laRegione
laR
 
13.01.21 - 06:00
Aggiornamento: 10:32

Cosa non va nel ‘social media ban’ di Trump

Un mondo virtuale senza i messaggi di odio di Trump è un mondo migliore. Ma la sospensione del presidente Usa è più un atto di forza dei social media che di libertà

di Ivo Silvestro
cosa-non-va-nel-social-media-ban-di-trump
Non c'è segnale (Keystone)

No, non riesco ad esultare per l’esclusione di Donald Trump dalla scena dei social network sulla quale, ben prima di diventare presidente degli Stati Uniti, ha seminato odio e disinformazione.
Certo è un bene che i suoi messaggi intrisi di razzismo e teorie cospirazioniste abbiano ridotte possibilità di circolare: non parliamo del pittoresco “covfefe” o dei “1000 hamberders” (sarebbero hamburger) offerti a una squadra di football in visita alla Casa Bianca, ma della condivisione di video xenofobi contraffatti, di insulti verso avversari politici, di false accuse. Date in pasto a milioni di follower, pronte a essere ricondivise e commentate, quelle affermazioni non sono semplici opinioni da tutelare nel nome della libertà di espressione, ma atti di violenza verbale. È utopistico pensare che senza questi attacchi quotidiani il dibattito pubblico migliorerà, ma ci si può accontentare che smetta di peggiorare sempre più.
Allora, perché non gioire? Perché sarebbe ingenuo pensare che l’assalto al Campidoglio abbia improvvisamente reso attenti i social media che certi messaggi non sono – riprendiamo un celebre esempio di John Stuart Mill – il dibattito sul ruolo del commercio di cereali nelle carestie, ma urlare che i mercanti di grano sono degli affamatori dei poveri alla folla eccitata che si è riunita davanti alla casa di uno di essi. Perché negli anni Twitter e Facebook hanno tollerato di tutto, giustificando spesso con argomenti capziosi l’impunità di certi politici quando per molto meno – sia come contenuto, sia come importanza, perché un conto è @realDonaldTrump, un altro è @petaloso95 – persone comuni si vedevano account sospesi. E se, dopo l’aggiunta di alcuni avvisi aggiunti ai contenuti più controversi, si è arrivati alla sospensione e poi alla cancellazione dell’account, forse il vero motivo è, semplicemente, che Trump ha perso: non solo le elezioni, ma più in generale il potere.
Quel “Account sospeso” non è la giustizia che finalmente tratta alla pari @realDonaldTrump e @petaloso95, ma l’arbitrio di alcune aziende private – Facebook, Twitter, ma anche Google, Amazon e Apple che hanno bloccato il social network “alternativo” Parler – che fondamentalmente fanno quello che vogliono, interpretando a piacimento le regole che si danno. Il che sarebbe un problema qualsiasi attività svolgessero queste aziende, ma che qui è aggravato dal fatto che parliamo una sorta di “servizio pubblico”, dal momento che più o meno direttamente controllano l’accesso al dibattito pubblico. E se Trump ha comunque i mezzi per continuare a parteciparvi anche se in non più in posizione di forza – difficilmente una sua conferenza stampa sarà ignorata dai mass media e dagli utenti dei social media – , altri rischiano di essere davvero tagliati fuori, di vedersi effettivamente limitata la libertà di espressione.
I tweet di Trump se tutto va bene non saranno più un problema. Le decisioni di Twitter rischiano di esserlo ancora a lungo e dovremmo interrogarci su possibili soluzioni. Dare maggiori tutele e poteri agli utenti è una, ma la gestione dei ricorsi – tramite mediatori o peggio ancora tribunali – rischia di essere complessa e comunque lascerebbe fuori dissidenti e attivisti che difficilmente potrebbero appellarsi alle autorità del proprio Paese. Indebolire i social network, facendo “spezzatini” delle grandi aziende tecnologiche? È una possibilità, ma la strada è lunga e il rischio è frammentare ancora di più le comunità virtuali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
10 ore
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
2 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
2 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
3 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
4 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
5 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
6 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
6 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
1 sett
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
1 sett
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
© Regiopress, All rights reserved