laRegione
hai-voglia-a-non-chiamarli-i-negazionisti-del-coronavirus
Manifestazione “no-mask” a Ginevra il 12 settembre 2020 (Keystone)
Commento
29.01.21 - 06:050

Hai voglia a non chiamarli ‘i negazionisti del coronavirus’

Gli ‘Amici della costituzione’ scrivono al Consiglio di Stato contro le mascherine. E dobbiamo avere il coraggio di chiamarli negazionisti

Non piace neanche a me, l’epiteto “negazionista” attribuito a chi dubita delle scelte politiche per contrastare la pandemia o di aspetti medici e scientifici. Definire “negazionista” chi protesta per restrizioni giudicate inappropriate o chiede conto dell’efficacia e della sicurezza di un trattamento è un modo per togliere legittimità all’interlocutore, per non affrontare la discussione. Una scelta retorica ancora di più inaccettabile in questo periodo dell’anno, con la Giornata delle memoria che ci ricorda l’indicibile tragedia che i negazionisti, quelli veri, non accettano.

Chiamare “negazionista” chi ha idee che non corrispondono a quelle comunemente accettate è un errore, perché il dubbio, e la libertà di esprimerlo, sono alla base tanto della scienza quanto della politica. Tuttavia ci sono delle situazioni in cui il termine risulta perfettamente appropriato: non un modo per sminuire dubbi legittimi, ma la precisa definizione di un atteggiamento prima ancora che di una tesi. E il parallelismo con i negazionisti dell’Olocausto cessa di essere una forzatura e diventa una giustificata estensione del concetto. Ne costituisce, purtroppo, un buon esempio una recente lettera aperta che il gruppo “Amici della costituzione“ ha indirizzato al consiglio di Stato per criticare l’imposizione delle mascherine quale strumento di contrasto alla pandemia. Non si vuole, qui, difendere quest’obbligo o ridicolizzare i disagi che questo comporta: la legittimità di questa limitazione della libertà e l’utilità effettiva delle mascherine non sono verità scolpite nella pietra ed è giusto che il tema non sia sottratto al dibattito. Il problema, come purtroppo capita sempre più spesso, è quali argomenti si vogliono portare a questo dibattito.
La lettera degli Amici della costituzione è chiaramente e platealmente negazionista. Gli autori, infatti, non solo criticano le politiche sanitarie o l’affidabilità dei test molecolari, ma sostengono esplicitamente l’inesistenza del nuovo coronavirus (“presunto virus che è presunta causa del Covid-19”, “non esiste un virus isolato che dimostri causare il Covid19”). E SARS-CoV-2 si trova del resto in buona compagnia: leggendo il testo scopriamo che anche il virus dell’Hiv non esisterebbe o quantomeno non causerebbe l’Aids e forse persino l’influenza stagionale non sarebbe questione di virus ma di onde radio (nonostante vi siano resoconti di epidemie influenzali almeno dal Cinquecento e forse addirittura nell’Antichità).

Ma la lettera degli Amici della costituzione è negazionista non solo per i contenuti: è lo stile argomentativo che ricorda molto i negazionisti dell’Olocausto. Riassumendo l’interessante lavoro della semiologa Valentina Pisanty (‘L’irritante questione delle camere a gas: logica del negazionismo’, Bompiani): la sistematica distorsione dei documenti e delle testimonianze; l’accentuazione di tutti gli errori, le ambiguità e le sbavature nei documenti; l’invenzione di anomalie inesistenti; l’equiparazione di errori e menzogne; l’accenno ai moventi degli impostori. O, come ha efficacemente scritto Primo Levi riferendosi ai pretestuosi dubbi sull’autenticità del diario di Anna Frank: “Trovare una screpolatura, infilarci una lama e far leva; non si sa mai, potrebbe anche crollare l’edificio, per quanto robusto”.

Gli esempi, nella trentina di pagine della lettera, non mancano. Gli aggiornamenti delle raccomandazioni diventano segno di qualcosa di losco; uno studio che raccomanda, quando si indossa la mascherina al chiuso, di aerare bene i locali e riconduce la sensazione di disagio all’aumento di temperatura e umidità nella zona coperta diventa la prova che indossando la mascherina si rischia l’asfissia; e così via.

Possiamo quindi tranquillamente affermare che gli Amici della costituzione sono negazionisti. E probabilmente dobbiamo farlo: non certo per impedir loro di parlare – l’introduzione del reato di negazionismo è del resto delicata anche a proposito dell’Olocausto –, ma per valutare con cognizione di causa quali voci ascoltare e quali invece ignorare, nel doveroso dibattito su come affrontare la pandemia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Riscaldamento globale, il compromesso del doppio binario
Sul clima il tempo stringe e i piccoli passi possono portare avanti: scioperare per il futuro sì, ma anche sostenere la nuova legge sul Co2
Commento
1 gior
Scozia, il tassello più pregiato del Regno disunito
La Brexit ha dato risposte facili a un problema complesso: per questo sarà difficile dire no a un nuovo referendum scozzese e alla riunificazione dell'Irlanda
Commento
2 gior
Il trionfo forzato dell'indebitamento
Storicamente il debito ha sempre avuto una connotazione negativa, perché opposto a una filosofia politica e morale di liberazione dell’individuo
Commento
4 gior
Una superpotenza chiamata Netanyahu
Primo ministro dal 2009, trova sempre un modo per restare in sella. Gli scontri di questi giorni sono l'occasione di evitare processi e declino
Commento
5 gior
Barcolla, non molla, il pugile bianconero
Il Lugano sogna ancora l'Europa ma sembra essere arrivato a questo finale di stagione con le batterie scariche, per buona pace del 'Prés' Angelo Renzetti
Commento
6 gior
Non è una sinistra per poveri (e Piketty spiega il perché)
Le classi più deboli tenderebbero a votare sempre meno una sinistra impegnata in molte battaglie culturali, ma che non riesce a parlare ai lavoratori
Commento
1 sett
Rotto l’argine della dialettica, Ppd e Plr pensino al futuro
Lo scambio di cortesie tra Dadò e Speziali non è per forza un male. Però entrambi sappiano che protagonista non è il dibattito politico, ma chi fuori soffre
Commento
1 sett
Forse è tardi, per parlare dei brevetti dei vaccini
Sospendere la proprietà intellettuale sui vaccini per il Covid potrebbe non avere gli effetti sperati. Ma ugualmente dovremmo ripensare il sistema dei brevetti
Commento
1 sett
La ‘Corona Diktatur’ degli uomini forti
India e Brasile, due esempi inquietanti che ci dicono che nemmeno le autocrazie riescono a fare meglio nella gestione della pandemia
Commento
1 sett
Trump, quella di Facebook è una censura lecita ma maldestra
La sospensione a tempo indeterminato dell'ex presidente è una sanzione vaga e priva di base normativa. La “corte suprema” del social network chiede chiarezza, probabilmente invano
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile