laRegione
la-selva-oscura-dei-sottosegretari
(Keystone)
02.03.21 - 18:50

La selva oscura dei sottosegretari

In Italia abbondano: quello all'Istruzione ha citato Topolino pensando fosse Dante, quella alla Cultura dice di non aver mai letto un libro in tre anni

Che dire del sottosegretario italiano all’Istruzione Rossano Sasso – fresco di nomina – che scrive su Twitter “chi si ferma è perduto, mille anni ogni minuto” pensando di citare Dante e invece cita Topolino? Che almeno legge Topolino. Il nuovo sottosegretario alla Cultura, nemmeno quello. Per sua stessa ammissione, Lucia Borgonzoni – ex candidata alla presidenza dell’Emilia-Romagna per la Lega – non apre un libro da almeno tre anni.

La figura del sottosegretario ha un che di mistico, una carica nata durante il Regno d’Italia che non è nemmeno prevista nella Costituzione repubblicana. Non dovrebbero esistere, eppure proliferano. Creature mitologiche, per metà umani e per metà risarcimenti: ufficialmente affiancano e aiutano il ministro designato, in realtà sono dei puntelli per mantenere in piedi equilibri più o meno precari. E spesso nascosti. Servono ad accontentare il partito che non ha avuto abbastanza ministri o quello che voleva proprio quel ministero lì, non quell’altro. E per recuperare raccomandati, silurati e poco lesti al gioco della poltrona, variante ad alta remunerazione di quello della sedia che tutti abbiamo fatto da bambini. Il tutto in attesa del sottosegretario definitivo: un petroliere all’Ambiente, il Mostro di Firenze alle Pari opportunità, il campione di Monopoly all’Economia, un parcheggiatore abusivo ai Trasporti, un no-vax alla Sanità, Paolo Maldini alla Difesa. 

Le vere competenze non contano per i ministri, figuriamoci per i sottosegretari. Uno si aspetterebbe una preparazione specifica e invece: Andrea Orlando (Pd) è stato ministro della Giustizia con Renzi, ministro dell’Ambiente con Letta e ora ministro del Lavoro con Draghi. O è un genio o c’è qualcosa che non quadra. Il ministro uscente dello Sport Vincenzo Spadafora (M5S) ha ammesso appena insediato di “non conoscere lo sport”. Per coerenza ha firmato una riforma del Comitato olimpico nazionale talmente malfatta che l’Italia rischia l'esclusione dalle Olimpiadi. Ecco, se questi sono i titolari, figuriamoci le riserve.

Quando escono le nomine dei ministri e poi dei sottosegretari si tira fuori il “Manuale Cencelli”, un prontuario di spartizione del potere creato negli anni ’60 da un funzionario della Democrazia Cristiana. Il manuale è una specie di bilancia che pesa l’importanza dei partiti e sputa fuori numeri e cariche. Funziona benissimo, a dispetto degli anni che passano, per ogni nomina pubblica, Rai compresa. Dice, ad esempio, quanti sottosegretari debba avere oggi la Lega: purtroppo non quanti libri dovrebbero avere letto. È così che chi legge Topolino arriva all’Istruzione e chi non legge proprio alla Cultura, nel silenzio più o meno generale. Anche perché alcuni quando parlano fanno ancor più danni. Come il segretario del Pd Nicola Zingaretti, ex Pci, che – mercoledì – davanti alla chiusura di uno dei programmi più trash della tv, “Non è la D’Urso”, twitta un messaggio solidale alla conduttrice (subito ribattezzata Barbara D’Urss) dicendole che lei sì “avvicinava la gente alla politica”. Un salotto ultrakitsch in cui chi era a caccia di consensi si faceva fare domande sparate a salve tra un morto di fama del Grande Fratello e un servizio sull’amante in fuga dal balcone (è successo davvero). Roba da rimpiangere le vecchie, noiosissime tribune politiche capaci di stenderti all’istante come solo il Lexotan e certi Gran Premi di Formula 1.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cultura dante italia sottosegretari topolino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
10 ore
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
2 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
3 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
4 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
5 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
6 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
© Regiopress, All rights reserved