laRegione
l-eleganza-negata-del-passo-indietro
Joe Biden e, sullo sfondo, Kamala Harris (Keystone)
il commento
laR
 
27.03.21 - 05:30

L’eleganza negata del passo indietro

Biden stuzzica Trump e annuncia che si ricandiderà nel 2024: avrà 81 anni. Non era meglio tirare una storica volata a Kamala Harris?

La sanità lombarda non sa quel che fa, e non da ieri, nel canale di Suez – scambiato per un parcheggio – non sanno cosa fare oggi e io non so cosa farò domani. Joe Biden sa già che si ricandiderà alle elezioni del 2024. Beato lui che a 78 anni è pieno di certezze. Navigano a vista tutti, dalle megaportacontainer ai guru del vaccino, ma Sleepy Joe (Joe l'addormentato), come lo chiamavano i detrattori in campagna elettorale, deve essere in fase Rem e sogna otto anni alla Casa Bianca. Infischiandosene di piccoli dettagli come l'età, il ricambio generazionale, la questione razziale e di genere. Rinnegando più o meno tutto ciò che gli ha permesso di essere eletto e affogando le speranze di coloro che - pur non sentendosi rappresentati da lui - lo hanno votato immaginando un traghettatore che accompagnasse fuori dalla Casa Bianca un uomo disconnesso dalla realtà come Donald Trump per poi fare spazio ad altri. E ad altro. Sembrava nelle cose, prendendo spunto da chi fa conclavi da più tempo di tutti: Biden scelto più per necessità e calcolo che per acclamazione, per condurre un papato breve in grado di dare alla democrazia americana tempo di riassestarsi dopo quattro anni di sconquassi in superficie e alle fondamenta.

Biden, per essere dov’è, dovrebbe ringraziare Barack Obama, che ha fatto la campagna elettorale al suo posto, l’ondata d’indignazione tirata su da Black Lives Matter e il fatto di aver scelto l’uomo giusto – cioè una donna, nera – come vice: Kamala Harris. Certo, deve ringraziare anche un rivale che negava la pandemia, le sparava sempre più grosse e flirtava apertamente con i russi. Uno che pur di non farsi da parte ha caldeggiato l’invasione dei palazzi del potere e urlato ai brogli dove i brogli non c'erano. Ma in quanto a passi indietro, Biden dimostra la stessa ritrosia del predecessore. Impiegare i quattro anni che ha a disposizione per preparare il terreno alla presidenza della prima donna (perdipiù nera) e fare la storia vale davvero meno che restare nello Studio Ovale a ottant'anni suonati? Se Trump si ricandidasse nel 2024, l'età dei due sfidanti sommata sfiorerebbe i 160 anni. Va bene l’esperienza, ma qui si esagera.

E si esagera quando una disputa elettorale va avanti anche dopo il voto, diventando una sorta di questione privata, un regolamento di conti personale. Biden, alla prima maxi-conferenza stampa della sua presidenza non ha lanciato messaggi chiari contro le armi nemmeno dopo la scia di sangue che da Atlanta è arrivata fino a Boulder, in Colorado. In compenso ha attaccato Trump (sulla questione, sacrosanta, dei migranti) riportandolo sul ring, come se ci fosse bisogno della vecchia rivalità per trovare nuova energia. Pensate l’impatto che avrebbe avuto l’annuncio da parte di Biden di una candidatura di Kamala Harris: avrebbe dato energia per questi quattro anni e per i quattro a venire. Avrebbe alimentato speranze concrete e non solo simboli a chi cerca uguali diritti, uguali possibilità. Fare un passo indietro viene visto, in questo mondo sempre coniugato al maschile, come un gesto che denota debolezza, mai eleganza. E invece.  

Mancano ancora tre anni e mezzo e, per carità, cose ne possono ancora succedere. Ma se dovesse davvero correre nel 2024 e vincere diventerebbe il presidente più vecchio della storia degli Stati Uniti. Un record detenuto, guarda il caso a volte, da un omonimo: Joe Biden.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
donald trump joe biden kamala harris passo indietro stati uniti
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
2 gior
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
3 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
4 gior
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
5 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
5 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
6 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
© Regiopress, All rights reserved