laRegione
laR
 
21.01.21 - 06:10
Aggiornamento: 19:50

Conte e i trasformisti della politica italiana

Il presidente del Consiglio simbolo di un modo di fare politica che cambia con il solo scopo di lasciare tutto così com'è, preservando il potere

conte-e-i-trasformisti-della-politica-italiana
(Keystone)

Difficilmente Giuseppe Conte farà la storia d’Italia, in compenso l’Italia e la sua storia si sono già impossessate di lui e di ciò che lo circonda. In un calderone pop che frulla tutto assieme, dal Gattopardo a Elio e le Storie Tese, dai guitti della Commedia dell’arte all’arte della guerra: non quella gloriosa di Sun Tzu, ma quella miserabile e opportunista di chi cambia alleato in battaglia con la stessa facilità di Casanova con le compagne di letto.

L’assioma di Karl Marx per cui la storia si ripete sempre due volte, prima in tragedia e poi in farsa, in Italia arriva a un terzo livello che scivola verso il cinepanettone e oltre, dove la realtà non solo viene ridicolizzata, ma del tutto sovvertita, sostituita da personaggi reali che sembrano partoriti da uno sceneggiatore in vena di sberleffi. Conte, con quell’aria da rassicurante professore di provincia e la parlata affettata, è il perfetto rappresentante 2.0 del gattopardesco “tutto cambi affinché nulla cambi”. E a cambiare è lui per primo, a seconda di quel che gli ruota attorno. Anti-europeista e trumpiano quando governava con Salvini, amicone di Bruxelles e di Joe Biden ora che sta con il Pd. Una centrifuga che andava bene finché Renzi non ha fermato il cestello mostrando panni sporchi e incongruenze nascoste in parte dalla pandemia, in parte dal fatto che Conte non ha bisogno di cambiare maschera per cambiare idea. Ammesso che ne abbia mai avuta una che non fosse il rimanere attaccato alla poltrona. Tutto e il contrario di tutto pur di avere qualcuno a sostenerlo, che sia di destra, di sinistra o il perenne caos in cerca di un centro di gravità permanente chiamato Cinque Stelle.

Conte, quindi, Arlecchino servitore di due padroni? Piuttosto un Arlecchino padrone di due servitori, come ha dimostrato la risicata fiducia ottenuta lunedì. Se fosse crollato lui sarebbe crollato tutto: Italia Viva in primis, che lo sfiducia senza votargli contro, invocando la morte del governo e un matador per affondare il colpo decisivo. Renzi, che veleggia nei sondaggi tra il 2 e il 3 per cento, ha bisogno di Conte, così come tutti gli altri: chi per avere un bersaglio facile, chi per avere un alleato da tradire se capiterà qualcosa di meglio, chi per tenersi stretto lo stipendio da parlamentare. D’altronde, si sa, “teniamo famiglia” e il treno destinazione Parlamento non è detto che passi di nuovo alle prossime elezioni. Così assistiamo a pasionarie di Forza Italia che tradiscono Berlusconi e a postcomunisti duri e sempre meno puri che votano la fiducia insieme a chi faceva il saluto romano: soccorso rosso, soccorso nero e mutuo soccorso. Finché dura. Tutto deve cambiare affinché tutto resti com’è, il resto è rumore di fondo, tra un richiamo al kairos greco e uno al “governo dai piedi di balsa”, latinismi e Playmobil.

Quando il nonsense vince, in altri Paesi si passa oltre, in Italia s’indugia per vedere fin dove si arriva, con quel voyeurismo da internet che ti fa aprire il video del pappagallo che canta Verdi e la scimmia che impenna sulla moto. A suggellare il momento, l’antieroe del giorno è un senatore perduto e ritrovato, ovviamente pro-Conte (oggi, domani chissà), che chiede e ottiene di votare a giochi fatti dopo essere sparito durante gli appelli. Ha un viso da caratterista da commedia all’italiana e un nome - ignoto ai più - che pare inventato: Lello Ciampolillo. Perfetto per rappresentare sottobosco e Fantabosco della politica italiana.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
1 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
2 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
3 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
4 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
5 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
5 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
5 gior
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
6 gior
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
1 sett
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
© Regiopress, All rights reserved