laRegione
la-svizzera-non-e-un-paese-per-inquilini-moderati
In media gli inquilini svizzeri investono il 20% del reddito per la casa (Ti-Press)
laR
 
05.03.21 - 06:00
Aggiornamento: 13:10
di Fabio Dozio

La Svizzera non è un paese per inquilini (moderati)

Le Città, i Comuni e il Cantone dibattono su come offrire abitazioni sostenibili: tanti studi, poche realizzazioni

La Svizzera è un paese di inquilini. Il 62% della popolazione abita in affitto. Il Gran Consiglio ticinese ha appena bocciato l’iniziativa popolare “No a pigioni abusive, sì alla trasparenza: per l’introduzione del formulario ufficiale a inizio locazione”. Si tratta di una piccola riforma, promossa dall’Associazione svizzera degli inquilini, per sostenere chi fatica a trovare un alloggio a pigione sostenibile. L’anno scorso, il popolo elvetico ha bocciato l’iniziativa “Più abitazioni a prezzi accessibili”: 57 contro 43 per cento. Morale: il paese europeo con la maggior percentuale di inquilini vota contro i propri interessi.

La Costituzione prevede che la Confederazione promuova la razionalizzazione dell’edilizia abitativa, la riduzione del prezzo della costruzione di abitazioni e dei costi abitativi, prendendo in considerazione gli interessi delle famiglie, degli anziani, degli indigenti e dei disabili. Nobili intenti, non sempre messi in pratica.

Le Città, i Comuni e il Cantone dibattono su come offrire abitazioni sostenibili: tanti studi, poche realizzazioni.

A Massagno, per esempio, comune alle porte di Lugano, si è costruito molto, soprattutto condomini di alto livello. Spinto da una proposta del Ppd, il Municipio si è attivato per valutare la possibilità di offrire alloggi a prezzi sostenibili per le famiglie. Uno studio sul tema afferma che il mercato è saturo e la costruzione di alloggi da parte del Comune è inopportuna, perché potrebbe esserci una progressiva riduzione delle pigioni degli appartamenti sfitti. Il Municipio propone quindi un sussidio diretto, dai 400 ai 600 franchi mensili, per venti inquilini. Venti famiglie su 6500 abitanti sono pochine. Il sussidio va a beneficio dei locatari, ma i soldi andranno nelle tasche dei proprietari di casa. Cosa ben diversa se fosse il Comune a farsi promotore immobiliare, come suggerisce la Confederazione.

Intanto in Ticino gli appartamenti sfitti aumentano a dismisura, ma la riduzione dei canoni è poco incisiva (-1,15% nell’ultimo anno).

Lugano sembra stia uscendo dal letargo. In via Lambertenghi, se il Consiglio comunale approva, potrà nascere un ente di pubblica utilità con 25 appartamenti a prezzi bassi. Una goccia nel mare per una Città di 67 mila abitanti. Bene, abitazioni a prezzi sostenibili senza offrire profitti ai privati. Succede il contrario a Cornaredo: si progettano due torri e quattro palazzine di 20 mila mq, quando lo sfitto è del 3% e le abitazioni vuote sono 1'300. Una proposta che foraggia la cassa pensione del Credit Suisse e penalizza quella dei dipendenti comunali!

Il Cantone ha nei cassetti dal 2009 il Piano cantonale dell’alloggio, una storia molto sbandierata, ma rimasta nel limbo delle buone intenzioni.

In media gli inquilini svizzeri investono il 20% del reddito per la casa. Per chi guadagna poco è un sacrificio importante.

Boccata d’aria fresca da Bruxelles. A fine gennaio c’è stata un’inversione di tendenza nella politica abitativa europea. Il parlamento chiede maggiore protezione per gli inquilini e alloggi a prezzi abbordabili. “Mentre i governi credono ancora che il mercato risolverà tutti i problemi abitativi – dice la presidente dell’Unione internazionale degli inquilini – il parlamento Ue sta mostrando il cartellino rosso alla speculazione che ha conseguenze devastanti per gli alloggi a prezzi accessibili in Europa”. Ma chiaro, noi Elvezi non siamo in Europa!

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alloggi comuni inquilini prezzi studi svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
13 ore
Nella padella del ‘woke’
L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
1 gior
La normalità di un Festival che doveva fare festa
Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
1 gior
Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?
Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
4 gior
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
5 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
6 gior
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
© Regiopress, All rights reserved