laRegione
23.12.20 - 06:00
Aggiornamento: 19:09

Il prozio Donald e l'America che troverà Biden

Trump continua a giocare con teorie del complotto e ipotesi assurde. Non ce la farà, ma lascia al successore un sistema paralizzato

il-prozio-donald-e-l-america-che-trovera-biden
Barcolla ma non molla (Keystone)

Quest’anno non ci saranno i cenoni natalizi, per cui non potremo passare il tempo a ingozzarci mentre un prozio o una biscugina se la prendono coi vaccini, le tasse, gli immigrati, i giovani d’oggi o Soros. Per chi non può proprio fare a meno di questi siparietti, resta una valida alternativa: seguire gli ultimi giorni di Donald Trump alla Casa Bianca.

È chiaro che il presidente uscente non intende lasciare lo Studio ovale senza prima metterlo a ferro e fuoco. Continua a giocherellare con assurde teorie del complotto, con la legge marziale e il sequestro delle macchine elettorali, con l’idea di fomentare il Congresso alla ribellione. Proprio come capita al povero prozio, ormai non gli danno più retta nemmeno i suoi: è ovvio che questo “re Lear in un regno di Twitter al tramonto”, come lo ha definito la Cnn, non riuscirà a rovesciare l’esito del voto. Ma di certo farà di tutto pur di continuare a screditare le istituzioni fino all’ultimo, con un comportamento più da buffone che da sovrano (anche se scelte come quella di accelerare le esecuzioni federali non fanno proprio ridere).

Ad ogni buon conto, dopo quattro anni del genere una cosa possiamo dirla con un certo sollievo: il sistema americano ha retto. I ‘pesi e contrappesi’ tra diversi poteri hanno fatto sì che Trump abbia abbaiato ben più di quanto sia riuscito a mordere. Un ultimo esempio: il fatto che perfino la Corte suprema, a maggioranza repubblicana, abbia respinto i suoi ricorsi.

Questo, però, non significa che Joe Biden si troverà in posizione di forza, anzi. Al di là dei danni causati dal trumpismo – e più in generale dalla degenerazione populista del partito repubblicano negli ultimi trent’anni o giù di lì – il rischio è che il neoeletto debba governare come per molti anni dovette fare Barack Obama: per decreto, senza riuscire a cambiare davvero la legge a causa di un Congresso spaccato e paralizzato. Col rischio, poi, che un successore possa cancellare quanto fatto con un colpo di spugna.

Fa temere questa prospettiva lo scenario in Senato, dove nel migliore dei casi il ballottaggio in Georgia darà ai Democratici un pareggio, con la sola Kamala Harris a fare da ago della bilancia per ogni atto della futura legislatura. Ma la fanno temere, più in generale, le enormi crepe nell’edificio federale: la guerra di sabotaggio tra Washington e i singoli Stati e l’estremizzazione della classe politica, favorita da un sistema elettorale che conferisce peso eccessivo alle realtà più periferiche e che agevola, attraverso il perverso disegno dei collegi elettorali, l’elezione dei ‘duri e puri’ scelti dai militanti alle primarie.

Così Biden – che non ha certo il carisma di Obama ­– dovrà lottare con una realtà apoplettica, radicalizzata e sempre meno credibile agli occhi degli stessi americani. La sua squadra raccoglie esperienze, competenze e una varietà di destini ben superiori a quelle dei ‘vecchi maschi bianchi’ di Trump; il programma manifesta una dignitosa attenzione alle sfide sanitarie e sociali del Paese. Per fare meglio c’è da augurarsi che basti così, con tutto quello che gli Usa hanno dovuto subire finora: ci speriamo in molti, ma sarà bene non illudersi troppo. Intanto il prozio continua a blaterare.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
2 gior
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
2 gior
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
3 gior
Il grande ricatto di Putin
Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
4 gior
Valera è la cosa giusta
Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
5 gior
Rito dunque sono
Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
6 gior
Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco
Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
Commento
1 sett
Erdogan e il gioco delle tre carte
Erdogan si schiera ambiguamente un po’ con tutti, a seconda di quel che gli conviene. Un equilibrismo che nasconde nuove mosse, anche in Europa
Commento
1 sett
L’isola delle rose
Di ‘Candle in the Wind 1997’ è già stato scritto? E di Elisabetta II che chiede a Eric Clapton ‘anche lei suona la chitarra?’...
Commento
1 sett
Federer, il più amato
Lo svizzero è stato superato da Nadal e Djokovic come numero di Slam vinti, eppure è la dimostrazione che certi talenti occupano un posto speciale
© Regiopress, All rights reserved