laRegione
le-emozioni-dello-sport-vanno-condivise
Keystone
+2
Commento
23.02.21 - 06:000

Le emozioni dello sport vanno condivise

Gioia e orgoglio per una medaglia o una vittoria vanno liberate e date in pasto alla gente, parte integrante dello strano mondo denominato sport

I Mondiali di sci l’hanno incoronata regina delle nevi, il mondo ne ha celebrato la grandezza, esaltandone a giusto titolo le incredibili prestazioni. Lara Gut-Behrami, ticinese e rossocrociata, è l’espressione straordinaria dell'eccellenza di un Cantone che assurge a scadenze regolari agli onori della cronaca sportiva ai massimi livelli. Forte di una tradizione di trionfi internazionali che la 29enne sciatrice ha saputo onorare, dall’alto di un talento minato dagli infortuni, da qualche legittimo dubbio lungo un percorso a volte un po’ tortuoso, ma forgiato e poi temprato dalla scorza dura della campionessa, dal lavoro serio, dall'applicazione e dallo spirito di sacrificio. Doti non scontate, riservate a pochi privilegiati. Tutte qualità che sono richieste agli sportivi affinché riescano a primeggiare, a passare al livello superiore; da campioni a veri e propri fuoriclasse.

Lara questo salto l’ha fatto, ma l’impressione che ha lasciato dopo il trionfo in superG e il bronzo in discesa è stato di soddisfazione solo relativa, presto rientrata. Solo un'impressione? Per forza, no? Orgoglio, soddisfazione, pazza gioia, non sono emozioni facili da contenere. Deve pur averle provate, Lara, è normale che sia così. In cuor suo ha sicuramente pianto di gioia, esultato e fatto piroette sulla neve, ma è riuscita a non darlo a vedere. Zampilli di un’emotività più genuina si sono visti dopo la medaglia in gigante, quella più attesa, più anelata. Più chimera che obiettivo, non molto tempo fa. Quell’oro l’ha un po’ sbloccata.

Ora, la stessa ticinese ha più volte ribadito come la sua crescita l'abbia portata a dare il giusto peso a una vittoria, di fronte alla consapevolezza della donna che è diventata e al significato di valori quali la famiglia che giustamente antepone a una medaglia. Tuttavia, è un peccato che tale processo l’abbia portata a privare gli appassionati di una gioia che invece andrebbe condivisa. Le emozioni sono l'essenza stessa dello sport, unitamente ai risultati che le scatenano. Condividerle appieno, sfogandole anche pubblicamente, pur senza esagerare, è quanto di più bello ci dovrebbe essere. O no? Anche a mezzo stampa, perché no, con una diffusione più su larga scala del Lara-pensiero, con un occhio di riguardo al territorio di riferimento di cui si ha il privilegio di essere un’eroina, grazie allo sport. Certe emozioni non ripagano forse per tutti i sacrifici fatti, dando un senso al lavoro che si è svolto tutti i giorni, a costo anche di non pochi sacrifici? Passi per la scala dei valori che al primo posto non prevede un titolo sportivo, bensì cose meno effimere, tuttavia il campione lavora per primeggiare, per vincere, per superare se stesso. Sorretto, in questo sforzo, dalla passione della gente. In uno sforzo quasi condiviso che al termine, in caso di esito positivo, dovrebbe essere un privilegio celebrare tutti assieme. Uscendo, per un attimo, perché no, dal proprio schema comportamentale. Lasciarsi andare un po’ nulla toglie alla levatura morale. Giusto il tempo di godersi appieno la gloria alla quale si è lavorato tanto. Parliamo pur sempre di sport, di ricerca della vittoria, di carriere impostate sull’ottenimento di risultati importanti. Sarà anche effimera, la gloria, ma merita di essere condivisa, quando arriva. Lo prevede lo sport. Il giusto, senza esasperazioni. Ma nemmeno trattenendola tutta in cuor proprio.

Guarda tutte le 6 immagini
TOP NEWS Opinioni
L'analisi
11 ore
Usa e Russia, una guerra molto fredda
Lo spostamento di bombardieri B52 in Norvegia può provocare un'escalation nell'Artico, nuovo campo di battaglia per le superpotenze mondiali
LA formica rossa
1 gior
I soldi comprano le parole e anche i diritti
Subordinare la naturalizzazione al fatto di non aver chiesto aiuto all'assistenza per 10 anni è l'ennesimo esempio della stessa mistificazione politica
Commento
1 gior
Bifolco e farabutto lo diciamo troppo poco
Le parole e l'uso (morigerato) che ne facciamo. Abbiamo perso di vista gli aggettivi, tesori inestimabili che ci intimidiscono
Commento
1 gior
Iniziativa ‘anti-burqa’, c’è del buono nel pot-pourri
Il Comitato di Egerkingen vuole fermare 'l’islamizzazione della Svizzera' vietando il velo integrale. Ma esistono già gli strumenti per far fronte a derive
Commento
3 gior
I soldi, lo sballo, il gioco dello stupro tra Pornhub e Genovese
Di prima mattina, al semaforo, sull’utilitaria davanti a me mi colpiscono i colori squillanti di un adesivo a tutto lunotto: “Pornhub”
Commento
3 gior
Tony Judt, OpenLux e la cassaforte delle ingiustizie
Un’inchiesta giornalistica racconta di come il Lussemburgo sia la capitale dell’elusione fiscale: una scappatoia che mette a rischio lo stato sociale di intere nazioni
Commento
5 gior
Per i grandi progetti, più potere al popolo
Invece di lamentarsi se si ricorre al referendum, le nostre Città potrebbero introdurre votazioni obbligatorie per i piani regolatori e per le spese importanti
Sguardo a nord
5 gior
La meglio gioventù e l’epidemia silenziosa
Le nuove generazioni sanno adattarsi, ma non bisogna sopravvalutarle né dimenticare che la Svizzera presenta uno dei tassi di suicidio più alti al mondo
Commento
6 gior
Ketty Fusco, un ricordo
L'attrice, regista e scrittrice raccontata da Renato Reichlin, già Direttore del Teatro Sociale di Bellinzona e di LuganoInScena
Commento
6 gior
Lugano, quei limiti dietro alla solidità
Un numero esagerato di pareggi rischia di compromettere la classifica dei bianconeri. Urge un pronto ritorno alla vittoria. Per non correre rischi evitabili
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile