laRegione
laR
 
14.01.21 - 19:40

L'azzardo secondo Matteo

A Matteo Renzi non riesce l'azzardo, e in caso di elezioni a giugno rischia la débâcle. Ma la paura dei parlamentari di perdere il seggio potrebbe salvarlo

l-azzardo-secondo-matteo
(Keystone)

Lo spauracchio delle urne e annessi sondaggi sembrava forse, a Matteo Renzi, il modo ideale per fare pressioni sugli alleati di governo, Pd e CinqueStelle, e far pendere la bilancia dalla sua parte in merito all’utilizzo o meno dei fondi europei del Mes minacciando la crisi di governo. Ora la crisi è arrivata davvero, e rischia di rivelarsi un boomerang politico: sia il Partito Democratico sia i CinqueStelle chiudono nettamente a una nuova ipotesi di governo con l’ormai ex alleato definito “inaffidabile” e non escludono elezioni a giugno. Le quali, con i numeri attuali, sancirebbero la sparizione di Renzi e di Italia Viva dal campo politico, con il 2% attribuito dai sondaggi non sufficiente neanche a superare la soglia di sbarramento. Un Renzi, insomma, che si dimostrerebbe ancora una volta il peggior nemico di se stesso, pagando a caro prezzo il secondo azzardo dopo le dimissioni annunciate in caso di fallimento del referendum costituzionale del 2016 e successivamente, amaramente confermate dopo il fallimento dello stesso, ormai divenuto un vero e proprio quesito Renzi Sì - Renzi No anche al di là dell’oggetto in sé della votazione. Una replica, curioso caso del destino, dopo essere stato la nemesi di un altro azzardo di un suo quasi omonimo, quel Matteo Salvini che, dopo la rottura con il governo Conte annunciata dalle spiagge romagnole nell’estate del 2019,  non si aspettava un Sì di Renzi a un governo con gli eterni nemici dei CinqueStelle. I metodi cosiddetti “da Prima Repubblica”, quelle trame politiche spesso intricate alle quali la politica del Belpaese ci ha abituati, stavolta non hanno funzionato di fronte a un soggetto politico come i CinqueStelle, ancora alieno all’idea che è la sottile arte del compromesso a muovere la politica fin dall’alba dei tempi. Una rigidità sulle proprie posizioni il cui più eclatante risultato è stato quello di restare fuori dal governo dopo aver sbancato alle elezioni del 2013; all’epoca, l’ostinato rifiuto a ogni accordo con il Pd guidato da Pierluigi Bersani portò prima a un esecutivo di “larghe intese” guidato da Enrico Letta, poi, ironia della sorte, al governo Renzi. Quella rigidità però è venuta meno quando si è reso necessario “perdonare” anni di insulti reciproci e allearsi con il Pd per restare aggrappati alle poltrone di governo, nel caldo agosto in cui Matteo Salvini dal Papeete rischiava appunto di mandare tutti a casa, compresi metà dei CinqueStelle dopo averne fagocitato i voti. Grillini che in quell’occasione ricevettero l’aiuto insperato di Renzi, che poco dopo compiva l’ennesima scissione della sinistra italiana. Ma se i CinqueStelle sembrano granitici sulle loro posizioni, la “vecchia politica” potrebbe ancora dare una mano all’uomo di Rignano sull’Arno: a parte Giorgia Meloni ansiosa di capitalizzare il consenso crescente  di Fratelli d’Italia, il non-detto di tutta la vicenda è che di fatto le elezioni, oltre che a Renzi, fanno paura a tanti. La prossima legislatura, infatti, sarà “orfana” di 230 deputati e 115 senatori, tagliati dal referendum costituzionale sulla riduzione dei parlamentari, cavallo di battaglia dei CinqueStelle, e sono dunque in tanti a rischiare di restare fuori dal Parlamento (compresi molti dei grillini) e a non gradire l’eventualità di elezioni anticipate. Un fronte ampio che nel nome della conservazione dello scranno in parlamento potrebbe fornire un assist a Renzi per evitare di finire fuori dai giochi: la “vecchia politica”  (o quella classica, se vogliamo dare un tono più neutro) che salva Renzi per salvare se stessa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
1 gior
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
2 gior
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
3 gior
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
4 gior
La realtà artefatta del Qatar
Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
5 gior
I guai di Letta (e del Pd)
La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
6 gior
Non perdere una guerra senza vincere la pace
In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett
Il partito delle donne e quello degli uomini
Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett
Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti
La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett
Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre
A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
IL COMMENTO
1 sett
Salvini, Meloni e il governo degli sburoni
Fenomenologia semiseria della destra italiana, tra promesse irrealistiche e minacce da bar
© Regiopress, All rights reserved