laRegione
le-origini-del-virus-la-volpe-la-cina-l-oms
Andrà tutto bene (Keystone)
laR
 
10.02.21 - 06:10

Le origini del virus, la volpe, la Cina, l’Oms

Secondo gli ispettori internazionali l’ipotesi di un incidente di laboratorio è altamente improbabile. Ma tutto dipende dalla fiducia che vogliamo, o dobbiamo, riporre nelle autorità cinesi

C’è una grande incognita, nei primi risultati dell’indagine avviata dall’Organizzazione mondiale della sanità sulle origini del coronavirus.

In una lunga conferenza stampa – tanto lunga quanto povera di novità, hanno già commentato alcuni –, il gruppo di esperti dell’Oms ha affermato di aver valutato principalmente quattro scenari, tra cui il famigerato incidente di laboratorio. Ma alla fine l’ipotesi giudicata maggiormente verosimile rimane quella sulla quale già si puntava la scorsa primavera: lo spillover, il passaggio dai pipistrelli all’uomo attraverso un ospite intermedio ancora sconosciuto. Quello che adesso sappiamo è che verosimilmente il mercato di Wuhan non è stato il luogo in cui è avvenuto questo salto di specie, ma semplicemente quello del primo focolaio. Per il resto, poche certezze e pochi dati: come ha affermato l’esperto cinese Liang Wannian, “sulla base delle informazioni attuali non è possibile determinare come il virus sia arrivato nel mercato di Wuhan”. Non vi sono prove della diffusione del virus prima di dicembre 2019 e un numero impressionante di campioni prelevati da animali selvatici e d’allevamento è risultato negativo. In attesa del rapporto conclusivo dell’indagine, ci dobbiamo limitare a quanto affermato dal responsabile del team Ben Embarek: l’ipotesi di un incidente di laboratorio è “estremamente improbabile”, visti i livelli di sicurezza estremamente sofisticati nelle strutture visitate dall’Oms.

Non stupisce che per alcuni esperti – come Alina Chan intervistata sull’edizione di sabato 6 febbraio – con questa scarsità di prove sia meglio sospendere il giudizio sulle origini del virus, evitando di parlare di maggiore o minore probabilità. Cautele forse eccessive, ma comprensibili, dal momento che la valutazione non dipende solo da prove scientifiche.

Se troviamo una cacca di volpe davanti alla porta di casa, possiamo pensare che si tratti di escrementi lasciati da un animale selvatico che passava da quelle parti oppure sospettare che sia coinvolto il nostro vicino di casa. Su quale delle due ipotesi puntare dipende certamente da alcuni fattori naturali – viviamo in città o in campagna? – ma soprattutto da quanto ci fidiamo del nostro vicino.

È questa la vera grande incognita, in questa faccenda e nell’indagine dell’Oms: la fiducia che possiamo, e vogliamo, riporre nelle autorità cinesi. Quanto quei rigidi protocolli di sicurezza erano effettivamente applicati? I coronavirus erano studiati con quel livello di biosicurezza oppure con uno più basso? La risposta dipende da quanto ci fidiamo e l’Oms non può che riporre grande fiducia, altrimenti il suo team non sarebbe mai arrivato in Cina. Perché l’Oms non ha l’autorità che possono avere le forze dell’ordine durante una perquisizione: è piuttosto l’inquilino che gentilmente chiede di poter entrare in casa d’altri per capire da dove arriva la perdita d’acqua.

Conoscere l’origine del virus è utile per capire quali provvedimenti è bene prendere per ridurre il rischio di un’altra pandemia. Tuttavia anche l’incertezza in cui ci troviamo dovrebbe spingerci a ragionare su possibili – per quanto utopici – provvedimenti, come rendere l’Organizzazione mondiale della sanità maggiormente indipendente dai governi o addirittura permetterle, per quanto riguarda indagini e vigilanza, di muoversi con una certa autonomia, senza attendere il benestare delle autorità statali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cina coronavirus oms
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
4 ore
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
4 ore
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
2 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
4 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
5 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
6 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
1 sett
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
1 sett
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
© Regiopress, All rights reserved