano Toppi
in-memoria-di-hans-k-ng-lucernese-universale
(Keystone)

Quasi mezzo secolo fa, l’allora vivace e libero settimanale “Weltwoche”pubblicava una serie di articoli sui personaggi svizzeri definiti “scomodi”. Figurava tra i primi Hans Küng (poco dopo apparve anche Schwarzenbach, con il suo inforestieramento). Il giovane teologo lucernese, allora quarantenne, era già molto conosciuto. Per essere definito “scomodo” scombussolava di sicuro molti dogmi non solo della Chiesa, ma anche dell’economia e della politica.

Di Küng, deceduto più che novantenne martedì a Tubinga, dove ha insegnato a lungo, si son messi in luce l’intelligenza libera e lo spirito universale (katholikos, come dice il greco) che hanno messo in discussione insegnamenti, comportamenti o dogmi della Chiesa, generando forti tensioni con il Magistero, con due papi, attirandosi anche condanne, come la revoca (da parte di Giovanni Paolo II) della qualifica di teologo cattolico, manifestando così nella forma e nella sostanza ciò che minacciava la stabilità dell’istituzione: la libertà, la libertà di ricerca. Quasi che la teologia fosse orto chiuso ecclesiale e non attività speculativa sulle cose divine e sul loro rapporto con quelle umane e naturali. Quando sono forti e sostanziosi l’uso dell’intelligenza o le conferme della ricerca non ci sono però né potere assoluto, né dicasteri, né camarille curiali che riescono a stritolarti, come avviene spesso nelle stanze ecclesiali.

La libertà, la libertà nella ricerca è il grande valore che muove Küng per tutta la sua vita, senza cedimenti alle gerarchie, senza timori o compromessi o vischiose relazioni tipiche degli ambienti clericali per garantirsi una carriera. Che per lui, più giovane teologo partecipante al Concilio, sembrava già scritta, pari a quella di Ratzinger (chiamato a Tubinga per la docenza proprio da Küng). La libertà è la conquista e l’insegnamento più bello che escono da questo libero onesto lucernese: alle volte piace credere all’imprinting che ti lasciano il luogo e la storia dove sei nato. E forse per questo poteva anche permettersi di essere “scomodo”.

Perché “scomodo”? Forse perché osava far presente (in clima schwarzenbachiano, sempre attuale) un’etica basata su due semplici principi: quello della reciprocità (non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te) e quello dell’umanità (ogni essere umano va trattato umanamente). Forse perché invitava amministratori, banchieri, finanzieri, politici ad avere un galateo: “A qualcuno di voi l’idea di un galateo degli affari non piace o può sembrare strana o fuori moda; per quanto mi riguarda è di scottante attualità. La crisi attuale (2010) mostra in modo chiaro e brutale quanto siano necessari, oggi più che mai, standard etici validi e a livello mondiale”.

Il suo progetto per un’etica mondiale, sfociato in una Fondazione che ha lo scopo di sviluppare la cooperazione tra le religioni mediante il riconoscimento dei valori comuni e di un insieme di regole universalmente condivise, è oggi assunto, come suo obiettivo vitale, da papa Francesco. Capita spesso nella Chiesa (ma non solo) che sia la Storia a costringerla a dare ragione a chi passava per contestatore o demolitore e che essa condannava o bruciava. Capiterà ancora, si può esserne certi, anche per il lucernese universale Küng.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
4 ore
Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto
Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
4 ore
L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi
Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
1 gior
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
3 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
3 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
4 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
5 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
6 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
1 sett
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
© Regiopress, All rights reserved