laRegione
il-velo-il-burkini-e-la-semi-democrazia-del-didietro
(Keystone)
Commento
30.03.21 - 05:300
Aggiornamento : 16:41

Il velo, il burkini e la semi-democrazia del didietro

In certe iniziative si scorge un assunto comune: che la libertà di scelta e la dignità personale coincidano con l’esibizione del proprio corpo

I primi tepori di stagione favoriscono repentini cambi d’armadio e la vieppiù democratica esibizione di porzioni di carne umana. In un mattino già tiepido, lungo il Viale fa la sua apparizione il lato b di una giovane dalle sembianze nostrane, eroicamente contenuto da un paio di shorts. Nel suo incedere gagliardo quanto nervoso, la ragazza getta occhiate oblique, chissà se ansiose o timorose degli sguardi altrui. Fra questi, quello di un’imperturbabile donna dai capelli velati. La domanda sorge spontanea, e democratica: quale fra queste due donne è più libera? Libera nelle proprie scelte, libera dal giudizio altrui?

L’esercizio di una democrazia semi-diretta sa essere appassionante, talvolta divertente. Gli oggetti meritevoli della nostra intelligenza sono come le ciliegie, uno tira l’altro. Ed è dimostrazione di decenza riconoscere i propri privilegi. Dunque, dopo aver votato sulle corna delle vacche, ci si è potuti serenamente disporre a farlo sul “divieto di dissimulazione del viso”, democratica formulazione dell’intento di proibire il velo islamico integrale. Ora, dopo un primo fallimento quindici anni fa e un altro recente al Nazionale, c’è chi già rilancia con il divieto del velo a scuola. Peraltro, a questo riguardo potrebbe bastare mezz’ora di chiacchiere con dei quindicenni: “Perché una collana col crocifisso sì? Perché un tatuaggio di Maria, Buddha, Charles Manson? E un velo no?”.

Sul cielo di Locarno, capitale del cinema e autoproclamato polo culturale, per anni ha aleggiato un dilemma: bandire il burkini dai lidi pubblici? Infine, il Municipio ha spiegato di non avere potere decisionale in materia. Eppure la maggioranza del Consiglio comunale aveva appoggiato la mozione, convinta che il burkini neghi i nostri “principi di dignità” e che accettarlo equivalga a “perdere poco a poco ciò che i nostri antenati hanno costruito”. Ecco, come non pensare alle nonne di questi consiglieri, le quali, gerla in spalla e zoccole ai piedi, hanno combattuto per mostrare al Cantone le parti migliori di sé, fiduciose che un giorno le loro nipoti avrebbero riconosciuto se stesse e la propria cultura in un due pezzi quanto più possibile mini?

A ben vedere, in queste proposte si scorge un assunto comune. Che i valori democratici e la libertà di scelta e perfino la dignità personale coincidano con la gioiosa esibizione del proprio corpo, in particolare se femminile. Cioè, un’autentica donna occidentale, tirata su a polenta e latte, nel pieno rispetto dei valori democratici e degli “usi e costumi” del suo paese, come può non desiderare di rivelare se stessa al mondo? E, se questo suggerisce il pensiero comune fiorito dalla piena libertà di scelta, a quale oscura forma di condizionamento sottostà una donna che copre i propri capelli o il proprio corpo?

Mentre mi avvito senza scampo su questi quesiti, riemerge il ricordo di giovane donna conosciuta in una scuola ticinese. Ha scelto di sfuggire i tagliagole e gli stereotipi del suo paese, ha attraversato due continenti, si è presa il diritto di studiare. E di continuare a indossare un velo. Finalmente, forse, la nostra democrazia le insegnerà che, a differenza delle sue coetanee con piercing e ombelico in vista, lei non è libera.

Nell’attesa mi associo alla serafica donna velata e contemplo la mia simile che, occhieggiando in qua e in là, porta lungo il Viale la libertà sua e delle sue antenate, compressa in un paio di shorts perfettamente adeguati al democratico gusto comune.

TOP NEWS Opinioni
Il ricordo
1 gior
Hans Küng, la dedizione alla verità
Più di libertà e indipendenza, care a ogni svizzero, è ciò che ha fatto di lui non solo l’eminente teologo, ma anche uno degli intellettuali più ascoltati.
Commento
1 gior
Infermiere stressate e sottopagate
È passato un anno dagli applausi a favore delle infermiere e degli infermieri. Una solidarietà spontanea e sincera, che il mondo politico non ha raccolto
Commento
1 gior
Ma la finanza non impara dagli errori del passato
Il caso Archegos, costato una decina di miliardi di capitale a Credit Suisse, è l’ultimo di una lunga serie di disastri annunciati
Commento
2 gior
In memoria di Hans Küng, lucernese universale
Era “scomodo”, forse perché osava far presente un’etica basata su due semplici principi: quello della reciprocità e quello dell’umanità
Commento
3 gior
Due poltrone per tre
Erdogan 'dimentica' una sedia per la presidente della Commissione europea von der Leyen ad Ankara, ma l’Ue tarda a reagire, dimostrando le solite debolezze
L'analisi
4 gior
La guerra al virus e il ruolo dello Stato
Ora che si intravede la fine della pandemia riprende il dibattito tra il difficile equilibro tra pubblico e privato
Commento
5 gior
Un pezzo di storia che se ne va. Lunga vita alla Valascia!
Calato il sipario sulla stagione 2020/21 dell'Ambrì Piotta, è calato pure quello, definitivo, sulla storica casa dei biancoblù
Commento
1 sett
Donne che subiscono e stanno zitte, siamo tutti responsabili
Avere più ‘sentinelle’ sul territorio e coraggio civico in un Paese dove ogni due settimane una donna viene uccisa tra le mura domestiche.
Commento
1 sett
Se la satira sul Ticino deve venire da fuori
Uno sketch della tv romanda sui ticinesi 'poveri ma sexy' ha fatto indignare i soliti reazionari. Non stupisce che certe risate qui siano bandite
Commento
1 sett
Elezioni, l’opaco siero dei candidati indebitati
A chi rincorre una poltrona viene richiesto il casellario giudiziale ma non l’estratto dell'Ufficio esecuzione e fallimenti
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile