laRegione
per-i-grandi-progetti-piu-potere-al-popolo
Il polo sportivo a Lugano al centro della polemica
laR
 
20.02.21 - 06:00
di Fabio Dozio

Per i grandi progetti, più potere al popolo

Invece di lamentarsi se si ricorre al referendum, le nostre Città potrebbero introdurre votazioni obbligatorie per i piani regolatori e per le spese importanti

Come sta di salute la nostra democrazia? Tema complesso, potremmo aprire un dibattito. Dal profilo formale, la democrazia semi diretta elvetica rimane una grande conquista. Se valutiamo la democrazia sostanziale, possiamo elencare lacune e difetti. Consoliamoci, le democrazie perfette non esistono.

A Lugano sta creando un gran polverone la decisione dell’Mps di lanciare un referendum contro l’eventuale approvazione, da parte del Consiglio comunale, del Polo sportivo a Cornaredo. Molti definiscono inopportuno il referendum che, ricordiamolo, era stato ventilato già la scorsa estate da Fulvio Pelli, non proprio compagno di merende di Matteo Pronzini. Se non si costruisce lo stadio in tempi brevi, l’Fc Lugano potrebbe essere retrocesso. Perciò il Municipio impone un ricatto: o i docili consiglieri comunali accettano tutto il progetto in blocco (stadio e strutture sportive, più due torri, più palazzine a contenuti commerciali, più trasferimento dell’amministrazione comunale, più, più, più…) o non se ne fa niente e Lugano precipita nella miseria, sentenzia amaro Badaracco, municipale.

Ma dei ventennali ritardi del Municipio nel rinnovare lo stadio e nel costruire palazzetti dello sport, chi è responsabile?

In diverse città svizzere i piani regolatori devono di regola essere approvati dal popolo, così come le spese quando superano una cifra importante. A Lucerna, per costruire la nuova Arena, i cittadini sono stati chiamati due volte alle urne.

Sempre a Lugano c’è la decennale storia del piano regolatore di Brè. “Uniti per Brè” ha raccolto più di 3mila firme per contrastare un insediamento edilizio nel verde dietro il paese. Il Municipio ha discusso con gli abitanti, ma poi ha approvato le costruzioni, riducendone l’edificabilità. Sospesa la controversia sul Pr, nuova mattonata: licenza edilizia per un bike park in un pascolo di proprietà comunale a due passi dal nucleo. Gli abitanti di Brè come possono contrastare questi progetti? Il Pr è un bene comune e dovrebbe essere votato dal popolo. Invece l’unica arma disponibile sono i ricorsi dei privati, quando i progetti diventano definitivi. Finto dialogo “Con-i-cittadini”: vige la legge del vil denaro.

Progetto tram-treno Lugano Ponte Tresa. Associazione Traffico e Ambiente, Stan, i Comuni della collina e i Cittadini per il territorio si oppongono allo smantellamento della linea di collina. Claudio Zali, direttore del Dipartimento del territorio, si lagna contro chi bloccherebbe l’opera. Ma la popolazione quando ha potuto esprimersi sul progetto? Chi aveva interessi materiali da difendere è stato ascoltato, le associazioni della società civile no. I processi decisionali sono opachi e i cittadini non vengono coinvolti, così cresce la disaffezione nei confronti della politica.

Più o meno la stessa musica per il nuovo quartiere Officine, a Bellinzona. Collegio degli esperti, documenti, consultazione pubblica, ma passerà un progetto ciclopico senza che il popolo della capitale potrà dire veramente la sua, salvo referendum.

Invece di lamentarsi se si ricorre allo strumento democratico del referendum, le nostre Città potrebbero introdurre votazioni obbligatorie per i piani regolatori e per le spese importanti; ciò costringerebbe le autorità a ricercare maggiore condivisione delle scelte. Sarebbe un piccolo passo verso più democrazia.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
democrazia popolo potere
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
13 min
I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha
Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico
Commento
21 ore
Nella padella del ‘woke’
L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
1 gior
La normalità di un Festival che doveva fare festa
Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
2 gior
Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?
Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
5 gior
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
6 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 sett
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
© Regiopress, All rights reserved