laRegione
se-la-satira-sul-ticino-deve-venire-da-fuori
(Rts)
Commento
02.04.21 - 05:300

Se la satira sul Ticino deve venire da fuori

Uno sketch della tv romanda sui ticinesi 'poveri ma sexy' ha fatto indignare i soliti reazionari. Non stupisce che certe risate qui siano bandite

Uno spera sempre che i giovani portino in politica qualcosa di nuovo, anche se poi si finisce spesso per rimpiangere le chiacchierate col nonno. Ultima puntata: la polemica che si è innescata su un breve sketch della tv pubblica romanda dedicato al Ticino. Un video di satira, meglio precisare: quella cosa che sugli schermi ticinesi non si vede più dai tempi del glorioso Cabaret della Svizzera italiana (d’altronde riesce difficile credere che oggi possano andare in onda coretti del tipo “siam pecorelle/siam di Cielle”, tanto plumbea è diventata la mentalità dominante).

Ora, la satira o è cattiva o non è, e quella francofona è sempre stata particolarmente diretta. Specie se si sceglie un comico francese – David Castello-Lopes – per prendere in giro gli svizzeri. Ennesima di una lunga serie che non risparmia alcun cantone, la puntata dedicata al Ticino gioca sullo stereotipo della “terra di contrasti”: la neve e le palme, Mario Botta che fa edifici o tutti tondi o tutti squadrati, i casermoni e i paeselli. Ma soprattutto la contraddizione tra bellezza e (relativa) povertà: “Non ho soldi ma sono sexy”, canta Castello-Lopes in una specie di inno-manifesto del ticinese, “piccolo portafogli certo ma alta sensualità / reddito ridicolo forse ma super flessibilità”.

Il risultato finale può piacere o non piacere, ma l’intenzione di fondo dovrebbe essere chiara: sfidare con la forza del paradosso e dell’iperbole i luoghi comuni che si portano in scena, rivelandone però anche l’eventuale fondo di verità. A rischio di gettar sale sulle ferite: la satira, diceva Giovanni Mosca che la conosceva bene, “è l'umorismo che ha perso la pazienza”.

Poi però c’è sempre quello che guarda il dito e non la luna e si offende subito, specie oggi che indignarsi pare diventato lo sport più popolare, in particolare sui social. Tra gli altri, in questo caso, il giovin deputato ultraconservatore Marco Romano, che alle bacheche di Facebook affida la sua stizza. Parla di “pura ignoranza farcita di luoghi comuni” e “messaggi fuorvianti e riduttivi del Ticino”. Par di vederlo lì, che scuote il capino con aria corrucciata. Il tono è quello paraleghista che va di gran moda nell’ala destra del Ppd (c’è poi ancora qualche progressista, in quel partito?): frasi come “qualche dubbio sull’utilizzo di quanto paghiamo con il canone è legittimo”, “alla fine hanno sempre ragione loro e fanno quanto vogliono senza limiti”.

Fa piacere vedere che a Berna si manda, paradosso dei paradossi, una persona fatta apposta per confermare proprio il peggiore stereotipo circa i ticinesi: quello dei ‘piangina’ che si lamentano sempre perché i ‘balivi’ ce l’hanno con loro. Una narrazione che farà certo comodo alle urne: ‘chiagni e fotti’, si dice un po’ più a sud. Ma anche una forma di campanilismo che a poco giova in sede federale.

Né serve a livello cantonale, quell’indignazione tagliata spessa e un tanto al chilo. Perché le redazioni d’oltre Gottardo possono ben sorvolare su certe indignazioni: sono lontane e non devono rispondere alle pressioni trasversali della classe politica d’un unico cantone. Più oppressivo è il discorso qui in Ticino, dove peraltro troppo spesso si crede che il servizio pubblico debba avere un'unica funzione: portare l’acqua con le orecchie ai politici di tutti gli schieramenti, e guai se manca la scorzetta di limone. Qui si ride già di meno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Il ricordo
17 ore
Hans Küng, la dedizione alla verità
Più di libertà e indipendenza, care a ogni svizzero, è ciò che ha fatto di lui non solo l’eminente teologo, ma anche uno degli intellettuali più ascoltati.
Commento
22 ore
Infermiere stressate e sottopagate
È passato un anno dagli applausi a favore delle infermiere e degli infermieri. Una solidarietà spontanea e sincera, che il mondo politico non ha raccolto
Commento
22 ore
Ma la finanza non impara dagli errori del passato
Il caso Archegos, costato una decina di miliardi di capitale a Credit Suisse, è l’ultimo di una lunga serie di disastri annunciati
Commento
1 gior
In memoria di Hans Küng, lucernese universale
Era “scomodo”, forse perché osava far presente un’etica basata su due semplici principi: quello della reciprocità e quello dell’umanità
Commento
2 gior
Due poltrone per tre
Erdogan 'dimentica' una sedia per la presidente della Commissione europea von der Leyen ad Ankara, ma l’Ue tarda a reagire, dimostrando le solite debolezze
L'analisi
3 gior
La guerra al virus e il ruolo dello Stato
Ora che si intravede la fine della pandemia riprende il dibattito tra il difficile equilibro tra pubblico e privato
Commento
4 gior
Un pezzo di storia che se ne va. Lunga vita alla Valascia!
Calato il sipario sulla stagione 2020/21 dell'Ambrì Piotta, è calato pure quello, definitivo, sulla storica casa dei biancoblù
Commento
1 sett
Donne che subiscono e stanno zitte, siamo tutti responsabili
Avere più ‘sentinelle’ sul territorio e coraggio civico in un Paese dove ogni due settimane una donna viene uccisa tra le mura domestiche.
Commento
1 sett
Elezioni, l’opaco siero dei candidati indebitati
A chi rincorre una poltrona viene richiesto il casellario giudiziale ma non l’estratto dell'Ufficio esecuzione e fallimenti
Commento
1 sett
Gli umarell del Canale di Suez
Tutti virologi e Ct della Nazionale sui social, ma il cantiere virtuale andato in scena in Egitto era troppo ghiotto per non dire agli esperti cosa fare
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile