laRegione
BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
fine
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
6
COB Jackets
0
fine
(3-0 : 2-0 : 1-0)
STL Blues
4
TB Lightning
3
fine
(0-3 : 2-0 : 1-0 : 0-0 : 1-0)
DAL Stars
3
CAR Hurricanes
0
3. tempo
(1-0 : 1-0 : 1-0)
gli-autoinganni-del-movimento-che-deve-negare-se-stesso
Mario Draghi (Ti-Press)
Commento
 
12.02.21 - 06:000
Aggiornamento : 15:08

Gli autoinganni del Movimento che deve negare se stesso

Ovvero: cosa succede quando un partito populista deve sostenere un governo guidato da una persona competente, quindi non uno dei suoi

Secondo me li prendono per scemi. I militanti grillini, dico. Non si spiega altrimenti la formulazione del referendum online col quale il vertice del MoVimento 5 Stelle gli ha chiesto se vogliono appoggiare il governo Draghi: “Sei d’accordo che il MoVimento sostenga un governo tecnico-politico che preveda un super-Ministero della Transizione Ecologica e che difenda i principali risultati raggiunti dal MoVimento, con le altre forze politiche indicate dal presidente incaricato Mario Draghi?”. Dentro ci sono tutti i paradossi del movimento, a partire da quello di un gruppo dirigente oscuro e ristretto – Casaleggio e Grillo, sostanzialmente – che cerca di convincere la base d’essere democraticissimo; lo fa con un referendum online su una piattaforma facilmente manipolabile, senza porre il quesito decisivo, ma cercando di distrarre tutti con la supercazzola del “superministero” ecologico, come quando i piazzisti d’assicurazioni ti dicono che telefonano per un sondaggio (tra l’altro “super” è un prefisso che si usa spesso nel marketing, di solito per oggetti di utilità ignota perfino al loro venditore).

Che si arrivasse al sostegno a Draghi era scontato: un po’ per l’oggettiva popolarità dell’ex presidente della Banca centrale europea, un po’ perché non si capisce bene come funzioni la piattaforma Rousseau, ma anche perché l’emergenza è di quelle che incoraggiano il sostegno a un “governo di responsabilità”. Gli arruffoni alla guida dei Cinquestelle sono riusciti insomma a frenare quel treno che loro stessi, per anni, hanno lanciato a velocità forsennata verso il vuoto di una presunta opposizione tra popolo ed élite, tra bravaggente e tecnici, tra onesti e ladri. Un guareschiano “contrordine, compagni”.

La speranza è che la lezione possa servire per il futuro, e non solo in Italia. Che cioè si capisca una volta per tutte come non basti vellicare il bassoventre della società per costruire una democrazia davvero partecipativa, e come la rappresentanza debba idealmente andare a chi sa cosa sta facendo. Cosa che non è successa negli ultimi anni, se è vero che per ricomporre il giocattolo smontato dagli infanti romani si è dovuto chiamare proprio Draghi.

Naturalmente, a chi ha combinato il pasticcio ora fa comodo nascondere l’accaduto. La parte istituzionalizzata del MoVimento giura che il nuovo governo sarà una prosecuzione di quello vecchio, cosa che fa ridere chiunque conosca la storia dell’ex banchiere: europeista ed epistocratico, insomma la nemesi dell’“avvocato degli Italiani” e dei Vaffa Day. La cosa non sfugge alla parte più bombarola del partito, e a tutti quelli che pur di non riconoscere il danno fatto si nascondono dietro all’ennesima teoria del complotto: quella per cui è tutta un’astuta mossa dei tecnocrati di Bruxelles per commissariare l’Italia, la pandemia è stata gestita benissimo e finalmente Roma aveva un governo di alto profilo. Sono quelli che rinfacciano il “golpe” al nuovo governo non eletto, come se Conte lo fosse mai stato, e come se gli italiani eleggessero davvero l’esecutivo. Si sta attribuendo a Draghi la presunta pugnalata europea alle spalle dell’Italia dopo la crisi del 2008, dimenticando che fu anzitutto lui, con politiche sostanzialmente keynesiane, a strappare il pallone dalle mani dei fanatici austeristi di Berlino.

Certo, con l’Europa l’Italia dovrà trattare, e non sarà facile. Ma rispetto all’ultima crisi l’Unione si direbbe più attenta all’importanza della spesa pubblica per il rilancio dell’economia: il problema è come spenderli, quei soldi, e la bozza di Recovery Plan presentata da Conte era solo un’accozzaglia di sussidi a pioggia. Una constatazione che getta una luce desolante su un sistema-Paese aggrovigliato su sé stesso. Al netto della retorica soteriologica di molti media italiani – che ne hanno già fatto partire il culto della personalità – a Draghi toccherà il ruolo di chi deve liberare da sé stessa quella politica alla quale, di volta in volta, dovrà però chiedere appoggio. Sarà un lavoraccio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
23 ore
La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista
Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
1 gior
Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù
Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
1 gior
Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere
Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
1 gior
Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini
Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
3 gior
Lezione di democrazia made in Usa
Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
3 gior
Una certa simpatia per rettori e referendum
È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
4 gior
La normalizzazione dell’indecenza
Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
4 gior
Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego
Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
4 gior
Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto
Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
5 gior
La diplomazia del ping Peng
Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile