laRegione
sopravvivenza-senza-fronzoli
Il commento
laR
 
09.01.21 - 06:10

Sopravvivenza, senza fronzoli

Usciti da un 2020 doloroso e zeppo di difficoltà, siamo entrato in un'annata che di garanzie non ne fornisce. Né per i grandi né per i piccoli eventi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Da poco siamo usciti (con sollievo e qualche buon proposito) da un anno di rinvii, annullamenti e confusione. Sfregiato, nello specifico dello sport, dalla scomparsa di figure iconiche quali Kobe Bryant e Diego Armando Maradona, per restare in ambito internazionale, e Doris De Agostini, stringendo la prospettiva entro i confini regionali. Perdite pesantissime, dolorose, che lasciano un vuoto incolmabile, patrimonio dello sport che è andato perso, nella sua stagione oltretutto più complicata in assoluto. Appesantendo un quadro a tinte fosche tendenti al nero.

Manco il tempo di metabolizzare la grave perdita e di cercare di scorgere, all’orizzonte, un po’ di quella luce di cui si avverte il bisogno, la necessità, che già siamo stati travolti dalla seconda ondata che ha tolto dagli stadi e dalle piste quelle poche centinaia di eletti che vi avevano avuto accesso; ha precluso lo sport a chi più di 16 anni; ha fermato tutto quanto non è professionistico, minando le certezze anche dei principali campionati, confermati ma sballottati, tra rinvii, quarantene e recuperi. In un contesto tecnico-sportivo occorre dirlo, un po’ confuso e ribaltato. Credibile fino a un certo punto, al netto di equilibrio e incertezza che solitamente stuzzicano l’interesse degli utenti e alimentano il fascino di una competizione.

Grazie al lavoro ridotto, a crediti straordinari, a prestiti a tasso agevolato o a tasso zero, a investimenti a fondo perso, lo sport è sopravvissuto al 2020, questa è una delle certezze lasciateci in eredità da un’annata scivolata via tra lutti, dubbi, e paure. Ma ancora non tutti hanno scollinato con successo, imboccando la via di una rinascita. Le incertezze legate al futuro sono ancora tante, i quesiti sono rimasti quasi tutti aperti, gli scenari possibili talmente tanti da non rendere per nulla semplice sceglierne uno, pessimista, realista od ottimista che sia. Il pubblico tornerà negli stadi? In quale misura? E quando? Quali conseguenze avrà la pandemia su eventi sportivi, società e leghe? Lo sapremo forse tra un paio di anni. Anni lungo i quali però la crescita non sarà che minima, ammesso che ci sia. Perché probabilmente il concetto vero con il quale lo sport dovrà fare i conti è la sopravvivenza stessa, senza troppi fronzoli.

O meglio: la sopravvivenza è per chi non ha mai interrotto l’attività, privata del conforto (e del sostegno economico) del pubblico. Per chi invece si è trovato i sigilli con il cartello di “chiusura a tempo indeterminato” sulla porta, in ballo vi è la ripresa, importante anche a fini sociali ed educativi, oltre che finanziari. Quando? Chissà.

I grandi eventi, l’espressione più plateale dello sport a livello mondiale, sembrano confermati più o meno un anno dopo la loro collocazione originale. Con uno slancio di ottimismo anche un po’ gratuito, ci possiamo appigliare agli Europei di calcio e alle Olimpiadi per certificare un ritorno alla normalità che in realtà tale non è, tanti sarebbero i vincoli e i protocolli da rispettare anche in caso di svolgimento. Tuttavia, affinché la luce in fondo al tunnel risulti meno fioca di quanto sia, serve altro. Serve che lo sport possa rimettersi in piedi dal basso, dalla sua espressione più amatoriale. Per ora, non siamo ancora legittimati ad averne, di certezze. Pessimisti, ottimisti o realisti che siamo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certezze chiusura sopravvivenza sport
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona
L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
2 gior
La Corte suprema Usa e i suoi imam
Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
4 gior
A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)
Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
4 gior
M5S, la diversità di essere uguali
Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
5 gior
Le conseguenze della guerra
Commento
5 gior
Magistratura, se la politica non fa i compiti
Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
6 gior
Calcio femminile a maturazione lenta
I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
6 gior
Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr
Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
1 sett
Giochi di potere a Wimbledon
La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
1 sett
Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano
Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
© Regiopress, All rights reserved