laRegione
usa-il-carnevale-della-democrazia
Un pagliaccio tra i tanti (Keystone)
laR
 
11.01.21 - 06:10
di di Roberto Antonini, giornalista Rsi

Usa, il carnevale della democrazia

Giunti a Washington a difesa del loro Cesare scalzato, i pretoriani di Trump si sono rivelati per quello che sono: esaltati pagliacci.

Bandiere di Gadsden con tanto di serpentone giallo e minacciose messe in guardia “don’t tread on me” (“non calpestarmi”), stendardi sudisti dagli espliciti richiami razzisti, ma anche qualche vessillo con quattro piccole croci rosse disposte attorno a una croce più grande su sfondo bianco: nell’ordinarle su Amazon i golpisti da operetta non si erano ovviamente accorti di aver sbagliato qualcosa, stavano in effetti esibendo, tra la folla che spavalda lanciava l’assalto al sancta santorum del potere, gli stendardi della repubblica caucasica della Georgia e non dell’omonimo stato americano del sud, dove secondo loro sarebbero avvenuti brogli elettorali.

Giunti a Washington a difesa del loro Cesare scalzato dal “complotto giudaico-pedofilo-satanista-comunista”, i pretoriani di Trump si sono rivelati per quello che sono: esaltati pagliacci. Pensavano che come in un western di John Wayne, il potere si potesse conquistare piantando la bandiera nel fortino conquistato. E poi lui, il Nerone da carnevale, grottesco nel suo tramonto da cattivo loser, la cui personalità disturbata e narcisista che ha retto le sorti dell’America e in parte del mondo negli ultimi anni, si è dissolta come un temporale estivo.

Certo anche alle nostre latitudini abbiamo avuto non pochi spacconi: i Borghezio che esibivano il loro casco da cornuto guerriero nordico o i Salvini che dal Papeete di Milano Marittima rivendicavano i pieni poteri. Dal teatrino provinciale a quello della superpotenza: il Q-Shaman, all’anagrafe Jack Angeli, quello con il casco da Vichingo e i tatuaggi esoterici con triangoli intersecati che richiamerebbero Odino, la divinità che svetta nel panteon germanico e nordico, assomiglia più a Diego Abatantuono nella versione “Attila, flagello di Dio” che non a un pericoloso golpista. Quando gli sono scattate le manette ai polsi ha riferito di aver semplicemente seguito l’appello del presidente Trump.

È forse utile ricordare che QAnon, il movimento complottista a cui si rifanno molti seguaci del presidente, è di fatto un fritto misto di baggianate, secondo cui Lady Diana sarebbe stata uccisa nel tentativo di fermare l’11 settembre, che i burattinai globalisti (con alla testa l’immancabile George Soros) hanno creato il Covid-19 per controllare il mondo, e che dietro questa regia mondiale si cela un’internazionale pedofila e comunista in cui spiccano i nomi di Joe Biden e Hillary Clinton. Il movimento raggiunse l’acme della sua popolarità, quando suoi seguaci irruppero coraggiosamente nella pizzeria Comet Ping Pong di Washington, per andare a liberare i bimbi che, stando ai post sui social, la cospirazione giudaico-democratico-comunista aveva sequestrato e stava seviziando e torturando nello scantinato. Quale non fu la loro delusione quando si resero conto che la pizzeria non possedeva neanche uno scantinato.

Anni di secchiate di odio e disprezzo rovesciate dal presidente, grandinate quotidiane di fake news, complicità opportunistiche nel partito e istituzioni, malafede o ignoranza di chi ha visto in lui un baluardo contro lo l’establishment, hanno precipitato il paese in una spirale paranoica, dandogli sembianze “miserabili, ridicole e tragiche” (Le Figaro). In giornata sarà avviata dai democratici la (seconda) procedura di impeachment: non è detto che passerà (al senato è richiesta la maggioranza dei due terzi), ma l’America oggi ha comunque bisogno di una catarsi per voltare pagina. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
democrazia trump usa washington
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
3 ore
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
2 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
3 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
4 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
5 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
6 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
© Regiopress, All rights reserved