laRegione
laR
 
08.02.21 - 11:46
Aggiornamento: 17:20

Senza riforme il post pandemia sarà peggio di prima

Altro che anno zero: gli squilibri sociali ed economici non sono una novità, il virus li ha però accentuati

di Fabio Dozio
senza-riforme-il-post-pandemia-sara-peggio-di-prima
Non è proprio questo ciò che proponeva Klaus Schwab (Keystone)

“Dopo non sarà più come prima”. Quante volte l'abbiamo sentita, questa frase, nei mesi bui della pandemia, tra chi immaginava che lo spavento fosse foriero di riforme? È ormai passato un anno e, proprio in queste settimane, si svelano i conti delle grandi aziende, dalle multinazionali alle banche.

Novartis, per esempio, ha chiuso l'anno con un utile di 7,2 miliardi di franchi, il 13% in più dell'anno prima. Il Ceo Vasant Narasimhan ha visto lievitare la sua retribuzione, nel 2020, di 2 milioni di franchi, raggiungendo 12,7 milioni. Vale a dire un aumento del 20% circa. Il boss avrà sicuramente dei meriti, ma senza il lavoro dei suoi dipendenti, quali sarebbero i risultati di Novartis? Non sembra che Narasimhan abbia distribuito ai suoi collaboratori i frutti dei lauti guadagni. Novartis ha incentivato il lavoro da casa, anche dopo il confinamento, offrendo 500 franchi una tantum ai dipendenti, mentre può affittare gli uffici di Basilea.

Altri risultati fanno riflettere: Ubs annuncia un utile in crescita del 54%, a 6,63 miliardi di franchi. La grande banca spiega che il risultato destinato agli azionisti è cresciuto del 137%. Il nuovo presidente della direzione Ralph Hamers afferma di volere una banca più agile. Infatti ha già annunciato la chiusura di 44 sportelli su 240 solo in Svizzera. Più profitti, meno posti di lavoro.

È il capitalismo, bellezza, quindi non c'è da stupirsi. Fino a un certo punto. Perché uno degli anfitrioni del capitalismo, Klaus Schwab, fondatore del Wef, il Forum di Davos, ripete da tempo che bisogna correggere il tiro. Schwab, a cinquant'anni dalla fondazione del suo Forum e dopo aver passato gli ottant’anni, si chiede con che razza di capitalismo si ritrova. Ha la lucidità di capire che qualcosa sta andando storto, a differenza di certi pifferai del libero mercato che ancora non si sono accorti dei disastri del liberismo. Schwab propone di ripartire da zero: ci vuole un Grande Reset, dice, come fossimo all'indomani della seconda guerra mondiale. Bisogna pensare a una società inclusiva e più giusta, a uno sviluppo sostenibile, con la decarbonizzazione per evitare una grande catastrofe.

Il concetto che sta a cuore al fondatore del Wef è privilegiare gli stakeholder invece degli shareholder. I termini inglesi si prestano a facile confusione, forse per questo i frequentatori di Davos fingono di non capire. Distribuire benefici agli stakeholder significa darli a tutti coloro che partecipano ai destini delle aziende, quindi alla società, shareholder sono invece gli azionisti. Vi sembra che, nell'anno della pandemia, sia cambiato qualcosa? Prof. Doktor Schwab, dove sono le correzioni e le riforme del sistema economico? 

Senza riforme il post pandemia sarà peggio di prima, altro che anno zero. La capo economista del Fondo Monetario Internazionale Gita Gopinath stima che quest'anno circa 90 milioni di persone scivoleranno nella povertà estrema. Se n’è accorta anche la Neue Zürcher Zeitung, che con un titolo a piena pagina ha sentenziato che il Coronavirus crea disparità. La pandemia non è democratica, colpisce soprattutto i poveri che muoiono in misura maggiore – dice la Nzz –, e ridurre le disparità sociali deve diventare una priorità politica del nostro tempo.

D’altronde gli squilibri sociali ed economici non sono una novità, la pandemia li ha però accentuati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida
Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
1 gior
Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto
Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
1 gior
L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi
Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
2 gior
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
4 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
4 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
5 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
6 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 sett
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
© Regiopress, All rights reserved