laRegione
i-vaccini-dovrebbero-essere-un-affare-di-stato
(archivio Ti-Press)
Commento
03.03.21 - 06:000
Aggiornamento : 14:54

I vaccini dovrebbero essere un affare di Stato

La pandemia di coronavirus sta facendo emergere contraddizioni nella gestione e distribuzione dei preparati anti-Covid. Eppure sono la chiave strategica della ripresa

La crisi sanitaria ed economica che stiamo vivendo è senza precedenti in tempi recenti. Per esempio il ruolo dello Stato per la sua soluzione sarebbe ancora più importante non solo come sostenitore ultimo della domanda aggregata e quindi dei redditi, ma anche nella sua veste di regolatore. Non si capisce, per esempio, come mai nessun governo nel momento peggiore che la modernità stia conoscendo non abbia imposto a una o a tutte le aziende farmaceutiche che si stanno letteralmente spartendo il mercato mondiale dei vaccini, con profitti miliardari, di mettere il brevetto degli stessi – a pagamento – a disposizione delle imprese in grado di produrli. Se lo Stato ha potuto limitare la libertà economica per ragioni di forza maggiore, avrebbe potuto imporre questa clausola nei contratti di fornitura siglati con le major farmaceutiche: comprare i diritti di produzione e non solo i vaccini che non arrivano secondo i patti. Per alcuni specialisti della materia (Derek Lowe di Science) non è così semplice traslare questa volontà in realtà nel breve periodo per ragioni tecniche, ma potrebbe essere un’opzione per il medio e lungo periodo visto che con questo virus dovremo conviverci a lungo.

Eppure, secondo l’Ocse, “lo sviluppo e la diffusione di vaccini efficaci ha acceso la speranza di porre fine alla pandemia di coronavirus, ma le prospettive economiche di breve termine restano molto incerte e la ripresa appare sempre più esitante”. Era quanto si leggeva in un suo report dello scorso dicembre sullo stato delle economie occidentali, quando i preparati per contrastare la propagazione della pandemia a livello globale erano nella fase di approvazione da parte delle autorità regolatorie. La stessa organizzazione prevedeva che le campagne di vaccinazione, unite alle politiche sanitarie e al sostegno pubblico alle economie nazionali, avrebbero avuto un impatto importante sul Pil globale facendolo aumentare del 4,2% rispetto al crollo di pari intensità previsto per il 2020. Tutto ciò era però condizionato al rapido aumento del numero delle persone immunizzate. Per questa ragione una grande speranza si era accesa in molti tanto che la luce in fondo al tunnel di questo lungo inverno, come si suol dire enfaticamente, appariva molto più vicina. Nell’immaginario collettivo l’orizzonte temporale per somministrare le dosi di vaccino necessarie per mettere al sicuro la parte della popolazione più a rischio di complicazioni non andava oltre la primavera o l’inizio dell’estate al massimo. E invece non è stato così. A parte poche eccezioni (Gran Bretagna e soprattutto Israele) in nessun Paese occidentale si è in una fase molto avanzata di immunizzazione. Anzi, non si sa ancora se chi ha fatto il vaccino sia o no contagioso. Intanto le varianti del virus Sars-Cov 2 si moltiplicano e stanno creando molta apprensione appena al di là del confine, tanto da evocare una terza ondata con relativo terzo lockdown. A questo punto conta poco il fatto che l’anno scorso il Pil svizzero sia sceso solo, si fa per dire, del 2,9%. Se l’incertezza permane, la prospettata ripresa economica post-Covid verrà rimandata esacerbando le disparità sociali tra chi è più vulnerabile e chi invece può permettersi di guardare con ottimismo al futuro. Non bisogna infatti dimenticare che questo stress test sta accelerando la trasformazione della struttura economica, oltre alle abitudini sociali di tutti noi. Il processo di digitalizzazione sta conoscendo un tale balzo in avanti che soltanto dodici mesi fa neanche i futurologi più illuminati avrebbero potuto immaginare. Ci sarà da ricostruire. Su basi nuove questa volta.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Riscaldamento globale, il compromesso del doppio binario
Sul clima il tempo stringe e i piccoli passi possono portare avanti: scioperare per il futuro sì, ma anche sostenere la nuova legge sul Co2
Commento
1 gior
Scozia, il tassello più pregiato del Regno disunito
La Brexit ha dato risposte facili a un problema complesso: per questo sarà difficile dire no a un nuovo referendum scozzese e alla riunificazione dell'Irlanda
Commento
2 gior
Il trionfo forzato dell'indebitamento
Storicamente il debito ha sempre avuto una connotazione negativa, perché opposto a una filosofia politica e morale di liberazione dell’individuo
Commento
4 gior
Una superpotenza chiamata Netanyahu
Primo ministro dal 2009, trova sempre un modo per restare in sella. Gli scontri di questi giorni sono l'occasione di evitare processi e declino
Commento
5 gior
Barcolla, non molla, il pugile bianconero
Il Lugano sogna ancora l'Europa ma sembra essere arrivato a questo finale di stagione con le batterie scariche, per buona pace del 'Prés' Angelo Renzetti
Commento
6 gior
Non è una sinistra per poveri (e Piketty spiega il perché)
Le classi più deboli tenderebbero a votare sempre meno una sinistra impegnata in molte battaglie culturali, ma che non riesce a parlare ai lavoratori
Commento
1 sett
Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro
Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
1 sett
Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini
Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 sett
La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti
India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
1 sett
Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra
La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile